Orecchione meridionale

Plecotus austriacus - Orecchione meridionale
Areale di distribuzione:
Specie diffusa nell’Europa centrale e meridionale, nell’Africa mediterranea isole comprese, occidentale e tropicale e in Asia fino a Kashmir, Mongolia e Cina occidentale. E’ presente in tutte le regioni italiane.
Identificazione:
Orecchie grandi e lunghe a contatto sopra la testa. Lunghezza testa-tronco 41-58 mm, apertura alare di 255-300 mm. Molto simile all’Orecchione comune, con colorazione del dorso più tendente al grigio-bruno, mentre il ventre risulta più chiaro; il muso è bruno, spesso con una “mascherina” scura attorno agli occhi.
Habitat:
Specie termofila e antropofila, che predilige aree a bassa o media altitudine e frequenta ambienti agricoli, abitati e aree a macchia e lecceta. I rifugi estivi sono generalmente negli edifici, in cavità ipogee e buchi degli alberi. I rifugi invernali più frequetemente all’interno di grotte ma anche in fessure delle rocce, edifici e cavità arboree. Si alimenta prevalentemente di Lepidotteri e, in misura minore, di Ditteri, utilizzando abitualmente dei posatoi.
Riproduzione:
Le femmine di solito partoriscono un unico piccolo attorno al mese di giugno, con colonie riproduttive di piccole dimensioni. Gli accoppiamenti hanno luogo in settembre-ottobre. Le femmine raggiungono la maturità sessuale nel secondo anno di vita.
Status di conservazione:
Plecotus austriacus è considerata piuttosto rara nell’Europa centro-settentrionale e relativamente più frequente nell’Europa meridionale.
Fattori di minaccia:
La perdita di habitat e la diminuzione delle prede sono i maggiori pericoli per la specie.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna, All. II; DIR. CEE 43/92, All. IV; L. 157/92; L.R.23/98.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Plecotus austriacus
Nome sardo:
Tutturréddu, alaepèdhe, pinnedhu, pibiristedhu.
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Come tutti gli Scincidi, la specie ha il corpo allungato e serpentiforme; può raggiungere e superare i 40 cm di lunghezza, ma generalmente si riscontrano dimensioni inferiori, la...
  • Il corpo è stretto e allungato, e misura 13-17 millimetri. Le zampe anteriori sono adattate alla cattura delle prede. Le altre 4 zampe, molto lunghe, sono utilizzate per scivolare...
  • Specie molto sospettosa presenta la parte superiore ed il vertice color sabbia mentre la parte inferiore è bianca. La faccia è grigia tendente al blu. In livrea nuziale il maschio...
  • Morfologia tipica dei Toporagni, ha la testa ha un muso lungo ed appuntito, occhi quasi invisibili e orecchie piccole e tondeggianti; la coda è nuda, con alcune lunghe setole...
  • Corpo snello e affusolato, con ali più lunghe rispetto a quelle delle altre albanelle, coda lunga e stretta. Dimorfismo sessuale. Lunga 40-45 cm, apertura alare di 105-120, peso...
  • Si riconosce per la grossa mole, per le grandi orecchi parzialmente unite alla base e dirette in avanti, per la notevole sporgenza della coda oltre il margine della membrana...
  • Gli adulti possono raggiungere i 30 cm di lunghezza, anche se le dimensioni sono solitamente minori, la coda rappresenta quasi la metà della lunghezza totale. Si tratta di uno...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di 28-36 millimetri, ma molto vistosa. Il maschio possiede ali superiormente di color azzurro-violetto con un elegante...
  • La sua apertura alare è variabile da 55 a 60 millimetri e l’intera superficie delle ali è di colore rosso. Negli angoli si trovano quattro macchie a forma di occhio dette “ocelli...
  • La principale caratteristica di questa specie, come di tutti i Lucanidi, sono le grandi mandibole del maschio, possenti e ricurve. Il corpo è allungato e leggermente appiattito,...