Verso una rete di aree wilderness

03 Aprile 2017
Panorama da Monte Novo S.Giovanni (foto Matteo Cara)

Scenari europei e nazionali

Il valore della wilderness è associato ad esigenze culturali e spirituali delle persone, che in un mondo sempre più popolato e meccanizzato cercano spazi di libertà, solitudine e relax, dove vivere la natura “selvaggia”(1).
Tuttavia, solo l’1,4% delle foreste europee non mostra segni di intervento umano, mentre il 3,3% è gestito con interventi minimi.
In pratica, l’intero paesaggio forestale europeo è il risultato dell'uso tradizionale o industriale del bosco, anche se in molti casi sta subentrando l’abbandono.

Una Nuova WILDERNESS?

Esiste quindi uno spazio importante per una nuova wilderness europea (1).
I pionieri in Europa sono stati forse i manager del Parco Nazionale della Foresta Bavarese, che negli anni '80 decisero di non intervenire su una grave infestazione di insetti scolitidi che minacciava i boschi di abete rosso. L'infestazione, un fenomeno naturale conosciuto nell'area, ha aperto la copertura forestale, diversificando il paesaggio ed incrementando la biodiversità (2).
La scelta ha però prodotto contrasti tra chi considerava il non intervento una devastazione del territorio e chi vedevano la novità come un passo avanti verso la sua ri-naturalizzazione (3).
Nel Parco Nazionale Val Grande, pubblicizzato come l'area wilderness più grande d’Italia (4) una storia simile, con i visitatori provenienti dalle città interessati alla wilderness ed i residenti locali negativi verso quello che è stato percepito come abbandono del paesaggio forestale tradizionale (5).

L’associazione tra terre “abbandonate” e degrado è, per certi versi, radicata nella cultura europea: in Europa, così come in Sardegna, ondate di sfruttamento estensivo dei boschi si sono storicamente alternate a fasi di abbandono (o de-colonizzazione) dovute a guerre, carestie o malattie devastanti come la peste (1).

Crisi della tradizionale economia agro-silvo-pastorale e spopolamento della montagna

L’attuale processo di decolonizzazione delle foreste è inoltre il risultato della crisi della tradizionale economia agro-silvo-pastorale e del progressivo spopolamento delle aree montane, che non è accettato di buon grado, in quanto tale, dalle comunità rurali che lo percepiscono come "abbandono".
Ma le aree wilderness possono contribuire a dare nuovo impulso all’economia delle aree rurali e contrapporsi all’abbandono del territorio: il cambiamento d’uso del bosco non è necessariamente abbandono (quello vero, dove i territori vengono dimenticati). I cambiamenti socio-economici in atto possono essere colti per fornire rinnovati servizi ecosistemici (6), tra i quali spicca il poter vivere la wilderness, un servizio culturale che sempre più persone richiedono.
Anche in Sardegna, percepita dal turismo naturalistico come terra selvaggia (Supramonte – Golfo di Orosei ad esempio) una rete di “aree wilderness”, opportunamente integrate nel mosaico di usi e paesaggi che evolvono, potrebbe contribuire alla conservazione della natura ed allo sviluppo delle aree rurali.
 

LINK e riferimenti esterni

1: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169204614000462
2: http://link.springer.com/article/10.1007/s10531-008-9409-1
3: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0959378011000811
4: http://www.parcovalgrande.it/pagina.php?id=30
5: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169204603002123
6: http://www.isprambiente.gov.it/it/temi/biodiversita/argomenti/benefici/s...
 

(testi a cura di P.Casula)

Condividi:

Notizie ed eventi

19 Gennaio 2022

La stagione riproduttiva del Grifone in Sardegna è ripartita sotto i migliori auspici. Nell’entroterra bosano una coppia in età avanzata ha appena deposto il suo unico uovo : è il quarto anno di seguito che i due esemplari...

18 Gennaio 2022

Il grifone è la più sociale tra le 4 specie di avvoltoi presenti in Europa (grifone - monaco - gipeto - capovaccaio). Si nutre in gruppo e si riproduce in grandi colonie che possono ospitare centinaia di individui.

Questi avvoltoi si...

18 Gennaio 2022

Il progetto Aquila A-Life , finanziato dall'UE e realizzato grazie alla collaborazione, tra gli altri, di ISPRA e Grefa Spagna , ha previsto nel 2021 la stampa di due pieghevoli, distribuiti...

17 Gennaio 2022

Per la festività patronale , lunedì 17 gennaio , gli uffici del Servizio Territoriale di Cagliari di Bagantinus ( Decimomannu ) resteranno chiusi al pubblico.

14 Gennaio 2022

Lo scorso 11 gennaio sul Rio Flumineddu , fra i territori di Orgosolo ed Urzulei , sono state trovate purtroppo una serie di esemplari di Trota sarda...

14 Gennaio 2022

In attuazione del piano del fabbisogno 2021-2023, la Direzione Generale dell'Agenzia ha pubblicato l'avviso di indizione della procedura selettiva per 3 posti di dirigente, mediante mobilità volontaria (ex art. 38-bis della L.R. 31/1998) per la...

13 Gennaio 2022

Nei giorni scorsi Copernicus Climate Change Service dell’Unione Europea ha pubblicato i suoi risultati annuali: gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati a livello globale.

Le concentrazioni globali di gas clima-...

10 Gennaio 2022

Concluso nelle scorse settimane, il protocollo d’intesa prevede di potenziare le attività di sensibilizzazione ed educazione ambientale e azioni congiunte per la protezione delle specie selvatiche della nostra Isola...

05 Gennaio 2022

Informiamo tutti gli utenti che nella giornata venerdì 7 gennaio 2022 tutti gli uffici della Regione Sardegna, incluse tutte le sedi dell'Agenzia Forestas e gli URP, saranno chiusi per ferie d'ufficio disposte...

03 Gennaio 2022

Tante attività all'aperto nei comuni del nuorese, dopo la pressoché totale interruzione delle attività nel 2020, a pandemia ancora in corso; sono ripartiti gli appuntamenti con scuole e associazioni per la ricorrenza della...

03 Gennaio 2022

È on-line l'avviso per le manifestazioni di interesse per l'inserimento nel Piano annuale 2022 delle esposizioni. ll calendario delle uscite per tutto il 2022 verrà pubblicato dopo il vaglio delle richieste pervenute,...

23 Dicembre 2021

LIFE Streams prevede in Sardegna l’utilizzo di due incubatoi mobili . Uno sarà posizionato nella Zona Speciale di Conservazione (ZSC) del Monte Linas – Marganai...