Approvato il Piano forestale particolareggiato di Is Cannoneris

18 Settembre 2020
Pinete (pino domestico) e leccete  di Is Cannoneris

Con determinazione n. 3291 del 04.08.2020 dello S.T.I.R. di Cagliari del Corpo forestale di vigilanza ambientale, ai sensi della normativa regionale (L.R. 1/2019, L.R. 8/2016 ) e nazionale (D.L. 34/2018 e L. 241/90) è stato approvato il Piano forestale particolareggiato della foresta demaniale di Is Cannoneris.

ALCUNI DATI

La foresta di Is cannoneris si estende per circa 4.700 ettari e viene gestita dall’ Agenzia Forestas nel complesso forestale di Gutturu Mannu, del Servizio territoriale di Cagliari. 
Il Piano approvato propone interventi di vario tipo (salvaguardia e tutela del bosco, produzioni forestali, gestione forestale e turistica) che interesseranno il  6% dell'intera superficie. 

Il piano di gestione forestale ha validità per il periodo 2020/2029 e oltre a interessare i comuni di Domus de Maria, Pula, Sarroch e Villa S. Pietro, fa parte del neoistituito Parco naturale regionale di Gutturu Mannu (L. R. 24 ottobre 2014, n. 20) e di diversi SIC, ZPS; ricade inoltre nel Parco Geominerario, Storico e Ambientale della Sardegna.

Obiettivi di gestione

  • Salvaguardia ambientale e del paesaggio, delle specie e degli habitat di interesse conservazionistico (in particolare di interesse comunitario);
  • Produzione di sughero e legna da ardere attraverso criteri selvicolturali sostenibili.
  • Sviluppo turistico ed in particolare del turismo escursionistico.
  • Altre produzioni del bosco e dei sistemi silvopastorali, soprattutto per quanto riguarda la zootecnica.
  • Gestione oculata dell'equilibrio nelle relazioni tra fauna e foresta, in particolare per quanto concerne gli ungulati.
  • Sviluppo occupazionale

Funzioni prevalenti, orientamenti gestionali e Comprese

Sulla base del quadro conoscitivo acquisito con le descrizioni di campo, gli studi di settore, raccolta e analisi dati, è stato possibile definire gli indirizzi gestionali per singola sottoparticella forestale.  

La definizione degli indirizzi è avvenuta attraverso i seguenti passaggi:

  • definizione della funzione prevalente della sottoparticella e dell'orientamento gestionale;
  • definizione delle classi colturali (comprese);
  • definizione del piano degli interventi

Funzioni prevalenti

"La funzione del bosco è un concetto divenuto di uso corrente nella letteratura forestale e nella pratica per indicare le prestazioni fornite regolarmente dal bosco a favore del benessere dell'uomo e degli effetti bio-ecologici che si producono nell'ecosistema bosco sia a livello di stazione sia di ambiente.

Tutte le funzioni del bosco intese in questo senso portano benefici o contemporaneamente benefici e costi e hanno effetto dal punto di vista sociale.  Una mera suddivisione in funzione produttiva, protettiva, ricreativa, ecc., non soddisfa la natura delle funzioni del bosco ed è priva di senso [Bruenig 1986].

Questo concetto, beninteso, vale dal bosco verso l'uomo.

La funzione prevalente esprime il tipo di ruolo assegnabile alla sottoparticella forestale (produzione di legname, protezione idrogeologica, ricreativa,....), tenendo sempre conto di tutte le altre possibili funzioni che ciascuna formazione può svolgere e dell’eventuale presenza di fattori limitanti.

Le particelle con prevalente funzione produttiva svolgono contemporaneamente anche la funzione protettiva nei confronti dell’erosione e del dissesto idrogeologico; allo stesso modo la presenza di aree protette o di formazioni di particolare interesse naturalistico o faunistico, non esclude a priori ogni possibilità di intervento.

ALTRE CONSIDERAZIONI GENERALI

La funzione di produzione. Il termine “produttivo” va inteso in senso generico, poiché gli interventi non sempre saranno a macchiatico positivo dato che la loro esecuzione non è legata solo a finalità produttive, ma anche ad esigenze di carattere colturale, spesso poco remunerative.

