Su Sartu

Il cantiere forestale di Su Sartu in agro di Orune (Nu) è in occupazione temporanea dall’Ente Foreste della Sardegna al fine di garantire la prosecuzione delle attività di Sistemazione Idraulico Forestali e Difesa Incendi.

Inquadramento geografico:
Provincia: Nuoro Comune: Orune Superficie: 1300 ettari
Aspetti climatici:
Il clima è condizionato in senso negativo all'andamento delle precipitazioni che, notoriamente, sono concentrate nelle stagioni fresche. Il clima è di tipo mediterraneo, caratterizzato da inverni mediamente freddi e piovosi e da estati calde e siccitose. Il regime pluviometrico può dunque essere definito di tipo semiarido, con massimo idrico invernale ed elevato deficit nel periodo estivo.
Aspetti geopedologici:
Il complesso forestale in argomento, dal punto di vista geologico può essere diviso in due corpi: - Corpo A - Costituito da scisti con morfologia arrotondata; non mancano comunque versanti con pendenze accentuate, dovute a erosione diffusa e localizzata sia per le caratteristiche fisiche del terreno che per il regime idrico. Nelle aree a giacitura pianeggiante e in quelle con presenza di matrice boschiva si è in presenza di suoli ascrivibili a “terre brune forestali”, mentre in quelle a morfologia tormentata e con valori elevati di pendenza la situazione degrada verso i “litosuoli”. Il sistema idrografico è piuttosto elementare (trattasi di una rete di piccoli torrenti che defluiscono dai rilievi collinari dell'entroterra confluendo a valle nel rio Cedrino). Il bacino imbrifero che li alimenta prende il nome di Bacino Imbrifero del rio Cedrino. La portata idrica ha una grande variabilità stagionale con massimi apporti in inverno e minimi in estate in sintonia con il regime pluviometrico. - Corpo B - Costituito da rocce granitiche, di difficile alterabilità, dove l’azione degli agenti atmosferici si rende manifesta solo nei tempi lunghi. La morfologia risulta aspra e frastagliata, con affioramenti rocciosi e versanti a forte pendenza, caratteristici dei substrati granitici; sulle aree alluvionali la morfologia è più dolce e arrotondata, non mancano comunque versanti con pendenze accentuate, dovute a erosione diffusa e localizzata sia per le caratteristiche fisiche del terreno che per il regime idrico. Nelle aree a giacitura piana e in quelle con presenza di matrice boschiva si è in presenza di suoli ascrivibili rispettivamente a “suoli alluvionali” e “terre brune forestali”, mentre in quelle a morfologia tormentata e con elevati valori di pendenza la situazione degrada verso “litosuoli”. L’azione di degrado è dovuta soprattutto ai disboscamenti, ai ripetuti incendi e al pascolo indiscriminato nonché, all’azione erosiva delle acque superficiali e alla rapida mineralizzazione della sostanza organica. L’azione combinata di questi elementi ha accelerato il processo di degradazione, con la scomparsa dell’orizzonte umifero e di conseguenza una regressione della vegetazione verso forme meno evolute (cisteto).
Aspetti vegetazionali:
Questo territorio forestale è costituito da tre corpi separati: - Corpo A - Prevalentemente rappresentato da pascolo alberato e cespugliato, con lembi di ceduo di Leccio, residui dell’azione devastatrice degli incendi e del pascolo indiscriminato. Su buona parte del territorio sono presenti inoltre piante di Sughera, distribuite a gruppi e sottoposte a coltura. Non mancano formazioni di macchia mediterranea con le specie caratteristiche; dove le condizioni del terreno degradano si hanno estese praterie e garighe sfruttate a pascolo. La rinnovazione è pressoché assente e comunque accestita dal morso e calpestio del bestiame (dove è presente). - Corpo B - Presenta una pineta artificiale di Pino Domestico con sporadica presenza di Latifoglie impiantata negli anni Cinquanta, ed un bosco ceduo di Leccio parzialmente percorso da incendio. - Corpo C - Ove negli anni Settanta è stato realizzato un rimboschimento con conifere e latifoglie e la ricostituzione boschiva sulle piante e ceppaie danneggiate dai ripetuti incendi. La valorizzazione delle formazioni boschive naturali ed artificiali di questa area a spiccata vocazione forestale, passa attraverso un programma pluriennale di manutenzioni e di nuovi interventi mirati ad invertire i processi evolutivi in corso
Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • All'interno del cantiere si trova un sentiero botanico con le specie più rappresentative dell'area. Per le scuole c'è la possibilità di svolgere visite didattiche di sicuro...
  • Il Monte Arrubiu-Casargius ed il Monte Genis si sviluppano tutti lungo l'asse Ovest-Est del perimetro forestale. La quota più elevata è Monte Genis con una altitudine di 979 mt s...
  • La foresta di Uatzo si trova nel territorio dei comuni di Tonara, Belvì e Sorgono. L’area è composta in massima parte da boschi di lecci, sugheri, castagni e da larghe aree di...
  • Il cantiere forestale “S. Antonio” è situato nel Comune di Macomer , nella cartografia I.G.M. SC. 1:25000 ricade nei fogli 498 sez. – III di Macomer. La superficie totale è di 277...
  • Si tratta di una superficie in occupazione temporanea di competenza sino al 2000 dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e dal 2001 dall’Ente Foreste della Sardegna. La...
  • La foresta di Monte Nieddu è un’area ricchissima di boschi di lecci, tassi, sughere, corbezzoli, lentischi, e di una fitta macchia mediterranea. L’area è importante sia sotto l’...
  • Perimetro forestale di notevole bellezza paesaggistica e naturalistica in particolare per la presenza di sugherete di alto pregio per il sughero gentile di ottima qualità (prima...
  • La foresta Sorilis presenta importanti impianti di rimboschimenti di conifere e latifoglie. Presenti ancora molte estensioni spontanee di macchia a corbezzolo, fortemente...
  • L’aspetto vegetazionale di questo piccolo territorio forestale dell'Agenzia è molto vario; si possono trovare parti boscate a prevalenza di sughera, parti a macchia mediterranea e...
  • Un territorio dalla morfologia caratterizzata dasll’alternarsi di versanti più o meno ripidi ed incisi che degradano verso sud, mentre, in prossimità del versante occidentale, un...
  • Il cantiere di Monte Pino si trova su un’area montuosa che è la prosecuzione del gruppo montagnoso del Limbara; si affaccia sulla piana di Olbia e offre suggestivi panorami sulle...
  • In questa foresta demaniale sono stati reintrodotti in numero consistente i cervi, specie che ha rischiato l’estinzione ma che ad oggi prolifera distribuendosi sull’intero...