Falco cuculo

Falco vespertinus (foto di Jutta Luft - WikiMedia, CC BY-SA 3.0)
Origine zoogeografica:
Eurosibirica
Areale di distribuzione:
Nidifica nell’Europa Orientale fino alla Siberia centrale ed al Turchestan; i quartieri di svernamento sono localizzati nelle regioni Africane a Sud dell’Equatore. In Sardegna transita regolarmente durante la migrazione primaverile (maggio) con stormi variabili da 2-3 ad oltre 50 esemplari.
Identificazione:
Apertura alare 58-70 cm. Piccolo falco dalle ali strette ed appuntite ma larghe alla base. Coda relativamente lunga, squadrata e un po’ arrotondata. Dimorfismo sessuale. Le parti superiori del maschio sono uniformemente grigio-ardesia scuro, fatta eccezione per le remiganti grigio-argentee nettamente contrastanti col resto del piumaggio. Coda e sopraccoda nerastre. Parti inferiori grigio-scuro in risalto rispetto al nero ardesia delle copritrici. Becco arancio con punta grigiastra. Cera e circoli periorbitali rosso arancio intenso come i tarsi e le zampe. Iride bruno scura. Nella femmina la colorazione superiore è tendenzialmente grigio-ardesia. Fronte crema, testa e nuca rosso pallido. Lati del collo giallo-marrone o biancastri. Regione periorbitale e mustacchio marrone-nerastro. Inferiormente si osserva una duplice colorazione : beige-ruggine in corrispondenza del corpo e delle copritrici. Queste ultime presentano barrature sulle primarie e piccole macchie sulle restanti. Anche il corpo è finemente striato sui fianchi. Becco grigio con base gialla. La cera, i circoli periorbitali, le zampe ed i tarsi sono più pallidi che nel maschio. Iride scura. I giovani sono simili alla femmina adulta. Il volo è agile con battiti molto rapidi e regolari ad ali rigide durante la caccia.
Habitat:
Vive in ambienti aperti, pianeggianti, con vegetazione bassa e scarsa copertura boschiva. Si nutre preferenzialmente di insetti tra i quali coleotteri, termiti, cavallette, libellule, grilli ect. Si ciba anche di piccoli mammiferi, anfibi, rettili e talvolta di uccelli di piccole dimensioni in particolar modo nidiacei.
Riproduzione:
La deposizione delle uova, in numero di 3-4, avviene nel mese di maggio.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna, All. II.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Falco vespertinus
Nome sardo:
Non esiste nome proprio
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Mestolone si distingue dalle altre anatre per avere il becco smoderatamente grande a spatola e grosso. Il maschio è bianco con losanga scura superiormente con lo specchio...
  • La specie si riconosce per il caratteristico colore bianco con le remiganti nere, le zampe lunghe e rosse, il becco lungo e rosso arancio ed infine per la forma slanciata del...
  • Ha un’apertura alare tra i 65 e gli 86 millimetri. L’aspetto è appariscente: ali anteriori gialle con macchie e venature nere, ali posteriori con una fascia blu e un ocello rosso...
  • Il corpo è di forma ovoidale e raggiunge in genere gli 8 mm di lunghezza. Capo e torace sono neri, con due macchie bianche. Sulle elitre, dal tipico colore rosso acceso, si...
  • È una falena diurna di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 20 millimetri. Le ali sono nere, bordate di chiaro, con delle grosse macchie rosso vivo, a loro volta...
  • È simile al Macaone (Papilio machaon), da cui si discosta per la presenza di “code” più corte e per le macchie rosse più piccole sulle ali posteriori. L’apertura alare va dai 6 a...
  • Airone di piccole dimensioni e piumaggio prevalentemente bianco, confuso spesso con la Garzetta da cui differisce per il collo più grosso e l’aspetto più tozzo.. Sessi simili. Il...
  • Felino carnivoro, presente solo nelle zone interne e montuose, nei boschi dell'Isola. Difficilissimo riuscire a vederlo, quasi impossibile fotografarlo: specie elusiva per...
    Molto più robusto e forte rispetto ai gatti domestici (lunghezza testa-corpo: fino a 70 cm). Ha una caratteristica coda, lunga circa metà del corpo, che termina di netto come se...
  • Più piccolo e chiaro della specie nominale, ha una lunghezza totale di circa 38-53 cm, le zampe posteriori lunghe, una colorazione della pelliccia prevalentemente grigia,...
  • Lungo 19 cm. Facilmente riconoscibile per la sua struttura possente, le grandi dimensioni, il becco giallo e robusto. Presenza ai lati del collo di una banda larga e nera. Il...
  • E’ una specie molto comune distinguendosi dagli altri Pipistrellus sardi per avere il premolare superiore anteriore piccolo, il margine alare mal definito e chiaro. Lunghezza...
  • Rispetto alla specie nominale, il cinghiale sardo è più piccolo, ha una lunghezza totale di 100 - 120 cm e raggiunge un peso massimo di 70 -80 kg. nei maschi adulti. Ha una...