La funzione di protezione idrogeologica è riservata a tutte le formazioni con evidenti limiti stazionali, che svolgono un importante ruolo di prevenzione da dissesti.

La funzione naturalistico-conservativa è assegnata a foreste, che rivestono particolare importanza per la presenza di emergenze ambientali (fauna, flora) o la fragilità degli ecosistemi.

La funzione di ricostituzione ecologica è assegnata a formazioni forestali che necessitano di una fase di “riposo colturale” o di “attesa senza interventi”. 

La funzione ricreativa scientifica-didattica qualifica boschi di particolare importanza per l'attività scientifica e didattica.  La funzione di gestione speciale è assegnata a soprassuoli oggetto di ricerca e sperimentazione da parte di centri di ricerca.

La funzione zootecnica è assegnata comprensori che rientrano nei sistemi silvo-pastorali

Orientamenti gestionali

L’orientamento gestionale delinea gli obiettivi che si intendono perseguire nel medio e lungo periodo attraverso le forme di intervento definite a livello di compresa e sono:

  • Proseguimento e/o ripristino del governo a ceduo;
  • Conversione dei cedui in fustaia;
  • Evoluzione naturale guidata o Evoluzione naturale libera;
  • Rinaturalizzazione;
  • Coltivazione della Sughereta mista. 

Le "Comprese"

Il compito del Piano di Gestione è quello di ripartire, nel tempo e nel migliore dei modi, gli sforzi per soddisfare le esigenze colturali delle foreste.  Nella stessa compresa (cioè classe colturale) sono stati inseriti i boschi accomunati da specifiche scelte, obiettivi gestionali e destinazioni evolutive.

Alcune comprese sono di tipo inattivo:  in questi casi l'omissione di intervento (o al più qualche intervento minimale in situazioni speciali) rappresenta il modo migliore per raggiungere gli obiettivi prefissati.  
La scelta delle comprese di seguito elencate corrisponde all'obiettivo gestionale ottenere soprassuoli più naturali ed in equilibrio con l’ambiente circostante, capaci di conservare ed incrementare l’attuale livello di biodiversità:

  1. Cedui di leccio e altre sclerofille mediterranee
  2. Formazioni auto ed eteroprotettive
  3. Formazioni in riposo colturale
  4. Fustaia di conifere e miste con latifoglie da rinaturalizzare
  5. Fustaie di leccio
  6. Sistemi silvo-pastorali
  7. Sugherete 
  8. Turistico-ricreativa e didattica
Condividi:

Notizie ed eventi

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...

24 Aprile 2024

Come disposto dalla DGR n° 10/71 del 23.04.2024 , la Regione ha pubblicato l’Avviso pubblico per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per...

11 Aprile 2024

Passi importanti nel bacino del Basso Flumendosa : Forestas ha posto in pre-accatastamento i tre nuovi percorsi tra Orroli e Nurri.

La RES cresce e raggiunge la parte centro-meridionale del Sarcidano-Barbagia di Seulo, un...

16 Aprile 2024
I GIORNI DEL GRIFONE NEL SUD SARDEGNA SONO ARRIVATI !

Nei giorni scorsi, sono finalmente iniziate le operazioni per il rilascio dei primi quindici grifoni nel sud Sardegna, a partire dalla base operativa presso il cantiere...

10 Aprile 2024

ANARF nel proprio sito ha reso pubblica la (proposta di) Carta dei Principi per la gestione sostenibile delle Foreste Demaniali che verrà discussa nel convegno del 12 Aprile 2024 organizzato a Roma in...

30 Marzo 2024

Altri 21 grifoni sono sbarcati nei giorni scorsi a Porto Torres provenienti dalla Spagna per diventare protagonisti del progetto LIFE Safe for Vultures , che mira ad assicurare la presenza e il benessere a lungo termine della...

28 Marzo 2024

Nella Strategia forestale dell’UE per il 2030 , la gestione forestale come un insieme di pratiche orientate a foreste multifunzionali - sia di conservazione della biodiversità e degli stock di carbonio , sia di...

28 Marzo 2024

Si svolgerà in Sardegna, tra Seneghe , Nuoro , Orgosolo e Bono - presumibilmente nel mese di maggio 2025 - con focus sulla gestione selvicolturale dei boschi a prevalenza di...