Rinolofo di Mehely

Rinfolo di Mehely - foto di Mauro Mucedda
Areale di distribuzione:
Regione mediterranea; e una specie con areale disgiunto, presente nelle regioni costiere della Spagna e della Francia, nel nord Africa, penisola balcanica, Iran. In Italia la sua presenza è stata accertata, oltre che in Sardegna, anche in Puglia e Sicilia. In Sardegna la sua distribuzione si sovrappone bene a quella dei tavolati calcarei, ricchi di grotte e anfratti; prevalentemente lo si riscontra nella parte occidentale dell’Isola, ad eccezione dei Campidani.
Identificazione:
Si tratta di un pipistrello di taglia medio grande, la cui lunghezza è di circa 55-65 mm e apertura alare di 31-34 cm. Il Rinofolo di Mehely presenta una sorta di disegno scuro attorno agli occhi e la cresta ha l’apice appuntito. Il colore del dorso è grigio bruno, mentre la regione ventrale si presenta molto chiara. Caratteristica di questa specie è che nella colonia si possono riscontrare alcuni esemplari di un vistoso colore arancione, mai segnalati nelle altre parti dell’areale. Si distingue dagli altri Rinolofi per la parte inferiore della sella della foglia nasale che si allarga e finisce a punta.
Habitat:
Questo rinolofo è strettamente cavernicolo e la totalità dei rifugi trovati in Sardegna è costituita da habitat sotterranei, quali grotte e cunicoli. Predilige climi caldi con altitudine che non supera in genere i 500 m. E’ una specie con abitudini, a seconda delle situazioni, sedentarie o migratorie, compiendo spostamenti nelle varie grotte dell’Isola. Tali spostamenti sono legati alle variazioni di temperatura all’interno delle grotte per cui vengono distinti rifugi estivi e invernali. Predilige le zone calcaree. L’attività di caccia inizia al tramonto e si protrae per tutta la notte. Vola lentamente e con agilità. La sua capacità di alzarsi in volo da fermo senza sforzi fa pensare che possa cacciare anche sul terreno. Si nutre essenzialmente di insetti. Il comportamento è gregario e forma colonie spesso molto numerose; nei mesi autunnali e primaverili è solito formare gruppi molto fitti con gli animali addossati tra loro pancia contro pancia; in inverno, durante il letargo, usa occupare superfici anche molto ampie di soffitti e pareti delle grotte, senza alcun contatto tra gli individui. Spesso forma colonie miste con altri Chirotteri.
Riproduzione:
In alcune grotte dell’Isola usa formare con altre specie di pipistrelli colonie di riproduzione; queste grotte si trovano ad altitudini piuttosto basse e hanno temperature che variano tra i 16 e i 25 gradi. La riproduzione avviene durante il periodo primaverile-estivo con la nascita di un unico esemplare. Alla fine dell’estate le grotte “calde” vengono abbandonate e gli animali si trasferiscono nelle grotte invernali per il letargo.
Status di conservazione:
Vulnerabile
Fattori di minaccia:
L’uso di sostanze tossiche per la lotta agli insetti è una delle maggiori minacce per la specie.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna, All. II; DIR. CEE 43/92, All. II e IV; L. 157/92; L.R.23/98.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rhinolophus mehelyi
Nome sardo:
Tutturréddu, alaepèdhe, pinnedhu, pibiristedhu.
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • <body/>
    Ha il corpo peloso e tozzo, scuro, con una banda arancione appena visibile dietro il capo e una dello stesso colore, ma ben visibile, nell’addome. Questo ha l’ultimo segmento di...
  • Orecchie grandi e lunghe a contatto sopra la testa. Lunghezza testa-tronco 42-53 mm, un’apertura alare di 240-285 mm. Il dorso assume una colorazione grigio-bruna tendente al...
  • Scoperto di recente, era sfuggito ad una serie di studi che da sempre hanno interessato la Sardegna. Il carattere morfologico più evidente che distingue il Plecotus sardus dalle...
  • Tipica anatra tuffatrice di aspetto massiccio e di medie dimensioni, collo lungo e robusto e un’ampia apertura alare. Peso di 750-1300 g ed una lunghezza di 42-46 cm. La femmina è...
  • È simile al Macaone (Papilio machaon), da cui si discosta per la presenza di “code” più corte e per le macchie rosse più piccole sulle ali posteriori. L’apertura alare va dai 6 a...
  • si distingue per la presenza di squame dorsali grandi, embricate e fortemente carenate, e per la presenza di un collare. Coda lunga circa il doppio della lunghezza testa-corpo...
  • I Mutillidi sono una famiglia di imenotteri vespoidei . Vengono comunemente chiamati "formiche" di velluto per il corpo ricoperto di peluria e l'aspetto che ricorda una formica...
    Il corpo è lungo 10-16 millimetri e ha aspetto vellutato. La testa, il torace e le zampe sono di colore rosso brillante, l’addome è nero e presenta cinque macchie bianche. I...
  • <body/>
    Rapace notturno, caratterizzato da un disegno facciale a cuore e ciuffi auricolari assenti. E’ lungo 34 cm., con un’apertura alare di 85-93 cm, e un peso di 280-450 g. Gli occhi...
  • Uccello di grossa taglia, dal becco lungo e sottile, incurvato verso l’alto. Zampe palmate slanciate grigio-plumbeo. Il piumaggio è caratterizzato da contrasti bianchi e neri...
  • Si tratta del più piccolo fra i chirotteri europei. I peli del dorso assumono una colorazione bicolore: scuri e nerastri alla base e più chiari all’estremità, mentre il ventre è...
  • S'Abilastru , così è chiamata in sardo, era una specie ormai scomparsa dal nostro territorio: verrà reintrodotta con un nuovo progetto LIFE nel Parco Naturale Regionale di...
    Sessi simili. Lunga 65-70 cm, con apertura alare di 150-160 cm, e peso medio di 2 kg. Le parti superiori sono bruno scuro, in contrasto con quelle inferiori più chiare, con una...
  • Frequenta ambienti a prevalente vegetazione erbacea .
    Apertura alare 100-121 cm. Ali ampie con punta arrotondata. Corpo massiccio e panciuto, testa grossa, coda stretta e lunga ad apice arrotondato. La silhouette delle femmine è...