A Tuviois: Foreste vetuste e biodiversità

11 Ottobre 2021
L'imponenza degli alberi di Tuviois (foto A.Saba)

Una giornata interessante, sabato 9 ottobre 2021 presso il bosco vetusto di Tuviois, organizzata dalla sezione sarda della Società Botanica Italiana, con il patrocinio di Forestas, del Comune di Sinnai e della Sezione CAI di Cagliari. Dedicata alle caratteristiche strutturali delle foreste vetuste ed alla loro biodiversità. La partecipazione era gratuita, per un massimo di 50 persone.

Scopo della giornata

Le foreste in ambito mediterraneo e, in particolare, in Sardegna sono state per secoli oggetto di disboscamento. Così, i pochi lembi di foresta vetusta, caratterizzati dalla presenza di grandi alberi e segni non o poco evidenti di rimaneggiamento da parte dell’uomo, rappresentano un contesto naturale unico, degno di peculiare gestione e tutela. Il sito di Tuviois è forse l’unico esempio presente nel Sarrabus. Oltre a queste peculiarità forestali, Tuviois presenta ulteriori aspetti faunistici, floristici e paesaggistici di elevato pregio.

La giornata aveva lo scopo primario di presentare le peculiarità di questo territorio e di favorire il dibattito scientifico sulla corretta gestione e valorizzazione del sito.
Il programma della giornata prevedeva una breve escursione, insieme al CAI di Cagliari, la visita ai patriarchi del bosco, con alcune descrizioni scientifiche di vari esperti anche Forestas, e quindi un dialogo in bosco circa la futura gestione forestale del compendio di Tuviois.

Tuviois, meta escursionistica, storica, naturalistica. 

luogo di contemplazione della natura

Questo piccolo paradiso è sicuramente un luogo raro, di straordinaria bellezza, gioiello nascosto e relitto, non lontano dall'area urbanizzata dei comuni di Sinnai e Burcei, miracolosamente scampato alle ingiurie dell’uomo.

Un toponimo che, secondo lo studioso Tore Dedola (“Sentiero Sardegna-Italia-Europa” ed. 2001) potrebbe derivare da TUVIO’IS =tuvionis, stuvionis, cavità, buchi, fessure. Il sito della foresta era luogo frequentato nel passato dall'uomo, per lo sfruttamento dell’argento. Dopo il 1870 la Compagnia delle Miniere di Lanusei aveva già individuato gran parte del complesso filoniano che si sviluppa per 40 km circa da San Vito a Burcei, e sul quale furono aperte numerose miniere d’argento, compresa quella di Tuviois. I filoni vennero lavorati verticalmente, dalla cima dei monti sino al livello del mare, e vennero abbandonati ai primi del ‘900 per esaurimento in profondità. Nella miniera di Tuviois si trova Argentite, Argento nativo filiforme, Barite, Calcite in piccoli cristalli, Cerargirite, Cerussite, Fluorite, Galena argentifera, Pirargirite, Polibasite, Proustite, Quarzo in cristalli bianchi, Stefanite. La miniera insiste su una formazione risalente al Devoniano (-395 milioni d’anni) e comprende alternanze di arenarie più o meno scistose con limoscisti e argilloscisti oltre a quelle psefitiche e calcaree.

Condividi:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Notizie ed eventi

19 Ottobre 2021

Finanziato dal FEASR con 868.000 Euro , con il supporto di Forestas i 18 Comuni ogliastrini potranno realizzare nuovi sentieri, aree attrezzate, segnaletica, percorsi accessibili per disabili, strutture di temporaneo riparo,...

07 Ottobre 2021

È il lieto fine per il grifone Cristina : il 2 ottobre è stata rilasciata da Forestas a Badde Orca , che si affaccia a strapiombo sul mare; la liberazione segue un periodo di ricovero gestito da Forestas nel Centro recupero di Bonassai...

06 Ottobre 2021

Con l' avvertenza che alcune specie potrebbero non essere disponibili, l'Agenzia ha predisposto e rende pubblico l'elenco delle specie prodotte nei vivai, la loro consistenza al settembre 2021 , aggiornata per...

04 Ottobre 2021

Foreste mediterranee e cambiamenti climatici : tra mitigazione e adattamento. Seminari organizzati da Life AForClimate con il patrocinio della SISEF. Al via il secondo ciclo di conferenze, il calendario prevede...

04 Ottobre 2021

Interessati 16 comuni , per uno sviluppo che supera i 250 km lineari . Dopo oltre due anni, un complicato percorso di sopralluoghi, verifiche e progettazione, chiuso l' iter autorizzativo della...

30 Settembre 2021

Una conferenza, integralmente trasmessa in diretta dal Comune di Lanusei (che la ospita) per riflettere:

sul lavoro necessario per mantenere una rete sentieristica, sulle opportunità che tale il turismo outdoor può offrire al territorio.....
30 Settembre 2021

Forestas ha siglato una convenzione nell’ambito del programma ERASMUS+, PRACTICUM DEPO 2020, con la Diputación Provincial de Pontevedra (Spagna), per attivare un tirocinio di formazione e orientamento in favore di un giovane...

29 Settembre 2021

Lo scorso sabato 25 settembre a Santadi Forestas ha dedicato una giornata all'educazione ambientale, presso l' area archeologica di Pani Loriga, con la messa a dimora di piantine di specie...

28 Settembre 2021

Il giovane esemplare maschi, liberato il 27 settembre a Fonni, al momento del ricovero era disidratato con occlusione intestinale. Sottoposto alla terapia del caso l'animale ha ripreso la normale alimentazione...

27 Settembre 2021

La Direzione Generale informa che è stato pubblicato tra gli avvisi on-line in albo pretorio un interpello per raccogliere le manifestazioni di interesse per gli incarichi di responsabile di ufficio , riservata ai funzionari (...

26 Settembre 2021

Alle 10:26 del 25 settembre, l'aquila Bonaria ha lasciato la voliera dove aveva trascorso l’ultimo mese e mezzo.

Recuperata nel mese di agosto con una frattura al femore , è stata operata il 15 agosto presso il...

25 Settembre 2021

Il cervo sembra un attore, ma è tutto vero (e selvaggio) nel Supramonte di Urzulei !

Questa splendida posa, del tutto casuale, è stata scattata ieri dal personale Forestas (cantiere forestale di Sa Portiscra...