Gheppio

Gheppio femmina (foto Cristian Mascia)

Il Gheppio è un piccolo falco dalla sagoma snella e agile, con le ali appuntite.

Abile cacciatore, si nutre principalmente di piccoli mammiferi, lucertole, insetti, uccelli.

Il terreno di caccia viene esplorato dall’alto:
rimane sospeso nell’aria, sbatte le ali, apre a raggiera la coda ed osserva attentamente l’ambiente in cerca di prede. Individuata la preda, si muove con destrezzae strategicamente piomba dall'alto per falra sua.

Origine zoogeografica:
Paleartico-paleotropicale
Areale di distribuzione:
Nidifica in gran parte dell’Europa. La popolazione presente in Sardegna è da considerarsi sedentaria.
Identificazione:
La coda stretta barrata di nero sul bordo e la testa rotondeggiante. Dimorfismo sessuale. La parte superiore del maschio è color castano rugginoso maculata mentre la parte inferiore è fulva con delle macchioline nere. Vertice, nuca e collo presentano una colorazione grigio ardesia-bluastra finemente striata di nero. La femmina al posto delle macchioline è barrata di scuro sia superiormente che inferiormente. La testa è grigio nocciola striata di nero; fronte e sopracciglio chiari. Sopraccoda grigio-bluastro con barrature scure. Becco bluastro con punta nera e cera gialla. Circoli orbitali, tarsi e zampe gialli. Iride bruna. Lungo 34 cm. con un’apertura alare di 68-80 cm. e un peso di 230-270 g. Il maschio è leggermente più piccolo della femmina. Nel volo attivo i battiti sono rapidi e poco profondi, spesso interrotti da planate e picchiate. Nel volteggio le ali sono piatte o leggermente rivolte verso il basso; talvolta la punta è tenuta lievemente aperta e la coda completamente spiegata. La planata avviene ad ali rivolte all’ingiù.
Habitat:
L’habitat ideale della specie sono gli spazi aperti: dalla pianura sino ad un’altitudine di 2000 metri. Frequenta colline, coste, boschi, città, prati, paludi.
Riproduzione:
Nidifica isolatamente oppure in colonie, in vecchi nidi di altri uccelli, sulle rocce, all’interno di grosse cavità di alberi ed in vecchie costruzioni. Depone 4-6 uova in maggio. La femmina è preposta per la cova mentre il maschio cerca il cibo per entrambi.
Status di conservazione:
Specie non minacciata a livello regionale.
Fattori di minaccia:
Alterazione e distruzione degli habitat, uso indiscriminato di pesticidi, persecuzione.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna All. II; L.R.23/98.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Falco tinnunculus
Nome sardo:
Futibbentu, atilibbriu, tilibriu
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Si riconosce per le grosse dimensioni che caratterizzano gli esemplari adulti. Volo elegante, abitualmente planato e volteggiato...
    Si riconosce per le grosse dimensioni che caratterizzano gli esemplari adulti. Volo elegante, abitualmente planato e volteggiato. Volteggia con rari battiti d’ala e tenendo le ali...
  • Come tutte le Damigelle ha corpo sottile e slanciato. La lunghezza totale è di 29-32 millimetri. È un insetto vivacemente colorato: il maschio è verde metallico, nero e azzurro;...
  • I sessi risultano differenziati: il maschio in primavera e durante l’inverno ha il capo e il collo di color verde scuro, collare bianco, petto bruno-rossiccio in contrasto con le...
  • Piccolo mammifero, nota anche come toporagno dai denti bianchi maggiore , è un toporagno diffuso in Europa e Nord-Africa. Frequenta soprattutto prati e zone boscose. Come il...
    Misura da 9 a 13 cm di lunghezza totale e pesa da 7 a 15 gr da adulto. Ha una pelliccia piuttosto folta di colore bruno-rossiccio sul dorso mentre nel ventre sfuma nel grigio...
  • Le abitudini coprofaghe del capovaccaio gli hanno attribuito i nomignoli spagnoli di churretero e moñiguero , vale a dire " mangiatore di sterco "...
  • La rana di Lessona è nota anche come rana verde minore ed è un anfibio della famiglia Ranidae, presente in Europa.
    La specie è caratterizzata da una colorazione variabile, ma in genere mostra un fondo verde chiaro con delle macchie di un verde oliva o scuro sul dorso. Il capo ha forma...
  • Si tratta di un piccolo sauro appartenente alla stessa famiglia del Gongilo Sardo ( Scincidi ). Questa specie è presente in gran parte del bacino occidentale del Mediterraneo...
    Come tutti gli Scincidi, la specie ha il corpo allungato e serpentiforme; può raggiungere e superare i 40 cm di lunghezza, ma generalmente si riscontrano dimensioni inferiori, la...
  • Si tratta della sottospecie endemica di Sardegna e Corsica: Splendido passeriforme di colorazione vivace, caratteristico cinguettio melodioso e piccole dimensioni ...
    È un passeriforme piuttosto comune, dall'aspetto inconfondibile: testa bianca nei lati e nera all'apice; viso con chiazze rosso sangue, e mascherina nera intorno agli...
  • Unico canide presente oggi nelle isole del Mediterraneo, in Sardegna è presente la sottospecie endemica ichnusae differenziatasi a seguito dell’isolamento geografico. Questa...
    Ha le dimensioni di un cane di media taglia ed è più piccola della foma continentale (lunghezza testa - corpo 59-64 cm), la coda è caratteristica, folta e lunga circa metà del...
  • Il corpo è di forma ovoidale e raggiunge in genere gli 8 mm di lunghezza. Capo e torace sono neri, con due macchie bianche. Sulle elitre, dal tipico colore rosso acceso, si...
  • Il Cervo sardo-corso, è il più grande mammifero selvatico presente in Sardegna, costituisce la sottospecie endemica sardo-corsa del Cervo europeo ( Cervus elaphus Linnaeus , 1758).
    Il cervo sardo si distingue dalla specie nominale europea per alcuni caratteri morfologici come adattamento alle condizioni di insularità. Le dimensioni del corpo sono inferiori...
  • L' aurora è un lepidottero appartenente alla famiglia Pieridae .
    La sua apertura alare va dai 39 ai 48 millimetri. La femmina è leggermente più piccola del maschio. Ha ali bianche con una macchia nera e apice nero nelle femmine, mentre nei...