Upupa

Sant'Antioco, esemplare di upupa (foto G.Sedda DigitalLibrary Regione Sardegna)

L’upupa è un uccello inconfondibile per via del suo splendido piumaggio colorato e per la cresta molto appariscente, che spesso resta bassa sulla testa ma che in alcuni momenti può essere eretta.

L’areale di questo uccello è davvero vasto: si possono trovare esemplari in Europa, ma anche in Africa ed in Asia. 
Ne esistono 3 specie, sono tutte molto simili, cambia solo l'areale di distribuzione: 
 - Upupa comune o eurasiatica
- Upupa marginata (Madagascar) 
- Upupa africana

Extra

Davvero difficile che passi inosservata: oltre al piumaggio (molto colorato, va dal rosso all’arancione) e la caratteristica cresta erettile, la si può nota per il suo volo, particolarmente lento e leggiadro.

Il nome “upupa” deriva proprio dal verso di questi uccelli: l'etimo è onomatopeico, perchè riproduce proprio il canto del maschio durante il periodo dell’accoppiamento (hup-hup-hup).
Se quindi vi capita di sentire questo suono, provate a controllare: l’uccello potrebbe sfoggiare la sua meravigliosa cresta!

 

Areale di distribuzione:
Specie politipica, durante la stagione riproduttiva è distribuita uniformemente in tutto il territorio nazionale ad eccezione delle aree di alta montagna e delle piccole isole.
Identificazione:
L'upupa è un uccello caratterizzato dal piumaggio piuttosto vistoso, con colori vivaci osservabili soprattutto durante il volo. Possiede un lungo becco sottile e leggermente incurvato. Facilmente riconoscibile per la presenza di vistose bande bianche e nere sulle ali e sulla coda, mentre il resto del corpo assume una colorazione bruno rossastra. Vistosa cresta erettile sulla nuca che viene ripiegata durante il volo.
Habitat:
Tipica specie delle aree pianeggianti e di collina. Frequenta i margini di boschi, frutteti, coltivi, castagneti. Si nutre di una grande varietà di insetti ma non disdegna gli anellidi e piccoli anfibi e rettili.
Riproduzione:
La nidificazione avviene generalmente in ambienti alberati ma non umidi, nelle cavità degli alberi o nelle rovine. La femmina depone 4 o 7 uova, piccole ed allungate di colore verde-biancastro e ricoperte di puntini bianchi.
Status di conservazione:
Specie non minacciata
Fattori di minaccia:
La specie ha uno status di conservazione favorevole in Europa. Le cause principali di minaccia sono causate dalle trasformazioni ambientali degli ecosistemi agrari e forestali.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna (legge 503/1981, allegato II).
Curiosità:
La cresta dell’upupa suscita sempre una certa curiosità: si tratta infatti di un particolare inconfondibile che permette di distinguere immediatamente questo uccello: in un particolare periodo diventa un meraviglioso ventaglio. Nella stagione dell’accoppiamento infatti, il maschio apre la propria cresta per attirare l’attenzione della femmina ed inizia a corteggiarla con il suo canto soffice ed ovattato.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Upupa epops
Nome sardo:
Mariapupùsa, pubùsa, pupusa, pupuxa
Classe:
Famiglia:
Fauna:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Lungo 19 cm. Facilmente riconoscibile per la sua struttura possente, le grandi dimensioni, il becco giallo e robusto. Presenza ai lati del collo di una banda larga e nera. Il...
  • Tra i rapaci più diffusi, il Nibbio bruno è un rapace di dimensioni medio grandi ed è una delle specie più longeve (oltre 20 anni). Facilmente distinguibile dal " cugino " Nibbio...
    Apertura alare 175-195 cm. Corpo snello, ali lunghe e moderatamente larghe. La coda lunga identificazione in volo, tenendo presente che la forma biforcuta è invece caratteristica...
  • Più piccolo e chiaro della specie nominale, ha una lunghezza totale di circa 38-53 cm, le zampe posteriori lunghe, una colorazione della pelliccia prevalentemente grigia,...
  • È simile al Macaone (Papilio machaon), da cui si discosta per la presenza di “code” più corte e per le macchie rosse più piccole sulle ali posteriori. L’apertura alare va dai 6 a...
  • Airone di piccole dimensioni e piumaggio prevalentemente bianco, confuso spesso con la Garzetta da cui differisce per il collo più grosso e l’aspetto più tozzo.. Sessi simili. Il...
  • Tra le falene più grandi in Europa: la femmina raggiunge apertura alare di 16 cm. Il bruco è verde, a maturità lungo fino a 10cm. Vorace di fogliame nei frutteti ...
    Le ali sono di color cioccolato-nocciola sfumato di grigio, con 4 grandi ocelli. La femmina adulta ha l’addome molto voluminoso e può raggiungere un’apertura alare di ben 16 cm...
  • È una farfalla di piccole dimensioni con un’apertura alare di circa 15-16 millimetri. Il corpo è tozzo, le ali sono di color bruno scuro, con delle macchie bianco-giallastre al...
  • La specie veniva considerata come razza geografica della Raganella italiana, ma di recente è stata elevata al rango di specie a sè stante. La pelle è liscia e piuttosto viscida,...
  • E’ una delle anatre selvatiche più rare in Italia. Il piumaggio è color mogano scuro, mentre il ventre, lo specchio alare ed il sottocoda sono color argento. Non presenta mai del...
  • Pipistrello di grossa taglia, è il più grande Myotis della Sardegna, facilmente riconoscibile per la sua mole e per le orecchie piuttosto lunghe. Pelliccia di colore grigio-bruno...
  • S'Abilastru , così è chiamata in sardo, era una specie ormai scomparsa dal nostro territorio: verrà reintrodotta con un nuovo progetto LIFE nel Parco Naturale Regionale di...
    Sessi simili. Lunga 65-70 cm, con apertura alare di 150-160 cm, e peso medio di 2 kg. Le parti superiori sono bruno scuro, in contrasto con quelle inferiori più chiare, con una...
  • Apertura alare 55-70 cm. Specie caratterizzata da coda lunga ed ali ampie e arrotondate. Dimorfismo tra i due sessi. La femmina è circa 1/3 più grande del maschio. Il maschio è...