Sadali

La zona sede degli interventi previsti fa parte di un ampio perimetro forestale in occupazione temporanea gestito dall’Ente Foreste Servizio Territoriale di Lanusei, per una superficie complessiva di ettari 580 circa.
Le quote più elevate si riscontrano in prossimità di una miniera abbandonata in loc. “Corti Manna” a quota 694 metri s.l.m., mentre le quote inferiori le ritroviamo lungo il fiume “Flumendosa” a 270 metri s.l.m. L’orografia è abbastanza tormentata con pendenze elevate e con rocce nude affioranti. Il “Flumendosa “ costituisce un confine naturale che si sviluppa per circa 10 Km. ed alcuni rii a carattere stagionale che confluiscono le acque al suddetto fiume, accentuano i fenomeni di erosione con grave pregiudizio alle zone.

Inquadramento geografico:
Provincia: Ogliastra Comune: Sadali Superficie: 580 ha
Aspetti climatici:
Per quanto concerne i dati relativi alla piovosità ed alla temperatura si è fatto riferimento ai valori riportati dall’Arrigoni in “Fitoclimatologia della Sardegna” Webbia 1968 su alcune stazioni vicine alla zona interessata. Dall’analisi dei dati emerge un ampio deficit idrico che in media interessa quattro mesi l’anno, ma che in alcuni casi può manifestarsi anche per un tempo maggiore.
Aspetti geopedologici:
Secondo la carte dei suoli della Sardegna di Aru-Baldacini e Pietracaprina, la zona è caratterizzata da terre brune, terre rosse, litosuoli, e roccia affiorante su scisti cristallini del Paleozoico. Le terre brune presentano un profilo maturo con l’orizzonte A ricco di sostanza organica, ma nella zona in esame. Tali condizioni sono limitate ad aree molto ristrette nelle quali la vegetazione e ancora presente ed è costituita da macchia foresta mediterranea molto vicina alla fase climax, mentre nella maggior parte del territorio i suoli sono degradati e l’orizzonte A è quasi assente per azione della erosione superficiale dovuta alla scomparsa della vegetazione arborea ed arbustiva.
Aspetti vegetazionali:
La vegetazione e variabile e rivela un soprassuolo profondamente modificato da quello originario a causa, come già accennato, dell’azione antropica negativa esercitata per lungo tempo. Attualmente la vegetazione esistente è costituita da Cistus monspeliensis, Arbustus unedo, Genista corsica, Calicotome spinosa, Erica arborea. Gli elementi arborei presenti, seppure in gravi condizioni di degrado, consistono in lecci, sughere, e in minore quantità fillirea e olivastri. La ricomposizione della vegetazione climax sarà molto lenta a causa dell’avanzato degrado presente all’attualità e si dovrà pertanto far ricorso all’introduzione di specie pioniere che potranno avere anche funzione protettiva. Seguendo lo schema Arrigoni, nell’opera citata il perimetro dovrebbe ricadere per quanto concerne la serie climax nella zone delle foreste montane di Quercus ilex e Quercus pubescens, con escursione nelle foreste mesofile di Quercus suber e Quercus ilex
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • La foresta “Acquafrida” di notevole interesse ambientale e paesaggistico. Sita in agro di Santa Giusta, ai limiti di confine con l’agro di Pau ed Ales. Il substrato geologico è...
  • Forest'Anela fu dichiarata inalienabile dalla legge 4 marzo 1886 n. 3713 e affidata al Demanio dello Stato. Per il suo patrimonio forestale, è senz'altro una tra le più...
  • Compresa tra le foreste storiche, la foresta di Fiorentini è un sito di alto interesse forestale, paesaggistico e archeologico.
  • La Foresta Demaniale occupa i territori del monte Orri e quelli circostanti la miniera di Rosas che a metà dell'Ottocento ottennero la terza (in ordine cronologico) concessione...
  • Con i suoi circa 10 mila ettari di foresta e macchia mediterranea, il comprensorio della foresta demaniale di Settefratelli è senza dubbio uno dei luoghi più affascinanti e...
  • Un compendio di inestimabile valore naturalistico, storico e culturale. Racchiude nel proprio ambito imponenti boschi di leccio, giacimenti di estrazione, officine litiche e siti...
  • Il cantiere ha una superficie di circa 1848 ettari ed è pervenuto in gestione all'ex A.F.D.R.S. a seguito di convenzione stipulata col Comune di Orgosolo nel 1993
  • Un ambito costiero di grande fascino: da punta Pala di Monti (615 m) e punta Castellaccio (828 m) si ammira da Nord ad Est un panorama di rara bellezza (la vista può spaziare da...
  • Paesaggi modellati da ondulazioni granitiche tormentate e sassose, intervallate da vaste aree incolte oppure a macchia o a boscaglia spesso diradata. luoghi che imprimono alle...
  • Il presidio forestale fa parte di un ampio perimetro forestale in occupazione temporanea dall’Agenzia Forestas, per una superficie complessiva di ettari 797 circa. Il perimetro si...