Spatola

Gruppo di spatole, foto DigitalLibrary
Origine zoogeografica:
Paleartico-tropicale
Areale di distribuzione:
La prima nidificazione nota per l’Italia è avvenuta nel 1989, con due nidi nelle Valli di Comacchio. Nello stesso sito i nidificanti sono poi aumentati regolarmente. Fino ad un centinaio nel 2003. Alcune nidificazione sono avvenute anche in Friuli e in zone interne dell’Emilia Romagna e del Piemonte (tratto da Iconografia degli Uccelli d’Italia-scheda di Mauro Fasola). In Sardegna la specie fa delle apparizioni sporadiche principalmente durante il passo primaverile. Gli individui sono spesso in numero esiguo e mancano dati certi sui reali luoghi frequentati.
Identificazione:
Dimensioni simili all’Airone rosso (80 – 90 cm), di colore bianco niveo su tutto il piumaggio e leggere sfumature fulve sul petto negli esemplari adulti e durante il periodo estivo una cresta arruffata. Il becco ha la forma a spatola, da cui la specie prende il nome. In volo il collo viene tenuto disteso e leggermente arcuato in basso.
Habitat:
Frequenta paludi, stagni, saline, spiagge ed estuari. Di abitudini prevalentemente solitarie, diventa gregario durante il periodo della nidificazione e durante la ricerca di cibo. La dieta è costituita da piccoli pesci, crostacei, molluschi ed insetti, catturati grazie alla caratteristica conformazione a spatola del becco; infatti agitando il fondo con la punta del becco crea delle correnti che permettono di portare in sospensione le prede di cui si nutre. Le abitudini sono principalmente notturne, anche se non è raro osservarla anche durante le ore diurne.
Riproduzione:
Nidifica in zone planiziali in colonie sia monospecifiche che miste con altre specie di uccelli acquatici nei canneti o sulle piccoli isolotti, talvolta sugli alberi o sui cespugli.
Status di conservazione:
La specie in Europa ha uno status sfavorevole
Fattori di minaccia:
Alterazione e riduzione degli habitat, inquinamento delle acque, misure di conservazione non idonee.
Grado di protezione:
Inclusa nell’Allegato della L. R. 29 luglio 1998, n° 23.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Platalea leucorodia
Nome sardo:
Gragàlla, Gragallu
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • È una cavalletta dalla conformazione tozza. La femmina, più grande del maschio, raggiunge i 10 centimetri di lunghezza. Il colore di base è verde, con screziature variegate. Le...
  • Ha un corpo allungato, di circa 10 mm, dall’elegante colore verde. Le grandi ali, trasparenti e reticolate, sono ripiegate a tetto sul dorso. Dotata di lunghe antenne filiformi,...
  • La sua apertura alare va dai 39 ai 48 millimetri. La femmina è leggermente più piccola del maschio. Ha ali bianche con una macchia nera e apice nero nelle femmine, mentre nei...
  • Le sue caratteristiche fisiche lo fanno somigliare ad un ramoscello. Ha antenne corte, zampe lunghe, ed è privo di ali e di spine. Il colore va dal verde chiaro della fase...
  • Le dimensioni testa-tronco sono di circa 42-58 mm, con apertura alare di 29-32 cm. Si tratta di una specie relativamente grande, di colore grigio bruno nella parte dorsale ed il...
  • Si riconosce per avere sulle tibie e nella membrana alare il pelo folto. La colorazione sul dorso è grigio scura o marrone giallastra con il ventre più chiaro. La lunghezza testa-...
  • L’adulto è lungo 8-12 millimetri e presenta una colorazione rossa con disegni geometrici neri che ricordano dei motivi tribali africani. Le ali sono ridottissime, inadatte al volo.
  • È una farfalla di medie dimensioni con un’apertura alare che può variare da 50 a 60 millimetri. La femmina ha le ali con una sfumatura verdastra. Nel maschio le ali sul lato...
  • La forma del corpo è quella di una mosca di circa 10 millimetri, ma l’addome arancione con bande nere strette lo fa somigliare ad un insetto pericoloso come la Vespa. I maschi...
  • Il Mestolone si distingue dalle altre anatre per avere il becco smoderatamente grande a spatola e grosso. Il maschio è bianco con losanga scura superiormente con lo specchio...
  • I Mutillidi sono una famiglia di imenotteri vespoidei . Vengono comunemente chiamati "formiche" di velluto per il corpo ricoperto di peluria e l'aspetto che ricorda una formica...
    Il corpo è lungo 10-16 millimetri e ha aspetto vellutato. La testa, il torace e le zampe sono di colore rosso brillante, l’addome è nero e presenta cinque macchie bianche. I...