Riu 'e Nuxi

sede del cantiere di Rio Nuxi

Descrizione generale

Confinante con la Foresta Demaniale Montarbu lungo la linea segnata dal Rio Goppulu fino al Flumendosa, il cantiere ha una superficie di circa 2270 ettari, in un terreno di proprietà del Comune di Seui dato in concessione trentennale all’ex-Ente Foreste della Sardegna nel 1991.

Il suo territorio mostra vasti segni d'erosione dovuti alla presenza di scarsa vegetazione, all'intenso ed irrazionale pascolamento, ai ripetuti incendi e alla morfologia stessa del territorio, spesso accidentato e dalle forti pendenze.
La quota più alta del cantiere è rappresentata dal Bruncu Arzalei (1209 mslm) mentre la più bassa è sul fiume Flumendosa (m. 505 circa).
Dal punto di vista morfologico, il territorio risulta essere la prosecuzione di un altopiano, anche se non mancano valli e pendii che degradano verso il Flumendosa.
Da segnalare il nuraghe Ardasai, che, pur non trovandosi nel perimetro del cantiere, è facilmente raggiungibile dalla località Genna Medau.

Aspetti vegetazionali

La scarsa copertura forestale del terreno, l'intenso ed irrazionale pascolamento, i ripetuti incendi, la morfologia spesso accidentata e le forti pendenze, hanno reso ormai evidenti gli effetti erosivi delle acque meteoriche che spesso sono di forte intensità fino ad arrivare nelle peggiori condizioni alla messa a nudo della matrice rocciosa. Tali fenomeni di erosione si possono osservare soprattutto in alcune aree a forte pendenza mentre risultano, nonostante la sola presenza di una scarsa copertura arbustiva, più attenuati nelle aree di migliore giacitura.
Date queste condizioni dal momento della concessione stipulata nel 1991 gli interventi principali sono stati quelli di rimboschimento principalmente con leccio e roverella. Data l’importante presenza delle attività pastorali nella zona sono stati realizzati, nelle aree maggiormente vocate, pascoli arborati con l’impiego di castagno, ciliegio e cedro dell’atlante. Nelle zone difficilmente raggiungibili e impervie prevale ancora la macchia di degradazione con una forte presenza dell’erica. Le lecceta occupa invece la zona nord del perimetro e presenta una fisionomia a ceduo risalente ai tagli per la produzione del carbone vegetale che interessarono la zona fino alla metà degli anni sessanta.
Gli interventi selvicolturali maggiormente eseguiti oggi sono quindi quelli di cure colturali alle ampie superfici rimboschite negli ultimi vent’anni.

Aspetti climatici:
Non essendo presenti nella foresta stazioni di rilevamento, per un inquadramento climatico si fa riferimento, ai dati della stazione termopluviometrica di Arzana e a quelle pluviometriche di Arquerì, Pira Onni, Seui e Villagrande Strisaili. Le precipitazioni nevose si verificano durante la stagione invernale e primaverile e raramente la copertura del suolo supera i 10-15 giorni. Dall'analisi dei dati si può dedurre una stagione caldo-arida con ampio deficit idrico che si alterna una stagione moderatamente fredda e umida.
Aspetti geopedologici:
Dal punto di vista geologico l'area è costituita da scisti per cui si riscontra l'associazione "terre brune e litosuoli su scisti cristallini" e nelle zone a morfologia dolce i suoli presentano una maggiore potenza e fertilità anche se non mancano le superfici con roccia affiorante e pietrosità talvolta consistente. Dove le pendenze sono più marcate aumenta la presenza di suoli a profilo tronco e peggiorano anche le altre caratteristiche pedologiche.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Cantiere Forestale di Croccorigas è stato istituito nel 1993 su una superficie di circa 297 ha, con l’acquisizione dei terreni ex ETFAS. L’esproprio delle terre era finalizzata...
  • Un'isola chiamata Herculis Insulae nell'età romana, Asenara nel basso medioevo e Sinnara o Sinuaria è il nome che compare nelle carte rinascimentali. Un isolamento durato oltre un...
  • In questa foresta demaniale sono stati reintrodotti in numero consistente i cervi, specie che ha rischiato l’estinzione ma che ad oggi prolifera distribuendosi sull’intero...
  • Il Parco urbano confina con l’abitato di Laconi ed è annualmente meta di migliaia di visitatori che giungono in pellegrinaggio religioso: Laconi è il paese natale di Sant’Ignazio.
  • Il cantiere forestale di Monte Novu, posto nella parte centrale del massiccio del Gennargentu, si estende per una superficie complessiva di ha 3558 ed è pervenuto in concessione...
  • II clima della zona è quello tipicamente mediterraneo, caratterizzato da inverno mite e piovoso ed estate calda e siccitosa con moderate escursioni termiche.
  • L’aspetto vegetazionale di questo piccolo territorio forestale dell'Agenzia è molto vario; si possono trovare parti boscate a prevalenza di sughera, parti a macchia mediterranea e...
  • La Foresta, ricca di numerose specie faunistiche e molteplici specie endemiche che ne compongono la flora, è un'importante meta di turisti e di studiosi ed è visitabile seguendo...
  • Il substrato geolitologico della UGB Sa Pruna è costituito da roccia calcarea, da dolomie del mesozoico e da graniti ercinici. La vegetazione è quella tipica del climax delle...
  • Il compendio forestale Girgini è localizzato nel massiccio del Gennargentu. Nel perimetro sono presenti un vivaio volante ed otto aree attrezzate ad uso ricreativo, oltre ad una...
  • Il cantiere, nato nel 1956, occupa una superficie complessiva di 164 ettari, di cui circa 70 sono ubicati lungo il litorale di Badesi. I restanti 95 ettari, di recentissima...
  • Il complesso forestale “Pabarile” è localizzato nel massiccio vulcanico del Montiferru (Sardegna centro-occidentale), in un’area montana di notevole interesse ambientale e...