Ratto delle chiaviche

Origine zoogeografica:
Cosmopolita
Areale di distribuzione:
Originario delle regioni Siberiane, si è diffuso facilmente in tutto il mondo sfruttando anche i mezzi di trasporto legati all’attività umana. È presente in tutto il territorio italiano comprese le due Isole maggiori. La sua presenza in Europa risale al periodo medievale.
Identificazione:
Specie filogeneticamente ben distinta da Rattus rattus ma spesso confuso. Il Rattus norvegicus ha il corpo più tozzo, orecchie più corte e muso meno pronunciato. Superiormente la sua colorazione è marrone-grigio con peli sparsi neri, mentre le parti inferiori sono di colore grigio pallido., il pelo ispido e la coda più corta del corpo. La lunghezza è di 40 cm con la coda.
Habitat:
La specie vive sia in campagna che nelle aree urbanizzate a stretto contatto con l’uomo dal livello del mare fino alla media collina. In campagna è un frequentatore abituale di paludi, canali e fiumi; in città predilige le discariche, i porti, fognature, aree verdi, cantine. E’ principalmente notturno e si allontana dalla sua tana all'approssimarsi del tramonto. Il ratto delle chiaviche è praticamente onnivoro, comprendendo residui di ogni tipo, sia di origine vegetale che animale. È un animale con abitudini gregarie, formando spesso gruppi numerosi in cui un grosso maschio è dominante. A parte qualche carnivoro, il nemico più acerrimo del Ratto delle chiaviche è l’uomo, che da anni combatte una vera e propria guerra. Infatti data la sua attitudine al sinantropismo presenta notevoli implicazioni sia economiche che igienico-sanitarie. I danni causati da questa specie sono veramente di proporzioni rilevanti; rosicchiano fili elettrici, tubi, cemento, mangiano e inquinano una quantità notevole di derrate alimentari.
Riproduzione:
E’ un animale molto prolifico, gli accoppiamenti se l’alimento è abbondante possono avvenire tutto l’anno con una punta massima di 5-6 parti annuali. Il nido è costruito con foglie, pezzi di carta e di stoffa, ramoscelli.
Fattori di minaccia:
Il Ratto delle chiaviche è una specie infestante ben adattata a vivere a stretto contatto con l’uomo e le sue abitudini onnivore non la rendono minacciata.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rattus norvegicus
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Una delle specie di rapaci minacciate di estinzione in Sardegna. Nidificante, attualmente, solo nell'area nord dell'Isola: dal Goceano alla Nurra , passando per il Marghine-...
    Il Nibbio reale è facilmente riconoscibile per la colorazione rossiccia del piumaggio, con il centro delle penne nerastro ed il bordo fulvo. Corpo e parte anteriore dell’ala...
  • Il Gongilo sardo è una sottospecie di piccolo sauro ( Chalcides ocellatus tiligugu ) diffusa in tutta la Sardegna tranne alle quote più alte (ma presente anche in Sicilia,...
    Gli adulti possono raggiungere i 30 cm di lunghezza, anche se le dimensioni sono solitamente minori, la coda rappresenta quasi la metà della lunghezza totale. Si tratta di uno...
  • Le dimensioni della specie sarda (corpo lungo 39-51 cm, peso 1,5-2,5 kg) sono di poco superiori a quelle del coniglio, da cui si differenzia per orecchie e zampe posteriori più...
    Le dimensioni della forma sarda (lunghezza del corpo 39-51 cm, peso kg.1,5-2,5) sono di poco superiori a quelle del coniglio da cui si differenzia per le orecchie e le zampe...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 37-40 millimetri. Le ali hanno un colore rosso arancio, il bordo anteriore di quelle superiori è tigrato,...
  • Uccello inconfondibile slanciato lungo circa 37 cm. Zampe lunghe rosse, collo e becco altrettanto lunghi. Il piumaggio della coda e del petto sono bianche in netto contrasto con...
  • La principale caratteristica di questa specie, come di tutti i Lucanidi, sono le grandi mandibole del maschio, possenti e ricurve. Il corpo è allungato e leggermente appiattito,...
  • Apertura alare 58-70 cm. Piccolo falco dalle ali strette ed appuntite ma larghe alla base. Coda relativamente lunga, squadrata e un po’ arrotondata. Dimorfismo sessuale. Le parti...
  • Possibile varietà Sardo-Corsa della più diffusa Podarcis sicula , rispetto alla quale risulta più piccola: raggiunge 25 cm inclusa la coda . Predata dai colubridi , micromammiferi...
    Le parti inferiori sono biancastre o con sfumature verdastre e manca spesso la punteggiatura scura, mentre superiormente la colorazione diventa verde, giallastra, marrone chiaro...
  • Tra i rapaci più diffusi, il Nibbio bruno è un rapace di dimensioni medio grandi ed è una delle specie più longeve (oltre 20 anni). Facilmente distinguibile dal " cugino " Nibbio...
    Apertura alare 175-195 cm. Corpo snello, ali lunghe e moderatamente larghe. La coda lunga identificazione in volo, tenendo presente che la forma biforcuta è invece caratteristica...
  • La lunghezza testa-tronco è di (40) 45-55 (60) mm con un’apertura alare di 240-275 mm. La colorazione del dorso assume una tonalità color bruno rossastro mentre nel ventre è più...
  • Spesso confuso con il Gabbiano comune da cui differisce per la corporatura più snella ed elegante, capo relativamente piccolo, collo più alto, profilo affusolato posteriormente,...