Albanella minore

Donald Macauley [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)]
Origine zoogeografica:
Euroturanica
Areale di distribuzione:
Regione Paleartica. Presente in Italia. Localizzata nella Sardegna occidentale come nidificante.
Identificazione:
Corpo snello e affusolato, con ali più lunghe rispetto a quelle delle altre albanelle, coda lunga e stretta. Dimorfismo sessuale. Lunga 40-45 cm, apertura alare di 105-120, peso 230-495 gr. Il maschio ha il piumaggio grigiastro più o meno brunito. Testa grigio-bluastra. Barra alare nera nella zona centrale delle ali. Sopraccoda e copritrici grigio-chiaro. Inferiormente è grigio cenere sulla gola e sull’alto petto. Ventre, fianchi, copritrici maggiori e minori sono biancastri striati di rossiccio. Becco nero con base grigiastra e cera gialla. Zampe e tarsi gialli. Iride gialla. Il piumaggio della femmina è chiaro, con striature inferiori fulvicce, più scuro nelle parti superiori. Sulle remiganti è percettibile una sottile barratura scura. Macchia bianca sul sopraccoda. La mascherina facciale è caratterizzata da una mezzaluna bianca nella regione auricolare e da una sottile ma netta striscia scura che attraversa l’occhio. La coda chiara è barrata di scuro. Parti nude ed iride come nel maschio. Le parti superiori dei giovani sono nel complesso simili a quelle della femmina ma leggermente più scure. Il volo è agile, leggero, oscillante.
Habitat:
Specie gregaria al di fuori del periodo riproduttivo, frequenta zone paludose, stagni, vallate aperte della fascia pedemontana interessate da prevalente copertura erbacea ed arbustiva, aree agricole e coltivi. Si nutre di roditori, passeriformi, uova, lucertole, insetti. Caccia a pochi metri dal suolo piombando addosso alla preda di sorpresa. Passa la maggior parte del tempo in volo. Si posa sul terreno, talvolta sugli alberi.
Riproduzione:
Nidifica sul terreno, nella vegetazione delle paludi, talvolta nei coltivi. Si riproduce generalmente tra marzo e aprile, con una deposizione di 4-5 (3-8) uova.
Status di conservazione:
Specie rara a livello regionale e nazionale, vulnerabile a livello europeo.
Fattori di minaccia:
Alterazione e riduzione degli habitat, bracconaggio. I nidi di questo uccello si trovano sul terreno e spesso, purtroppo, all’interno di campi coltivati (foraggere varie, cereali); All’epoca del raccolto capita pertanto che vengano distrutti (con le uova e i pulcini) dalle falciatrici e dalle mietitrebbie. Per questo motivo il WWF, Fondo mondiale per la natura, chiede a tutti gli agricoltori che trovino nel proprio terreno una coppia di Albanelle di non falciare o di non mietere per una parcella di circa 6 metri per 6 attorno al nido, in cambio il WWF promette un rimborso per il mancato raccolto.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna All. III; DIR. CEE 409/79, All. I; L.R.23/98.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Circus pygargus
Nome sardo:
(non esiste nome proprio)
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Potrebbe interessarti anche:

  • Il cuculo dal ciuffo ha una lunghezza di poco inferiore ai 40 cm . Si riconosce per la cresta o ciuffo , la coda piuttosto lunga di colore grigio scura e le parti superiori brune...
    Il cuculo dal ciuffo ha una lunghezza di poco inferiore ai 40 cm. Si riconosce per la cresta o ciuffo, la coda piuttosto lunga di colore grigio scura e le parti superiori brune e...
  • Piccolo passero di 15 cm. circa. Presenta dicromismo sessuale. Il maschio si riconosce per il vertice castano, colore nero sulla gola e sul petto piuttosto esteso, fianchi striati...
  • Lungo 20 cm circa, si riconosce per la colorazione nera, più scura nel maschio che nella femmina. Durante l’inverno compaiono delle piccole macchie biancastre agli apici delle...
  • Orecchie grandi e lunghe a contatto sopra la testa. Lunghezza testa-tronco 41-58 mm, apertura alare di 255-300 mm. Molto simile all’Orecchione comune, con colorazione del dorso...
  • Si tratta del più piccolo fra i chirotteri europei. I peli del dorso assumono una colorazione bicolore: scuri e nerastri alla base e più chiari all’estremità, mentre il ventre è...
  • La specie veniva considerata come razza geografica della Raganella italiana, ma di recente è stata elevata al rango di specie a sè stante. La pelle è liscia e piuttosto viscida,...
  • Immediatamente riconoscibile per avere le estremità con dita ben visibili e tra loro unite da una membrana natatoria; il carapace ha contorno ovale, liscio e leggermente convesso...
  • Il carapace è convesso, simile alla Testuggine greca, dalla quale si differenzia per avere un astuccio corneo all’apice della coda e per la presenza di due placche sopracaudali...
  • È nota anche come Occhio di pavone . È possibile trovarla nei boschi, campi, prati, pascoli, parchi e giardini, fino a 2.500 metri di altitudine. Da larva si nutre di Ortiche e...
    La sua apertura alare è variabile da 55 a 60 millimetri e l’intera superficie delle ali è di colore rosso. Negli angoli si trovano quattro macchie a forma di occhio dette “ocelli...
  • Si tratta di una natrice di dimensioni contenute, che oscillano tra i 70 e i 100 cm di lunghezza. Le femmine sono più grandi dei maschi. La testa è ben definita rispetto al corpo...
  • La principale caratteristica di questa specie, come di tutti i Lucanidi, sono le grandi mandibole del maschio, possenti e ricurve. Il corpo è allungato e leggermente appiattito,...
  • Si tratta di uno dei maggiori rapaci italiani, sempre più presente anche in Sardegna: capita nell'Isola regolarmente durante i passi migratori primaverili (febbraio-aprile) e...
    Lungo circa 65 cm con un’apertura alare di 185-195 cm. La coda chiusa risulta stretta e quadrata. Sessi simili. Esistono diverse forme per quanto riguarda la colorazione: in...