Albanella minore

Donald Macauley [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)]
Origine zoogeografica:
Euroturanica
Areale di distribuzione:
Regione Paleartica. Presente in Italia. Localizzata nella Sardegna occidentale come nidificante.
Identificazione:
Corpo snello e affusolato, con ali più lunghe rispetto a quelle delle altre albanelle, coda lunga e stretta. Dimorfismo sessuale. Lunga 40-45 cm, apertura alare di 105-120, peso 230-495 gr. Il maschio ha il piumaggio grigiastro più o meno brunito. Testa grigio-bluastra. Barra alare nera nella zona centrale delle ali. Sopraccoda e copritrici grigio-chiaro. Inferiormente è grigio cenere sulla gola e sull’alto petto. Ventre, fianchi, copritrici maggiori e minori sono biancastri striati di rossiccio. Becco nero con base grigiastra e cera gialla. Zampe e tarsi gialli. Iride gialla. Il piumaggio della femmina è chiaro, con striature inferiori fulvicce, più scuro nelle parti superiori. Sulle remiganti è percettibile una sottile barratura scura. Macchia bianca sul sopraccoda. La mascherina facciale è caratterizzata da una mezzaluna bianca nella regione auricolare e da una sottile ma netta striscia scura che attraversa l’occhio. La coda chiara è barrata di scuro. Parti nude ed iride come nel maschio. Le parti superiori dei giovani sono nel complesso simili a quelle della femmina ma leggermente più scure. Il volo è agile, leggero, oscillante.
Habitat:
Specie gregaria al di fuori del periodo riproduttivo, frequenta zone paludose, stagni, vallate aperte della fascia pedemontana interessate da prevalente copertura erbacea ed arbustiva, aree agricole e coltivi. Si nutre di roditori, passeriformi, uova, lucertole, insetti. Caccia a pochi metri dal suolo piombando addosso alla preda di sorpresa. Passa la maggior parte del tempo in volo. Si posa sul terreno, talvolta sugli alberi.
Riproduzione:
Nidifica sul terreno, nella vegetazione delle paludi, talvolta nei coltivi. Si riproduce generalmente tra marzo e aprile, con una deposizione di 4-5 (3-8) uova.
Status di conservazione:
Specie rara a livello regionale e nazionale, vulnerabile a livello europeo.
Fattori di minaccia:
Alterazione e riduzione degli habitat, bracconaggio. I nidi di questo uccello si trovano sul terreno e spesso, purtroppo, all’interno di campi coltivati (foraggere varie, cereali); All’epoca del raccolto capita pertanto che vengano distrutti (con le uova e i pulcini) dalle falciatrici e dalle mietitrebbie. Per questo motivo il WWF, Fondo mondiale per la natura, chiede a tutti gli agricoltori che trovino nel proprio terreno una coppia di Albanelle di non falciare o di non mietere per una parcella di circa 6 metri per 6 attorno al nido, in cambio il WWF promette un rimborso per il mancato raccolto.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna All. III; DIR. CEE 409/79, All. I; L.R.23/98.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Circus pygargus
Nome sardo:
(non esiste nome proprio)
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Potrebbe interessarti anche:

  • In relazione ai dati finora a disposizione, l’Orecchione sardo risulta essere l’unica specie endemica dell’Italia. Pipistrello di piccole dimensioni, con una lunghezza totale...
    Scoperto di recente, era sfuggito ad una serie di studi che da sempre hanno interessato la Sardegna. Il carattere morfologico più evidente che distingue il Plecotus sardus dalle...
  • Le lunghe antenne sono il tratto distintivo di questo splendido insetto: nodose e segmentate, superano la lunghezza del corpo (nel maschio) o la eguagliano (nelle femmine).
    L’adulto, lungo fino a 7 centimetri, ha un corpo slanciato di colore nero. Le antenne nodose e filiformi sono rivolte all'indietro e molto lunghe, fino a 11 centimetri nel...
  • Presenta un corpo ovoidale, grigio-nerastro, lungo circa 3 millimetri. Le antenne sono rivolte all’indietro. Posteriormente, l’addome porta due sottili tubi, detti cornìcoli, che...
  • Il carapace è convesso, simile alla Testuggine greca, dalla quale si differenzia per avere un astuccio corneo all’apice della coda e per la presenza di due placche sopracaudali...
  • Ha un’apertura alare tra i 65 e gli 86 millimetri. L’aspetto è appariscente: ali anteriori gialle con macchie e venature nere, ali posteriori con una fascia blu e un ocello rosso...
  • Abile saltatore, ha doti di gran scalatore e veloce corridore (circa 60 Km/h ): il Muflone è sicuramente tra gli animali più rappresentativi dell’Isola, perlomeno per gli ambienti...
    Ha un’aspetto compatto e robusto, con tronco e arti muscolosi, occhi grandi e orecchie brevi, piuttosto simile ad una pecora domestica ma con forme più slanciate,...
  • Spesso confuso con il Gabbiano comune da cui differisce per la corporatura più snella ed elegante, capo relativamente piccolo, collo più alto, profilo affusolato posteriormente,...
  • Airone di forma tozza e con zampe piuttosto corte. Lungo circa 50 cm, con un’apertura alare di 105-112 cm e un peso di 380-890 g, si presenta con il dorso è nero e le parti...
  • Uccello dalle piccole dimensioni lungo 15 cm., con zampe giallastre e becco nerastro. Molto simile al Corriere grosso dalla quale differisce per la mancanza della barra alare...
  • Endemismo sardo-corso, presente anche nelle piccole isole, si ritrova sia al livello del mare che a quote alte. Preferisce le zone pietrose ed aride nella macchia , i coltivi, i...
    La Tiliguerta può raggiungere i 24 cm di lunghezza inclusa la coda, di solito i maschi hanno dimensioni superiori.. Si tratta di una lucertola dal corpo piccolo e non appiattito,...
  • Grosso uccello d’acqua, di colore nerastro, dal becco possente di colore giallastro, cilindrico e fortemente uncinato in cima, confuso il più delle volte con il Marangone dal...