Verso una rete di aree wilderness

03 Aprile 2017
Panorama da Monte Novo S.Giovanni (foto Matteo Cara)

Scenari europei e nazionali

Il valore della wilderness è associato ad esigenze culturali e spirituali delle persone, che in un mondo sempre più popolato e meccanizzato cercano spazi di libertà, solitudine e relax, dove vivere la natura “selvaggia”(1).
Tuttavia, solo l’1,4% delle foreste europee non mostra segni di intervento umano, mentre il 3,3% è gestito con interventi minimi.
In pratica, l’intero paesaggio forestale europeo è il risultato dell'uso tradizionale o industriale del bosco, anche se in molti casi sta subentrando l’abbandono.

Una Nuova WILDERNESS?

Esiste quindi uno spazio importante per una nuova wilderness europea (1).
I pionieri in Europa sono stati forse i manager del Parco Nazionale della Foresta Bavarese, che negli anni '80 decisero di non intervenire su una grave infestazione di insetti scolitidi che minacciava i boschi di abete rosso. L'infestazione, un fenomeno naturale conosciuto nell'area, ha aperto la copertura forestale, diversificando il paesaggio ed incrementando la biodiversità (2).
La scelta ha però prodotto contrasti tra chi considerava il non intervento una devastazione del territorio e chi vedevano la novità come un passo avanti verso la sua ri-naturalizzazione (3).
Nel Parco Nazionale Val Grande, pubblicizzato come l'area wilderness più grande d’Italia (4) una storia simile, con i visitatori provenienti dalle città interessati alla wilderness ed i residenti locali negativi verso quello che è stato percepito come abbandono del paesaggio forestale tradizionale (5).

L’associazione tra terre “abbandonate” e degrado è, per certi versi, radicata nella cultura europea: in Europa, così come in Sardegna, ondate di sfruttamento estensivo dei boschi si sono storicamente alternate a fasi di abbandono (o de-colonizzazione) dovute a guerre, carestie o malattie devastanti come la peste (1).

Crisi della tradizionale economia agro-silvo-pastorale e spopolamento della montagna

L’attuale processo di decolonizzazione delle foreste è inoltre il risultato della crisi della tradizionale economia agro-silvo-pastorale e del progressivo spopolamento delle aree montane, che non è accettato di buon grado, in quanto tale, dalle comunità rurali che lo percepiscono come "abbandono".
Ma le aree wilderness possono contribuire a dare nuovo impulso all’economia delle aree rurali e contrapporsi all’abbandono del territorio: il cambiamento d’uso del bosco non è necessariamente abbandono (quello vero, dove i territori vengono dimenticati). I cambiamenti socio-economici in atto possono essere colti per fornire rinnovati servizi ecosistemici (6), tra i quali spicca il poter vivere la wilderness, un servizio culturale che sempre più persone richiedono.
Anche in Sardegna, percepita dal turismo naturalistico come terra selvaggia (Supramonte – Golfo di Orosei ad esempio) una rete di “aree wilderness”, opportunamente integrate nel mosaico di usi e paesaggi che evolvono, potrebbe contribuire alla conservazione della natura ed allo sviluppo delle aree rurali.
 

LINK e riferimenti esterni

1: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169204614000462
2: http://link.springer.com/article/10.1007/s10531-008-9409-1
3: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0959378011000811
4: http://www.parcovalgrande.it/pagina.php?id=30
5: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169204603002123
6: http://www.isprambiente.gov.it/it/temi/biodiversita/argomenti/benefici/s...
 

(testi a cura di P.Casula)

Condividi:

Notizie ed eventi

01 Dicembre 2020

Pubblicato oggi in albo pretorio un avviso per per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per l’ incarico di Direttore del Servizio Territoriale di Sassari - aperto ai dirigenti del Sistema Regione con...

01 Dicembre 2020

Forestas è al fianco della Protezione Civile regionale anche su questo fronte: dal 4 novembre scorso il personale dell'Agenzia è tornato a supporto con alcune unità operative impegnate alla Fiera di Cagliari dove viene stoccato tutto il materiale...

01 Dicembre 2020

Fango , tonnellate di detriti da rimuovere, disperazione, difficoltà, distruzione : questo lo scenario che ha cambiato Bitti (NU) in poche ore, per il passaggio del ciclone del...

27 Novembre 2020
Avviso al pubblico

Gli uffici centrali e territoriali dell'Agenzia resteranno chiusi per tutta la giornata del prossimo lunedì 7 dicembre per ferie d'ufficio disposte per tutto il personale della Regione...

25 Novembre 2020

Ancora una vittima dell’ignoranza e vigliaccheria umana: una femmina adulta di Astore sardo è stata recentemente ricoverata presso il Centro Fauna Selvatica di Bonassai recuperata dal CFVA di Nuoro (che lo aveva rinvenuto a...

25 Novembre 2020
CHIUSURA CONTO CORRENTE POSTALE INTESTATO ALL’AGENZIA FORESTAS

Dal 28 febbraio 2021 è prevista la chiusura del conto corrente postale intestato all’Agenzia Forestas e pertanto tutti i pagamenti a favore dell’...

24 Novembre 2020

Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha evidenziato come nei boschi vincolati paesaggisticamente per Decreto Ministeriale le utilizzazioni debbano essere assoggettate a parere vincolante della Soprintendenza. Può essere...

23 Novembre 2020

Forestas cederà a titolo gratuito e simbolico due piante di Corbezzolo ( Arbutus unedo ) ad ogni Comune della Sardegna, per dare un segno tangibile (che vivrà con la pianta messa a dimora a...

23 Novembre 2020

La Regione Autonoma della Sardegna , nell’ambito del Progetto INTENSE - Itinerari turistici sostenibili - del PC Marittimo IT FR 2014-2020, invita a partecipare all...

21 Novembre 2020

Il 21 novembre di ogni anno in Italia, dal 1898 , si celebra la festa dell'albero . Nel 1951 una circolare del Ministero dell'Agricoltura e delle Foreste stabiliva che si dovesse svolgere il...

20 Novembre 2020

Chiarimenti sugli aspetti scientifici dell'intervento, nell'ultimo mese focalizzato sui torrenti del Limbara: reintrodurre il ceppo autoctono, più resistente a bassi livelli di ossigeno e alle alte temperature dei torrenti...

17 Novembre 2020

Il più grande Parco Naturale della Sardegna , ha finalmente un logo che lo rappresenta. Così avrà una propria identità, in cui sono centrali i concetti di biodiversità e persino un richiamo esplicito...