Upupa

Sant'Antioco, esemplare di upupa (foto G.Sedda DigitalLibrary Regione Sardegna)

L’upupa è un uccello inconfondibile per via del suo splendido piumaggio colorato e per la cresta molto appariscente, che spesso resta bassa sulla testa ma che in alcuni momenti può essere eretta.

L’areale di questo uccello è davvero vasto: si possono trovare esemplari in Europa, ma anche in Africa ed in Asia. 
Ne esistono 3 specie, sono tutte molto simili, cambia solo l'areale di distribuzione: 
 - Upupa comune o eurasiatica
- Upupa marginata (Madagascar) 
- Upupa africana

Extra

Davvero difficile che passi inosservata: oltre al piumaggio (molto colorato, va dal rosso all’arancione) e la caratteristica cresta erettile, la si può nota per il suo volo, particolarmente lento e leggiadro.

Il nome “upupa” deriva proprio dal verso di questi uccelli: l'etimo è onomatopeico, perchè riproduce proprio il canto del maschio durante il periodo dell’accoppiamento (hup-hup-hup).
Se quindi vi capita di sentire questo suono, provate a controllare: l’uccello potrebbe sfoggiare la sua meravigliosa cresta!

 

Areale di distribuzione:
Specie politipica, durante la stagione riproduttiva è distribuita uniformemente in tutto il territorio nazionale ad eccezione delle aree di alta montagna e delle piccole isole.
Identificazione:
L'upupa è un uccello caratterizzato dal piumaggio piuttosto vistoso, con colori vivaci osservabili soprattutto durante il volo. Possiede un lungo becco sottile e leggermente incurvato. Facilmente riconoscibile per la presenza di vistose bande bianche e nere sulle ali e sulla coda, mentre il resto del corpo assume una colorazione bruno rossastra. Vistosa cresta erettile sulla nuca che viene ripiegata durante il volo.
Habitat:
Tipica specie delle aree pianeggianti e di collina. Frequenta i margini di boschi, frutteti, coltivi, castagneti. Si nutre di una grande varietà di insetti ma non disdegna gli anellidi e piccoli anfibi e rettili.
Riproduzione:
La nidificazione avviene generalmente in ambienti alberati ma non umidi, nelle cavità degli alberi o nelle rovine. La femmina depone 4 o 7 uova, piccole ed allungate di colore verde-biancastro e ricoperte di puntini bianchi.
Status di conservazione:
Specie non minacciata
Fattori di minaccia:
La specie ha uno status di conservazione favorevole in Europa. Le cause principali di minaccia sono causate dalle trasformazioni ambientali degli ecosistemi agrari e forestali.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna (legge 503/1981, allegato II).
Curiosità:
La cresta dell’upupa suscita sempre una certa curiosità: si tratta infatti di un particolare inconfondibile che permette di distinguere immediatamente questo uccello: in un particolare periodo diventa un meraviglioso ventaglio. Nella stagione dell’accoppiamento infatti, il maschio apre la propria cresta per attirare l’attenzione della femmina ed inizia a corteggiarla con il suo canto soffice ed ovattato.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Upupa epops
Nome sardo:
Mariapupùsa, pubùsa, pupusa, pupuxa
Classe:
Famiglia:
Fauna:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • È una farfalla piuttosto piccola, con un’apertura alare di 25-35 millimetri. Il maschio ha le ali di un bel blu scuro/viola, che nella femmina è limitato a un piccolo disegno...
  • Uccello dalle piccole dimensioni lungo 15 cm., con zampe giallastre e becco nerastro. Molto simile al Corriere grosso dalla quale differisce per la mancanza della barra alare...
  • Le parti superiori sono grigio olivastro con larghe fasciature nere; il capo è nero cenere; le parti inferiori sono biancastre con sfumature scure. Si differenzia dalla specie...
  • L’adulto, che ha un’apertura alare di 65-85 millimetri, ha il corpo e le ali anteriori di colore crema con bande biancastre. Le ali posteriori, più scure, hanno una larga banda di...
  • Uccello di grossa taglia, dal becco lungo e sottile, incurvato verso l’alto. Zampe palmate slanciate grigio-plumbeo. Il piumaggio è caratterizzato da contrasti bianchi e neri...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 30-45 millimetri, dal colore marrone e arancio, con una macchia scura (ocello) vicino all’apice anteriore. La...
  • La pelliccia è formata da uno strato uniforme di colore grigio argenteo sul dorso mentre la parte ventrale è bianco giallastra. Le orecchie non sono molto grandi, gli occhi sono...
  • Il corpo ricorda quello di una vespa slanciata, della lunghezza di circa 15 millimetri. La colorazione è interamente nero-viola, comprese le ali. Le antenne sono molto lunghe e...
  • Più piccolo e chiaro della specie nominale, ha una lunghezza totale di circa 38-53 cm, le zampe posteriori lunghe, una colorazione della pelliccia prevalentemente grigia,...
  • E’ molto simile alla donnola ma di dimensioni superiori (lunghezza testa - corpo 39-51cm, peso kg. 1-1,2) e ha una caratteristica macchia pettorale molto allungata di colore...
  • L’adulto è lungo 8-12 millimetri e presenta una colorazione rossa con disegni geometrici neri che ricordano dei motivi tribali africani. Le ali sono ridottissime, inadatte al volo.
  • E’ il più piccolo dei Myotis europei. La specie ha il labbro superiore molto peloso, il muso appuntito, l’orecchio più lungo che largo, il trago sviluppato per più di ¾ dell’...