Testuggine d'acqua

Tartaruga d'acqua presso il laghetto artificiale di Badde Tolta, Monte Lerno
Origine zoogeografica:
Paleartica
Identificazione:
Immediatamente riconoscibile per avere le estremità con dita ben visibili e tra loro unite da una membrana natatoria; il carapace ha contorno ovale, liscio e leggermente convesso, può raggiungere la lunghezza di una trentina di cm. Il maschio adulto ha di regola il piastrone piuttosto concavo e la coda più lunga della metà del carapace e le unghie delle zampe anteriori più lunghe di quelle della femmina, generalmente la femmina può raggiungere una taglia maggiore di quella del maschio. Negli adulti la colorazione è scura, mentre nei giovani è più chiara e la testa, il collo e le zampe sono barrate o maculate di un colore giallastro. Il peso può variare tra i 400 e i 1000 gr.
Habitat:
Vive nelle acque ferme o a lento corso, preferibilmente in quelle ricche di vegetazione, dalle quali di rado si allontana. In certe annate e in località particolarmente calde, l’emide può restare sempre attiva e accoppiarsi in ogni mese dell’anno, ma di regola, quando la temperatura è inferiore a 6-10°C, entra in quiescenza affondandosi nel fango o interrandosi presso le rive. La sua longevità varia tra i 10 e i 70 anni, in cattività può vivere oltre i 120 cm. E’ una specie gregaria, solo gli esemplari anziani tendono ad allontanarsi di qualche km dal luogo di origine. Onnivora, ma preferenzialmente carnivora, si nutre di piccoli pesci, larve, molluschi, crostacei, giovani serpenti e piccoli mammiferi, solo occasionalmente si nutre di vegetali.
Riproduzione:
L’accoppiamento si svolge in acqua e ha luogo in tutti i mesi dell’anno, tranne che nel periodo da novembre a febbraio; si svolge, comunque, più frequentemente in marzo-aprile; l’amplesso può durare anche un’ora ed è meno cruento di quello delle testuggini di terra. l’ovodeposizione in giugno; ogni femmina depone 3-16 uova, ovali, a guscio piuttosto rigido, misuranti 30-41 mm x 17-24 mm, entro una buca profonda 8-30 cm; il neonato ha una lunghezza totale di circa 5 cm. Raggiunge la maturità sessuale intorno ai 6-8 anni (lunghezza del carapace 9-12 cm.).
Status di conservazione:
Specie rara a livello regionale e nazionale, localmente comune. Vulnerabile a livello europeo.
Fattori di minaccia:
In declino a causa del deterioramento del suo habitat e delle catture da parte dell’uomo. Oggigiorno su di essa incombe il pericolo di specie esotiche importate, potenziali competitori, introdotte in maniera indiscriminata dall’uomo.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna (legge 503/1981, allegato III); Dir. CEE 43/92 All. B; Legge Regionale 29 luglio 1998, n°23.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Emys orbicularis
Nome sardo:
Tostoini acquatica, Tartaga niedda
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Cervo sardo-corso, è il più grande mammifero selvatico presente in Sardegna, costituisce la sottospecie endemica sardo-corsa del Cervo europeo ( Cervus elaphus Linnaeus , 1758).
    Il cervo sardo si distingue dalla specie nominale europea per alcuni caratteri morfologici come adattamento alle condizioni di insularità. Le dimensioni del corpo sono inferiori...
  • Si tratta del più piccolo fra i chirotteri europei. I peli del dorso assumono una colorazione bicolore: scuri e nerastri alla base e più chiari all’estremità, mentre il ventre è...
  • È una farfalla di medie dimensioni con un’apertura alare di circa 45-60 millimetri. Il maschio ha le ali colorate di un arancione molto intenso, macchiate di puntini neri e...
  • La Gallinella d’acqua è un uccello massiccio di dimensioni medie, con un piumaggio bruno – nerastro e una larga e irregolare striscia bianca sui fianchi, sottocoda bianco con...
  • Anfibio anuro di ragguardevoli dimensioni, può superare i 10 cm., dal corpo tozzo e la pelle verrucosa, dorsalmene di colore verde-grigiastro, giallastro, generalmente con un’...
  • Si riconosce per la grossa mole, per le grandi orecchi parzialmente unite alla base e dirette in avanti, per la notevole sporgenza della coda oltre il margine della membrana...
  • Specie strettamente legata all’ambiente marino. Simile al Gabbiano reale ma più snello e agile, con le ali più lunghe e più strette, di dimensioni inferiori, il becco rosso e le...
  • Il Merlo è un uccello abbastanza noto, con i suoi 25 cm di lunghezza, peso gr 80-100 e un’apertura alare di 30-40 cm. Il piumaggio del maschio è nero lucente con becco e rima...
  • Apertura alare 55-70 cm. Specie caratterizzata da coda lunga ed ali ampie e arrotondate. Dimorfismo tra i due sessi. La femmina è circa 1/3 più grande del maschio. Il maschio è...
  • È una falena diurna di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 20 millimetri. Le ali sono nere, bordate di chiaro, con delle grosse macchie rosso vivo, a loro volta...
  • Si tratta di un serpente della famiglia dei Colubridi , frequente incontrarlo nelle campagne e nei giardini, sia in terreni rocciosi, secchi e soleggiati, sia in luoghi più umidi...
    Si tratta di una specie di medie dimensioni che solitamente non raggiunge i 150 cm di lunghezza, con il corpo slanciato, capo ovoidale e ben distinto dal corpo, occhi grandi con...
  • Più piccolo e chiaro della specie nominale, ha una lunghezza totale di circa 38-53 cm, le zampe posteriori lunghe, una colorazione della pelliccia prevalentemente grigia,...