Foresta demaniale di Montes: approvato approvato il Piano Forestale Particolareggiato

17 Dicembre 2020
Montes: i tacchi calcarei;  monte Fumai

Con determinazione n. 4514 del 19 ottobre 2020 del Servizio Territoriale Ispettorato Ripartimentale (STIR) di Nuoro del Corpo forestale, ai sensi della normativa regionale L.R. 1/2019, L.R. 8/2016 e nazionale D.L. 34/2018 e L. 241/90, è stato approvato il Piano Forestale Particolareggiato (PFP) della Foresta Demaniale di Montes.

Breve descrizione dell'area forestale

La foresta di Montes si estende per circa 4659 ettari di cui circa il 40% costituito da boschi di leccio e altre latifoglie, il 7%, da boschi di conifere, il 53% da superfici non forestali.  In tale contesto colturale, grande rilevanza assumono i 519 ettari di boschi d’alto fusto di leccio che, unitamente ai 316 ettari di boschi di conifere e 131 ettari di altri rimboschimenti, portano al 23% la superficie interessata da fustaie, ossia i "boschi d'alto fusto".    La foresta viene gestita direttamente dall’Agenzia Forestas ed è unità gestionale del Complesso forestale di Supramonte-Gennargentu del Servizio territoriale di Nuoro.

Il Piano di Gestione

Il piano di gestione forestale approvato ha validità per il decennio 2020/2029 e sottopone a pianificazione soltanto la foresta demaniale di Montes, interamente ricompresa in Comune di Orgosolo. L'area è inclusa nel distretto n.11 del Piano Forestale Ambientale della Regione Sardegna (Distretto PFAR Supramonte-Golfo di Orosei).

Obiettivi gestionali

I principali obiettivi nella gestione della foresta di Montes sono: 

  1. Conservazione e miglioramento della funzione protettiva esercitata della vegetazione forestale e pre-forestale (protezione idrogeologica e protezione del suolo per la prevenzione della perdita di fertilità).
  2. Salvaguardia ambientale: salvaguardia del paesaggio, delle specie e degli habitat di interesse conservazionistico ed in particolare delle specie e degli habitat di interesse comunitario.
  3. Prevenzione degli incendi.
  4. Aumento del grado di naturalità dei rimboschimenti e valorizzazione delle specie autoctone.
  5. Valorizzazione del governo a fustaia ("bosco d'alto fusto") nelle formazioni di leccio di leccio in cui non sussistono pesanti condizionamenti di natura idrogeologica, stazionale o naturalistica.
  6. Produzione legnosa (legna da ardere, cippato, legname di conifere) esclusivamente attraverso interventi colturali di diradamento e avviamento all'alto fusto.
  7. Sviluppo turistico ed in particolare del turismo escursionistico, storico e culturale, legato al carsismo ed alle aree di interesse archeologico, geologico, vegetazionale e dell'educazione ambientale.
  8. Altre produzioni del bosco quali prodotti zootecnici, miele, funghi.
  9. Aumento complessivo delle potenzialità occupazionali connesse con la gestione della foresta.
  10. Sviluppo occupazionale prevalentemente legato a turismo zootecnia.

Funzioni prevalenti, orientamenti gestionali e Comprese

Sulla base del quadro conoscitivo acquisito con le descrizioni di campo, gli studi di settore, raccolta e analisi dati, è stato possibile definire gli indirizzi gestionali per singola sottoparticella forestale.  La definizione degli indirizzi è avvenuta attraverso la definizione della funzione prevalente della sottoparticella, dell'orientamento selvicolturale della sottoparticella, delle classi colturali (comprese) e del piano degli interventi

Funzioni prevalenti

"La funzione del bosco è un concetto divenuto di uso corrente nella letteratura forestale e nella pratica per indicare le prestazioni fornite regolarmente dal bosco a favore del benessere dell'uomo e degli effetti bioecologici che si producono nell'ecosistema bosco sia a livello di stazione sia di ambiente. Tutte le funzioni del bosco intese in questo senso portano benefici o contemporaneamente benefici e costi e hanno effetto dal punto di vista sociale. Una suddivisione in funzione produttiva, protettiva, ricreativa, ecc., non soddisfa la natura delle funzioni del bosco ed è priva di senso" [Bruenig 1986].

