Il gipeto in Sardegna: "benetorrau ossarju"

28 Maggio 2008
Gipeto

Benetorrau ossarju

Dopo più di trent’anni dall’ultimo avvistamento in Supramonte anche in Sardegna, dopo il brillante risultato raggiunto nell’arco alpino, ritornerà a volare il gipeto, conosciuto nell’isola come “su gutturju ossarju”.
Domenica 25 maggio verrà infatti effettuato il rilascio dei primi tre gipeti seguendo il metodo già ampiamente collaudato (hacking).  Questo metodo consiste nella liberazione di individui, ancora incapaci di volare, su siti preventivamente preparati, nei quali, evitando il contatto diretto con l’uomo, si provvede all’alimentazione fino all’involo che avviene intorno ai 115-125 giorni di età.

È un ritorno molto atteso che corona il lavoro svolto dalla Provincia di Nuoro, in collaborazione con la Provincia d’Ogliastra, nell’ambito del programma INTERREG IIIA. Questo ambizioso progetto, patrocinato dalla Presidenza della Giunta Regionale e dall’Assessorato Difesa dell’Ambiente della Regione, rappresenta un tassello strategico importantissimo nella politica di recupero ambientale, imprescindibile nell’ambito del processo di sviluppo e riqualificazione dell’immagine della nostra Isola.

Un'operazione dall'alto valore scientifico

Il ritorno del gipeto o “avvoltoio degli agnelli”, nome quest’ultimo che tanta disgrazia ha causato a questa specie notoriamente per niente aggressiva in quanto si nutre essenzialmente di ossa (come testimonia il più corretto nome sardo “gutturju ossarju”), costituisce fondamentalmente un'operazione scientifica di recupero della biodiversità e più in generale dell’ecosistema.
Trattandosi del più importante progetto di reintroduzione di una specie mai sviluppato in Sardegna, è auspicabile che questa operazione porti ad una diffusa consapevolezza dei valori naturalistici della nostra isola e possa essere la base per una migliore gestione della fauna e un punto di partenza per analoghi progetti che potranno, in futuro, interessare altre specie oggi cancellate dal novero di quelle presenti fino a pochi decenni fa e scomparse per ignoranza, incuria e disinteresse.

Oltre al valore scientifico dell’operazione, bisogna sottolineare gli effetti in termini di marketing territoriale e di sviluppo turistico ambientale che un operazione come questa rappresenta per l’isola. Il turismo ambientale e naturalistico è infatti un settore economico in costante crescita, come già ampiamente sperimentato in altre realtà, che consente la destagionalizzazione del settore e la rivalutazione in chiave turistica delle aree interne.

Da sottolineare infine come la reintroduzione del gipeto rientri tra gli impegni che l’Ente Foreste ha sottoscritto nell’ambito del Countdown 2010, progetto promosso dall’IUCN che si pone l'obiettivo di "raggiungere una riduzione significativa della perdita di biodiversità entro il 2010 a livello globale, nazionale e regionale".

Il programma della giornata

La manifestazione, organizzata dalla Provincia di Nuoro, dall’Ente Foreste della Sardegna e dal Comune di Orgosolo, si svolgerà a partire dalle ore dieci del mattino presso le strutture di servizio di Funtana Bona nella foresta demaniale di Montes Orgosolo. Saranno presenti oltre ai rappresentanti degli Enti organizzatori, anche esperti e ricercatori della Fondazione internazionale per la conservazione del gipeto (F.C.B.V.).
Dopo i saluti delle autorità seguirà la presentazione del progetto e la presentazione dei protagonisti della giornata: i giovani gipeti, provenienti dal centro di riproduzione di Vienna seguito da Hans Fray (uno dei fondatori del progetto internazionale), i cui nomi, scelti tra Balente, Rosaemonte, Sandalia, Ampsicora dagli studenti orgolesi, verranno assegnati ai giovani “pulli” durante la manifestazione. Dopo questa fase “formale” i giovani gipeti saranno accompagnati alla prima dimora sarda, il nido artificiale, da un gruppo ristretto di accompagnatori costituito, oltre che dagli esperti della FCBV, da un agente forestale, un rappresentante dell’Ente Foreste e un rappresentante delle associazioni venatorie che saranno direttamente coinvolte nelle successive fasi del progetto.

La manifestazione è aperta a tutti, pertanto si invita ad una partecipazione numerosa per testimoniare il desiderio di restituire questo “vecchio conoscente” al nostro paesaggio naturale.

Documenti correlati

Brochure dell'evento [file .pdf]
Marcature di riconoscimento gipeti sardi e spagnoli [file .pdf]

Per maggiori informazioni sul progetto internazionale:

Atti del Convegno internazionale sul gipeto. Cuneo 18–19/11/2005
Notizie sull’attività della Fundacion Gypaetus
Fondazione Pro Gipeto
Fondazione internazionale per la Conservazione del Gipeto

Tag: 
Condividi:

Notizie ed eventi

25 Giugno 2024

Si svolgerà a Santu Lussurgiu il 27 giugno 2024 a partire dalle ore 10.30 la giornata conclusiva del Progetto che ha avuto Forestas capofila. Era nato dopo il grande rogo del Montiferru del luglio 2021 , con l’...

20 Giugno 2024

Con Delibera di Giunta Regionale e successivo Decreto della Presidente della Regione, il dottor Salvatore Piras è stato incaricato quale Amminitratore Unico e Legale Rappresentante dell'Agenzia Forestas...

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...