Verso una rete di aree wilderness

03 Aprile 2017
Panorama da Monte Novo S.Giovanni (foto Matteo Cara)

Scenari europei e nazionali

Il valore della wilderness è associato ad esigenze culturali e spirituali delle persone, che in un mondo sempre più popolato e meccanizzato cercano spazi di libertà, solitudine e relax, dove vivere la natura “selvaggia”(1).
Tuttavia, solo l’1,4% delle foreste europee non mostra segni di intervento umano, mentre il 3,3% è gestito con interventi minimi.
In pratica, l’intero paesaggio forestale europeo è il risultato dell'uso tradizionale o industriale del bosco, anche se in molti casi sta subentrando l’abbandono.

Una Nuova WILDERNESS?

Esiste quindi uno spazio importante per una nuova wilderness europea (1).
I pionieri in Europa sono stati forse i manager del Parco Nazionale della Foresta Bavarese, che negli anni '80 decisero di non intervenire su una grave infestazione di insetti scolitidi che minacciava i boschi di abete rosso. L'infestazione, un fenomeno naturale conosciuto nell'area, ha aperto la copertura forestale, diversificando il paesaggio ed incrementando la biodiversità (2).
La scelta ha però prodotto contrasti tra chi considerava il non intervento una devastazione del territorio e chi vedevano la novità come un passo avanti verso la sua ri-naturalizzazione (3).
Nel Parco Nazionale Val Grande, pubblicizzato come l'area wilderness più grande d’Italia (4) una storia simile, con i visitatori provenienti dalle città interessati alla wilderness ed i residenti locali negativi verso quello che è stato percepito come abbandono del paesaggio forestale tradizionale (5).

L’associazione tra terre “abbandonate” e degrado è, per certi versi, radicata nella cultura europea: in Europa, così come in Sardegna, ondate di sfruttamento estensivo dei boschi si sono storicamente alternate a fasi di abbandono (o de-colonizzazione) dovute a guerre, carestie o malattie devastanti come la peste (1).

Crisi della tradizionale economia agro-silvo-pastorale e spopolamento della montagna

L’attuale processo di decolonizzazione delle foreste è inoltre il risultato della crisi della tradizionale economia agro-silvo-pastorale e del progressivo spopolamento delle aree montane, che non è accettato di buon grado, in quanto tale, dalle comunità rurali che lo percepiscono come "abbandono".
Ma le aree wilderness possono contribuire a dare nuovo impulso all’economia delle aree rurali e contrapporsi all’abbandono del territorio: il cambiamento d’uso del bosco non è necessariamente abbandono (quello vero, dove i territori vengono dimenticati). I cambiamenti socio-economici in atto possono essere colti per fornire rinnovati servizi ecosistemici (6), tra i quali spicca il poter vivere la wilderness, un servizio culturale che sempre più persone richiedono.
Anche in Sardegna, percepita dal turismo naturalistico come terra selvaggia (Supramonte – Golfo di Orosei ad esempio) una rete di “aree wilderness”, opportunamente integrate nel mosaico di usi e paesaggi che evolvono, potrebbe contribuire alla conservazione della natura ed allo sviluppo delle aree rurali.
 

LINK e riferimenti esterni

1: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169204614000462
2: http://link.springer.com/article/10.1007/s10531-008-9409-1
3: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0959378011000811
4: http://www.parcovalgrande.it/pagina.php?id=30
5: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169204603002123
6: http://www.isprambiente.gov.it/it/temi/biodiversita/argomenti/benefici/s...
 

(testi a cura di P.Casula)

Condividi:

Notizie ed eventi

28 Giugno 2022

Iniziativa promossa dalla onlus Effetto Palla , in collaborazione con l'Agenzia regionale Forestas - grazie anche al protocollo di collaborazione recentemente sottoscritto. A un anno esatto dal grande incendio che aveva devastato ...

21 Giugno 2022

A causa di una riorganizzazione del personale dovuta alle ferie estive, si informa l'utenza che per la settimana in corso lo sportello URP di viale Merello 86 a Cagliari ed il canale Whatsapp/Telegram potrebbero subire limitazioni.

Si...

16 Giugno 2022
RIGENERAZIONE e PAESAGGIO

Ricostruire il paesaggio forestale tipico del Gennargentu , recuperando e rigenerando le numerose aree boscate che in passato circondavano gli ovili: se n'è parlato ad Arzana e Villagrande...

17 Giugno 2022

La Giornata della desertificazione e della siccità (Desertification & Drought Day) si celebra ogni anno il 17 giugno . Indetta nel 1995 dalle Nazioni Unite per promuovere la ...

14 Giugno 2022

Avviata una selezione per l'ufficio fiscale del Servizio Contabilità e Bilancio della Direzione Generale dell'Agenzia Forestas, per l’acquisizione mediante passaggio diretto tra Amministrazioni diverse ...

13 Giugno 2022
Un altro progetto POR portato a termine da Forestas

Il progetto dei sentieri di Dorgali e Cala Gonone è parte integrante dell’Area di Rilevanza Strategica "SU SUERCONE" finanziata con con fondi POR FESR della...

13 Giugno 2022

Lunedì 13 giugno dalle 10 ad Urzulei presso l’Hotel Gorropu, in località Sìlana (strada statale 125, km 183) si parla del ruolo delle guide del territorio per la reintroduzione del grifone in...

07 Giugno 2022

10 e 11 giugno: si tratta di un workshop GRATUITO, per far incontrare tecnici e pescatori sportivi e mostrare come si può far pesca selettiva e monitoraggio genetico...

.

04 Giugno 2022

In occasione del Festival del paesaggio dell’atopiano , il 4 e 5 giugno e l’11 e 12 giugno si esporrà nei quattro paesi della Giara la mostra “SARDEGNA FORESTE, I TESORI NATURALI DI UN’ISOLA” ...

30 Maggio 2022

Venticinque tra tecnici e ricercatori francesi rappresentativi del sistema forestale transalpino, in visita in Sardegna dopo 22 anni (l'ultima visita avvenne nel 2000) per conoscere e approfondire le principali tematiche della foresta...

24 Maggio 2022

“ L’avvio della campagna antincendio è ormai alle porte e la macchina regionale è pronta per affrontare la stagione 2022 con l’obiettivo di difendere il territorio e il nostro patrimonio ambientale, oltre a garantire la sicurezza dei cittadini...