Borracina azzurra

Sedum Caeruleum a punta Sebera a 970 mslm (foto A.Saba)

Nella tarda primavera le foglioline carnose di questa pianta, colorano di purpureo le fratture rocciose e le piccole rupi granitiche.

Presente nativamente solo in Sardegna, Sicilia ed isole minori, questa erba annuale è diffusa nel bacino mediterraneo. Assai resistente alla siccità, si adatta a sopravvivere senza problemi su rocce assolate

Alta 5 cm, raramente più alta con la fioritura, presenta piccoli fusti eretti ascendenti, foglie alterne, cilindriche e assai piccole (2-3 mm massimo).

I fiori appariscenti benchè micro, sono generalmente composti da 5-7 petali bianchi alla base, azzurrini altrove, a cappuccio.  

Extra:

Sono noti utilizzi popolari del Sedum caeruleum come cicatrizzante e lenitivo in caso di ustioni e ferite di lieve entità.  Si utilizza principalmente il succo, anche in erboristeria, che in caso di emergenza può essere sfruttato per reidratarsi, ottenuto il liquido per semplice spremitura delle parti aeree. 

Habitat:
Muri, rocce, rupi, anche su suolo siliceo, luoghi sassosi, dal livello del mare a quota 1000 m.slm. Apprezza la luce diretta, sopporta temperature sotto zero ma richiede terreno asciutto.
Etimologia:
Al colore dei fiori si deve il nome
Somiglianze e varietà:
Nomi alternativi: pignola blu.
Curiosità:
Questa straordinaria Crassulacea svolge il fondamentale compito di trattenere il terriccio arrichendo la roccia con un substrato nutriente e quindi di creare le condizioni perché altre piante si installino.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Sedum caeruleum L.
Nome sardo:
ùa titina, alina’e monte, erba de margiani, sempiribiu asulu
Flora:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • È un arbusto sempreverde , molto ramificato, con foglie sclerofilliche (cioè dure, coriacee, sempreverdi) tipico della macchia mediterranea. Spesso, in condizioni climatiche...
  • Pianta erbacea perenne, foraggera appartenente alla famiglia delle leguminose , che cresce spontanea in quasi tutti i paesi del bacino del Mediterraneo. Specie spontanea nel...
  • Erbacea perenne, rustica e resistente: la fioritura da marzo a maggio decora i panorami della Sardegna. Considerata infestante dei pascoli, non è molto gradita dagli animali...
  • Albero caducifoglio alto fino a 15 - 20 metri; con rami laterali ben sviluppati e chioma espansa. Tronco diritto e regolare non scanalato. La corteccia è marrone-rossastro scuro,...
  • Arbusto o albero di piccole dimensioni, a chioma espansa. Corteccia grigiastra. Rami giovani ricoperti da peli e spinosi. Foglie di forma ovato-lanceolata, a margine dentato,...
  • Arbusto o alberello di modeste dimensioni (3-6 m.) con portamento cespuglioso eretto, con chioma piuttosto irregolare e lassa, rami eretti, talvolta penduli. Corteccia grigio-...
  • Il perastro o Pero mandorlin o (spesso citato anche Pyrus spinosa o Crataegus amygdaliformis o Pyrus amygdaliformis ) è una pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae,...
  • Noto anche come Erba di S.Giovanni (o cacciadiavoli ) è un piccolo arbusto cespuglioso, piuttosto legnoso alla base, biennale o perenne...
  • Pianta suffruticosa dal portamento pulvinato , alta meno di un metro, fiorisce tra aprile e settembre. Questa Euforbiacea è una pianta meno diffusa di altre sue omonime, presente...
  • Albero caducifoglio alto fino a 20 m. a portamento eretto, ramificato in alto, con chioma globosa e raccolta nella parte superiore. La corteccia è grigio-verdastra inizialmente,...
  • Pianta erbacea perenne alta 15-80 cm, con bulbo di 2,4 cm di diametro. Il fusto eretto, cilindrico, termina con infiorescenza. Le foglie in numero di 2-4 nascono dal bulbo,...
  • Pianta erbacea officinale , perenne alta 15-45 cm., glabra o lievemente pubescente, con radice legnosa ed ingrossata, non presenta fusto. Foglie disposte a rosetta, , semplici,...