Questo concetto, beninteso, vale dal bosco verso l'uomo.  La funzione prevalente esprime il ruolo assegnabile alla sottoparticella forestale (produzione di legname, protezione idrogeologica, ricreativa...) tenendo sempre conto di ogni altra possibile funzione che ciascuna formazione può svolgere e dell’eventuale presenza di fattori limitanti. Le particelle con prevalente funzione produttiva svolgono contemporaneamente anche la funzione protettiva nei confronti dell’erosione e del dissesto idrogeologico; allo stesso modo la presenza di aree protette o di formazioni di particolare interesse naturalistico o faunistico, non esclude a priori ogni possibilità di intervento.

Considerazioni generali

Sulla funzione di produzione: produttivo” va inteso in senso generico, poiché gli interventi non sempre saranno a macchiatico positivo dato che la loro esecuzione non è legata solo a finalità produttive, ma anche ad esigenze di carattere colturale, spesso poco remunerative.

Sulla funzione di protezione idrogeologica: è riservata a tutte le formazioni con evidenti limiti stazionali, che svolgono un importante ruolo di prevenzione da dissesti.

La funzione naturalistico-conservativa è assegnata a foreste che rivestono particolare importanza per la presenza di emergenze ambientali (fauna, flora) o la fragilità degli ecosistemi.

La funzione di ricostituzione ecologica è assegnata a formazioni forestali che necessitano di una fase di “riposo colturale” o di “attesa senza interventi”.

La funzione ricreativa scientifica didattica qualifica boschi di particolare importanza per l'attività scientifica, ricreativa e didattica.

La funzione zootecnica è assegnata comprensori che rientrano nei sistemi silvo-pastorali.

Orientamenti gestionali

L’orientamento gestionale delinea gli obiettivi che si intendono perseguire nel medio-lungo periodo attraverso interventi definite a livello di compresa: gestione a fustaia - gestione dei sistemi silvopastorali (aree aperte e boschi pascolati) - evoluzione naturale.

Le Comprese Forestali nel Piano di Montes

Il compito del Piano di Gestione è di ripartire, nel tempo e nel migliore dei modi, gli sforzi per soddisfare le esigenze colturali delle foreste.  Nella stessa compresa (classe colturale) sono stati inseriti i boschi accomunati da specifiche scelte, obiettivi gestionali e destinazioni evolutive.  Alcune comprese saranno di tipo inattivo e in questi casi l'omissione di intervento (o al limite qualche intervento minimale in situazioni speciali), rappresenta il modo migliore per raggiungere gli obiettivi prefissati. La scelta delle comprese di seguito elencate corrisponde all'obiettivo gestionale di ottenere soprassuoli più naturali e in equilibrio con l’ambiente circostante, capaci di conservare ed incrementare l’attuale livello di biodiversità:

  1. Fustaie di leccio”
  2. Fustaie di conifere”
  3. Fustaie di latifoglie”
  4. Formazioni di rilevante interesse naturalistico”
  5. Formazioni in riposo colturale”
  6. Formazioni auto ed etero protettive”
  7. "Aree a gestione speciale"
  8. "Turistico-ricreativa e didattica"
  9. "Altre superfici"

Ulteriori dettagli negli allegati

Gli elementi essenziali del Piano approvato per Montes sono riportati in allegato, con particolare riferimento ai dati sugli interventi selvicolturali previsti dal Piano di gestione di Montes per il decennio 2020/2029 (espressi in ettari ed in % sulla superficie pianificata) e con riferimento alla distribuzione delle categorie forestali e relative sottocategorie in ettari e percentuale di superficie pianificata.

Condividi:

Notizie ed eventi

20 Giugno 2024

Con Delibera di Giunta Regionale e successivo Decreto della Presidente della Regione, il dottor Salvatore Piras è stato incaricato quale Amminitratore Unico e Legale Rappresentante dell'Agenzia Forestas...

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...