Terfezia arenaria

Terfezia arenaria
Carpoforo:
Di forma subglobosa o globosa, talvolta piriforme, con superficie irregolare, bitorzoluta. Dimensioni da 3 a 7 cm circa; alla base ricoperto da un intreccio miceliare terminante in una grossa "rizomorfa". Peridio liscio, di colore bianco da giovane, poi rosato fino a bruno-nerastro a maturità; superficie sempre screpolata.
Gleba:
Bianca negli esemplari giovani, percorsa da venature che separano nettamente la parte fertile, distinguibile nel fungo maturo dal colore rosato poi vinoso; odore leggero, sapore grato.
Habitat:
Su terreno alluvionale, sabbioso; in simbiosi con arbusti del genere Helianthemum; periodo di crescita: primavera.
Spore:
Aschi arrotondati, ellittici, con otto spore; queste sono di colore ocraceo, di forma globosa, verrucose; 18-20 X 24-28 micron.
Commestibilità:
commestibile.
Osservazioni:
La tipica "tuvara de arena", ricercatissima nell' Oristanese (Oristano, Terralba, Marrubiu, S. Vero Milis ecc.). Cresce nella sabbia, fra le dune, ma sempre in stretto rapporto micorrizico con piante del citato genere Helianthemum: H. guttatum, H. guttatum var. plantagineum.
Condividi:
Scheda
Nome volgare:
tartufo delle sabbie.
Funghi:
Etimologia:
arenàrius = delle sabbie.
Sinonimi:
Terfezia leonis, Terfezia ispanica, Tuber arenarium.

Potrebbe interessarti anche:

  • 5-12 cm; convesso, depresso al centro, con margine irregolare; cuticola separabile per uno due centimetri, di colore aranciato, presto vinoso, infine verdastro
  • 5-9 cm; convesso poi appianato, depresso al centro, con margine liscio, talvolta appendicolato. Cuticola di colore bianco opaco, separabile; nudo o con qualche residuo di volva...
  • 3-10 cm, emisferico, convesso, poi espanso, talvolta campanulato, carnoso. Superficie squamosa, qualche volta ricoperta nella parte centrale da verruche piramidali o granulazioni...
  • 2-3,5 cm, inizialmente convesso poi spianato, infine ombelicato. Superficie lucida, viscosa a tempo umido, fulvo, bruno-ocraceo o bruno-rossiccio. Margine pseudodenticolato.
  • Un lichene è in effetti composto da due organismi distinti : tipicamente un fungo e un'alga . Il fungo viene detto micobionte (ovvero simbionte micotico , dato che i funghi sono...
  • 5-18 cm; da emisferico a convesso, infine appianato. Cuticola vellutata poi liscia, di colore variabile dal giallo-ocra, al nocciola-ocra, al bruno chiaro, fino al camoscio.
  • 5-15 (20) cm; da emisferico a convesso, talvolta guancialiforme; cuticola tomentoso-vellutata di un bel colore bruno-cioccolata. Orlo irregolare involuto nel giovane esemplare. Si...
  • Il porcino nero (Boletus aereus Bull., 1789) è un fungo edule della famiglia delle Boletaceae . È molto ricercato ed apprezzato per il suo aroma eccellente e perché dotato di una...
    8-20 (30) cm; emisferico poi convesso. Colore variabile dal bruno-tabacco scuro al nero o al bruno-rugginoso. Superficie vellutata, asciutta. Orlo lobato.
  • 6-20 cm; emisferico, poi convesso, carnoso, cuticola di colore biancastro, con sfumature rosate più marcate al margine.