Spatola

Gruppo di spatole, foto DigitalLibrary
Origine zoogeografica:
Paleartico-tropicale
Areale di distribuzione:
La prima nidificazione nota per l’Italia è avvenuta nel 1989, con due nidi nelle Valli di Comacchio. Nello stesso sito i nidificanti sono poi aumentati regolarmente. Fino ad un centinaio nel 2003. Alcune nidificazione sono avvenute anche in Friuli e in zone interne dell’Emilia Romagna e del Piemonte (tratto da Iconografia degli Uccelli d’Italia-scheda di Mauro Fasola). In Sardegna la specie fa delle apparizioni sporadiche principalmente durante il passo primaverile. Gli individui sono spesso in numero esiguo e mancano dati certi sui reali luoghi frequentati.
Identificazione:
Dimensioni simili all’Airone rosso (80 – 90 cm), di colore bianco niveo su tutto il piumaggio e leggere sfumature fulve sul petto negli esemplari adulti e durante il periodo estivo una cresta arruffata. Il becco ha la forma a spatola, da cui la specie prende il nome. In volo il collo viene tenuto disteso e leggermente arcuato in basso.
Habitat:
Frequenta paludi, stagni, saline, spiagge ed estuari. Di abitudini prevalentemente solitarie, diventa gregario durante il periodo della nidificazione e durante la ricerca di cibo. La dieta è costituita da piccoli pesci, crostacei, molluschi ed insetti, catturati grazie alla caratteristica conformazione a spatola del becco; infatti agitando il fondo con la punta del becco crea delle correnti che permettono di portare in sospensione le prede di cui si nutre. Le abitudini sono principalmente notturne, anche se non è raro osservarla anche durante le ore diurne.
Riproduzione:
Nidifica in zone planiziali in colonie sia monospecifiche che miste con altre specie di uccelli acquatici nei canneti o sulle piccoli isolotti, talvolta sugli alberi o sui cespugli.
Status di conservazione:
La specie in Europa ha uno status sfavorevole
Fattori di minaccia:
Alterazione e riduzione degli habitat, inquinamento delle acque, misure di conservazione non idonee.
Grado di protezione:
Inclusa nell’Allegato della L. R. 29 luglio 1998, n° 23.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Platalea leucorodia
Nome sardo:
Gragàlla, Gragallu
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • La rana di Lessona è nota anche come rana verde minore ed è un anfibio della famiglia Ranidae, presente in Europa.
    La specie è caratterizzata da una colorazione variabile, ma in genere mostra un fondo verde chiaro con delle macchie di un verde oliva o scuro sul dorso. Il capo ha forma...
  • E’ una specie tozza col collo grosso, con una lunghezza di 45 cm, un’apertura alare di 80-92 cm e un peso di 175-370 g. Sessi simili. La colorazione del piumaggio è fulvo chiaro...
  • Ha un’apertura alare di circa 70-80 millimetri, con il corpo nero punteggiato da macchie bianche. Le ali sono arancioni: quella anteriore ha una striscia bianca con margini neri,...
  • Sessi simili con il maschio leggermente più grande della femmina. Le sue dimensioni si attestano intorno ai 45 cm di lunghezza con un’apertura alare si circa 80-92 cm. Piumaggio...
  • Il maschio è alato, ha il corpo giallastro lungo 18 millimetri e le elitre brune. La femmina invece è lunga fino a 25 millimetri, è gialla con i fianchi rosa ed è attera. Entrambi...
  • Orecchie grandi e lunghe a contatto sopra la testa. Lunghezza testa-tronco 42-53 mm, un’apertura alare di 240-285 mm. Il dorso assume una colorazione grigio-bruna tendente al...
  • Specie molto sospettosa presenta la parte superiore ed il vertice color sabbia mentre la parte inferiore è bianca. La faccia è grigia tendente al blu. In livrea nuziale il maschio...
  • Un falconide di notevoli dimensioni, il cui areale comprende Europa, Asia e Africa. Nonostante la sacralità dei falchi presso numerose culture antiche, il nome italiano ( sacro )...
    Grande falco massiccio dalle ali e la coda lunghe con coda squadrata o leggermente arrotondata. Apertura alare di 104-129 cm. Le dimensioni sono simili a quelle della Poiana...
  • Piccola aquila di dimensioni simili a quelle della Poiana, ma con ali più lunghe e più strette.
    La coda è lunga e squadrata. Testa e collo non particolarmente sporgenti. Femmina leggermente più grande del maschio. Apertura alare di 110-130 cm. Sessi simili. Due fasi di...
  • Le lunghe antenne sono il tratto distintivo di questo splendido insetto: nodose e segmentate, superano la lunghezza del corpo (nel maschio) o la eguagliano (nelle femmine).
    L’adulto, lungo fino a 7 centimetri, ha un corpo slanciato di colore nero. Le antenne nodose e filiformi sono rivolte all'indietro e molto lunghe, fino a 11 centimetri nel...
  • La lunghezza testa-tronco è di (40) 45-55 (60) mm con un’apertura alare di 240-275 mm. La colorazione del dorso assume una tonalità color bruno rossastro mentre nel ventre è più...
  • Anfibio urodelo di piccole dimensioni, di solito raggiunge gli 11-12 cm. Si distingue per a testa appiattita, poco più lunga che larga, di forma triangolare e poco distinta dal...