Sputacchina (Cercopoidei)

Schiuma della sputacchina (foto C.Mascia - AFNI Sardegna)

Si tratta di una vasta famiglia di insetti (superfamiglia con un totale di migliaia di specie, tra cui la principale è rappresentata dalle Aphrophoridae, dette anche "sputacchine vere"). 

Alcune specie sono comunissime anche in Sardegna, ed è facile individuare le masse schiumose "bavose" prodotte dalle neanidi e ninfe (stadi giovanili di sviluppo degli insetti) attaccate agli steli e sulle foglie di piante erbacee, fra cui il cisto, anche ai margini del bosco. 

Questa particolarissima schiuma biancastra svolge un'importante funzione di protezione, nascondendo l'insetto dai predatori e proteggendolo dall'evaporazione anche in condizioni di forte esposizione al sole. 

Extra

Il nome comune degli Aphrophoridae fa riferimento alla singolare tecnica di protezione degli stadi giovanili: come nella generalità dei Cercopoidei, neanidi e ninfe sono poco mobili e vivono immerse in una massa schiumosa simile alla saliva di uno sputo (da cui "sputacchine").

Areale di distribuzione:
Questa famiglia di insetti ha un'ampia distribuzione. In Europa alcune specie sono comunissime ed è facile individuare le masse schiumose, prodotte dalle neanidi, attaccate agli steli e sulle foglie di piante erbacee, fra cui molte di interesse agricolo.
Identificazione:
Questi insetti cosmopoliti (ossia con una distribuzione che si estende in quasi tutto il mondo) da adulti hanno un corpo ovoidale, oblungo, di piccole dimensioni (lunghi tipicamente 10 mm) con livree poco appariscenti. Sono piuttosto simili agli insetti della famiglia Cercopidae, dai quali si distinguono, sostanzialmente, per il capo largo e per il margine posteriore del segmento dordale conformato a W. Le ali anteriori sono più lunghe dell'addome.
Habitat:
A differenza degli stadi giovanili dei Cercopidi, che vivono sotto la superficie del terreno, le sputacchine vere vivono all'aperto, sulla parte epigeica delle piante, prevalentemente erbacee. La schiuma svolge perciò un'importante funzione di protezione, nascondendo l'insetto alla vista dei predatori, ma soprattutto proteggendolo dall'evaporazione. All'interno della massa schiumosa, infatti, l'umidità relativa si mantiene alta e la temperatura moderata, anche in condizioni di forte insolazione.
Curiosità:
Come "Sputacchine" sono più genericamente chiamate una famiglia cosmopolita di insetti dell'ordine dei Rincoti Omotteri. Tra le tante, la "sputacchina media" (Philaenus spumarius L.) è ad esempio un'altra specie che si nutre di varie piante e che può risultare occasionalmente dannosa alla vite, all'erba medica, alla fragola e ad altre piante ornamentali (come rosa) e orticole. Gli adulti presentano colore tra il nerastro ed il bruno chiaro, e sono lunghi circa 5 mm. Il riferimento alla schiuma o alla saliva ricorre anche nel nome comune in altre lingue, come ad esempio in inglese (spittlebug, insetto sputo), in tedesco (Schaumzikade, cicala dalla schiuma) e in spagnolo (salivazo, sputo). La schiuma si forma facendo passare forzatamente escrementi liquidi frammisti ad aria, attraverso la parte ventrale dell'addome, producendo bolle alquanto stabili. In condizioni normali questi insetti non sono particolarmente dannosi, ma possono esserlo in certe annate, con occasionali aumenti delle popolazioni, tali da provocare danni diretti o indiretti dovuti alle punture di nutrizione, che possono provocare decolorazioni e deformazioni. Gli adulti possono essere occasionali vettori di agenti patogeni che colpiscono in particolare ulivi e vite.
Condividi:
Scheda
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • L’adulto è lungo tra i 25 e i 40 millimetri con una vistosa ed elegante livrea. Il capo, il torace, le regioni ventrali e le zampe sono scuri con riflessi tendenti al blu e al...
  • Il Falco pescatore è un bellissimo uccello da preda tipico delle zone umide. Apertura alare di 147-170 cm. e un peso di 1,1 - 2 kg, mostra un netto contrasto tra le parti...
  • Le caratteristiche generali dell’asinello albino sono quelle comuni alla popolazione di asinelli sardi, dai quali si discostano poco. L’origine di questi animali non è stata...
  • E’ una delle anatre selvatiche più rare in Italia. Il piumaggio è color mogano scuro, mentre il ventre, lo specchio alare ed il sottocoda sono color argento. Non presenta mai del...
  • Anitra caratterizzata dalla colorazione grigio vermicolato sui fianchi e sul dorso leggermente screziata sul capo e sul collo del maschio, con la presenza del nero nelle parti...
  • Apertura alare 55-70 cm. Specie caratterizzata da coda lunga ed ali ampie e arrotondate. Dimorfismo tra i due sessi. La femmina è circa 1/3 più grande del maschio. Il maschio è...
  • Lungo 20 cm circa, si riconosce per la colorazione nera, più scura nel maschio che nella femmina. Durante l’inverno compaiono delle piccole macchie biancastre agli apici delle...
  • E’ molto simile alla donnola ma di dimensioni superiori (lunghezza testa - corpo 39-51cm, peso kg. 1-1,2) e ha una caratteristica macchia pettorale molto allungata di colore...
  • È di piccole dimensioni, fra gli 11 e 14 mm. Il corpo è di colore bronzeo e sulle elitre ci sono delle macchie giallastre con bordi scuri. Gli occhi sono grandi, le possenti...
  • Le parti superiori sono grigio olivastro con larghe fasciature nere; il capo è nero cenere; le parti inferiori sono biancastre con sfumature scure. Si differenzia dalla specie...
  • Airone di piccole dimensioni e piumaggio prevalentemente bianco, confuso spesso con la Garzetta da cui differisce per il collo più grosso e l’aspetto più tozzo.. Sessi simili. Il...
  • La lunghezza testa-tronco è di (40) 45-55 (60) mm con un’apertura alare di 240-275 mm. La colorazione del dorso assume una tonalità color bruno rossastro mentre nel ventre è più...