Riu 'e Nuxi

sede del cantiere di Rio Nuxi

Descrizione generale

Confinante con la Foresta Demaniale Montarbu lungo la linea segnata dal Rio Goppulu fino al Flumendosa, il cantiere ha una superficie di circa 2270 ettari, in un terreno di proprietà del Comune di Seui dato in concessione trentennale all’ex-Ente Foreste della Sardegna nel 1991.

Il suo territorio mostra vasti segni d'erosione dovuti alla presenza di scarsa vegetazione, all'intenso ed irrazionale pascolamento, ai ripetuti incendi e alla morfologia stessa del territorio, spesso accidentato e dalle forti pendenze.
La quota più alta del cantiere è rappresentata dal Bruncu Arzalei (1209 mslm) mentre la più bassa è sul fiume Flumendosa (m. 505 circa).
Dal punto di vista morfologico, il territorio risulta essere la prosecuzione di un altopiano, anche se non mancano valli e pendii che degradano verso il Flumendosa.
Da segnalare il nuraghe Ardasai, che, pur non trovandosi nel perimetro del cantiere, è facilmente raggiungibile dalla località Genna Medau.

Aspetti vegetazionali

La scarsa copertura forestale del terreno, l'intenso ed irrazionale pascolamento, i ripetuti incendi, la morfologia spesso accidentata e le forti pendenze, hanno reso ormai evidenti gli effetti erosivi delle acque meteoriche che spesso sono di forte intensità fino ad arrivare nelle peggiori condizioni alla messa a nudo della matrice rocciosa. Tali fenomeni di erosione si possono osservare soprattutto in alcune aree a forte pendenza mentre risultano, nonostante la sola presenza di una scarsa copertura arbustiva, più attenuati nelle aree di migliore giacitura.
Date queste condizioni dal momento della concessione stipulata nel 1991 gli interventi principali sono stati quelli di rimboschimento principalmente con leccio e roverella. Data l’importante presenza delle attività pastorali nella zona sono stati realizzati, nelle aree maggiormente vocate, pascoli arborati con l’impiego di castagno, ciliegio e cedro dell’atlante. Nelle zone difficilmente raggiungibili e impervie prevale ancora la macchia di degradazione con una forte presenza dell’erica. Le lecceta occupa invece la zona nord del perimetro e presenta una fisionomia a ceduo risalente ai tagli per la produzione del carbone vegetale che interessarono la zona fino alla metà degli anni sessanta.
Gli interventi selvicolturali maggiormente eseguiti oggi sono quindi quelli di cure colturali alle ampie superfici rimboschite negli ultimi vent’anni.

Aspetti climatici:
Non essendo presenti nella foresta stazioni di rilevamento, per un inquadramento climatico si fa riferimento, ai dati della stazione termopluviometrica di Arzana e a quelle pluviometriche di Arquerì, Pira Onni, Seui e Villagrande Strisaili. Le precipitazioni nevose si verificano durante la stagione invernale e primaverile e raramente la copertura del suolo supera i 10-15 giorni. Dall'analisi dei dati si può dedurre una stagione caldo-arida con ampio deficit idrico che si alterna una stagione moderatamente fredda e umida.
Aspetti geopedologici:
Dal punto di vista geologico l'area è costituita da scisti per cui si riscontra l'associazione "terre brune e litosuoli su scisti cristallini" e nelle zone a morfologia dolce i suoli presentano una maggiore potenza e fertilità anche se non mancano le superfici con roccia affiorante e pietrosità talvolta consistente. Dove le pendenze sono più marcate aumenta la presenza di suoli a profilo tronco e peggiorano anche le altre caratteristiche pedologiche.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Un territorio dalla morfologia caratterizzata dasll’alternarsi di versanti più o meno ripidi ed incisi che degradano verso sud, mentre, in prossimità del versante occidentale, un...
  • Importante meta turistica, è attrezzata con accoglienti infrastrutture ricettive e comodi sentieri che la percorrono in tutta la sua estensione; all'interno del complesso è...
  • L’area di Bèrchida è caratterizzata da due insediamenti rispettivamente nuragico e medievale e un tafone sottoroccia che fanno della valle un luogo dotato di un fascino unico.
  • All'interno del cantiere si trova un sentiero botanico con le specie più rappresentative dell'area. Per le scuole c'è la possibilità di svolgere visite didattiche di sicuro...
  • Una delle foreste storiche della Sardegna, acquisita del demanio fin dal 1914. Meta di visitatori per via delle sue bellezze naturali e di sentieri che conducono a luoghi di...
  • Il Perimetro fu aperto nel 1974 dall'Ispettorato Forestale di Sassari, con un primo impianto di 60 ettari, su un terreno fortemente degradato dagli incendi e dal disboscamento...
  • Pantaleo si estende per 4.231 ettari in agro dei comuni di Santadi e Nuxis; con le limitrofe Foreste demaniali di Pula, Monti Nieddu, Gutturu Mannu e Tamara Tiriccu costituisce un...
  • Il cantiere di Monte Pino si trova su un’area montuosa che è la prosecuzione del gruppo montagnoso del Limbara; si affaccia sulla piana di Olbia e offre suggestivi panorami sulle...
  • Una foresta meta di visitatori, provenienti dal capoluogo e dalle aree limitrofe, per via delle sue caratteristiche che la rendono particolarmente idonea per l’attività sportiva e...
  • Il Presidio Forestale di Genn’antine interessa 1077 ettari interamente in concessione comunale trentennale (dal comune Villagrande Strisaili). Comprende i 50 ettari del Parco...
  • La Foresta Demaniale Porto Conte " Le Prigionette " si estende nei territori comunali di Sassari e di Alghero e ha una grande importanza naturalistico e ambientale per la presenza...
  • Questo territorio, insieme all’ Oasi permanente di protezione faunistica di Assai costituisce un biotopo di rilevante importanza faunistica : è infatti un habitat particolarmente...