Cosa ci ha insegnato la settimana del "Design for all" sui sentieri accessibili

21 Novembre 2023
Lungo il sentiero accessibile di Lanusei-Seleni

PROGETTARE SENTIERI "PER TUTTI"

La Regione, attraverso l'agenzia Forestas, si impegna per colmare il "gap" di sentieri "per tutti" - quelli accessibili anche agli escursionisti con disabilità, siano esse di tipi fisico-motorio, sensoriale, della sfera psichica-cognitiva-relazionale (come ad esempio i disturbi dello spettro autistico: condizioni nelle quali gli escursionisti hanno difficoltà a stabilire relazioni sociali normali, usano il linguaggio in modo anomalo o non parlano affatto e presentano comportamenti limitati e ripetitivi, ipersensibili agli agenti esterni, al rumore, agli spazi, alle situazioni impreviste). 
La Legge regionale prevede da tempo - sin dalla sua estensione nel 2017 (Testo Unico sul Turismo) - che la rete escursionsitica offra un adeguato grado di fruizione autonoma o assistita per la disabilità fisica e sensoriale.
Più recentemente, con la DGR del 24 agosto 2023 n.28/1 sono stati approvati i criteri e gli standard tecnici: per inserire e classificare nel catasto RES - e per la segnaletica informativa sul livello e del grado di fruizione (autonoma o assistita) - dei sentieri accessibili per le disabilità motorie, sensoriali, intellettive e psichiche.  L'allegato H così approvato integra il regolamento tecnico regionale previgente dal 2018.

Progettare sentieri "per tutti" significa sottolineare che l'escursionismo non può prevedere sentieri "riservati a..." ma deve essere pensato come un sistema di fruizione aperto, documentato e pensato per consentire - ove possibile - la condivisione di esperienze e attività all'aperto. Soprattutto nel sistema di Parchi regionali e delle Foreste Demaniali e nei Parchi urbani. Su questi ambiti si concentrerà anche l'attività di Forestas e della Regione Sarda.

PROGETTARE CON INCLUSIONE

La prima cosa da fare è "immedesimarsi" per capire i "bisogni speciali". Studiare i casi d'uso. Comprendere le necessità. Rendere partecipi i portatori di interesse, che infatti, nel nuovo regolamento regionale, saranno titolati ad esprimere un parere vincolante nella verifica di accatastabilità dei percorsi "accessibili".  

Nell'attuale contesto, la strada per dotare la Sardegna di sentieri accessibili seguirà due strategie, differenziate:

  1. da un lato, agire sulla Rete Escursionistica esistente (ormai quasi 2000 km) ed individuare alcuni sentieri (o tratti di essi, compatibili con le caratteristiche minime necessarie) per "elevarli al rango di sentiero accessibile" secondo una o più categorie (accessibilità per disabili fisici, sensoriali, cognitivi) ed individuando uno specifico grado di difficoltà (turistico, escursionistico, escursionistico per "esperti"). La tabella di requisiti tecnici stabiliti dall'allegato H  a questo proposito è abbastanza dettagliato: ad esempio pone precisi requisiti di pendenza, tipologia e lavorazioni sul fondo (piano di calpestio) e sulla larghezza, la presenza di parcheggi e bagni accessibili nella vicinanza, etc...Questo ovviamente limita e restringe tantissimo il tipo e la quantità di chilometri "certificabili" 
  2. per contro, nel frattempo, si cercherà di inglobare, per i sentieri di nuova realizzazione, per i nuovi progetti, le tecniche del "Design For All" o "Universal Design" proprio perchè è sul nascere di un progetto che si gioca il suo livello di "inclusione". Non sarà facile, nè sarà sempre possibile, ma l'approccio dovrà cambiare.

COSTI MAGGIORI, MANUTENZIONI IMPEGNATIVE

Il sistema dei costi, il computo, la "cassetta degli attrezzi" dei progettisti di sentieri: anche questi aspetti cambiano. Abbiamo visto, durante le sessioni tecniche della co-progettazione di questa importante settimana del "design accessibile" - che un progetto di sentiero accessibile introduce una serie di costi altrimenti non presente nella normale sentieristica: il costo può "volare" passando dai 1500€/km  per raggiungere anche, tutto compreso, i 7000€/km. Sono stime tecniche frutto dei primi progetti preliminari e dei primi studi di fattibilità, però sono significativi: un sentiero accessibile per ciechi o ipovedenti, ad esempio, richiede una palificazione con guida in corda o pali batti-bastone (ad esempio) che interessa longitudinalmente l'intero sviluppo del tracciato introducendo 4000-5000€ a chilometro di costi aggiuntivi minimo.
Potenziare il sistema di informazioni richiede investimenti in materiali e contenuti disponibili sul web ed in loco, per facilitare la preparazione dell'escursione con informazioni dettagliate, accessibili, e corredate da un linguaggio ispirato alle tecniche di CAA (la Comunicazione Aumentativa Alternativa - un approccio con vari aspetti specialistici, ma orientato univocamente ad offrire alle persone con bisogni comunicativi complessi la possibilità di interagire tramite canali che si affiancano a quello orale; la CAA offre numerose potenzialità, ma è ancora poco diffusa nel nostro paese...).

Le manutenzioni lungo i sentieri accessibili devono avere una frequenza maggiore di quella usuale (tre anni): il sentiero accessibile deve essere sempre percorribile mantenendo costanti le caratteristiche tecniche (incluso il fondo, che in natura può invece variare sensibilmente a seguito di piogge - divenendo fangoso al punto tale da ostacolare le ruote delle carrozzine o far inciampare un cieco - così come a seguito di periodi siccitosi - divenendo troppo pietroso e polveroso)...in sintesi, l'accessibilità di un sentiero è una promessa, una garanzia di caratteristiche strutturali, che vanno mantenute il più possibile costanti nel tempo. La frequenza della manutenzioni, ed il sistema di custodia/sorveglianza/ripristino, devono essere potenziate.

Tutto questo ha dei costi: ma il potere curativo e benefico di un ambiente naturale, come ci ha insegnato un approfondimento sulla foresta-terapia, è impagabile per tutti. Per tutti: vale la pena quindi di investire ingenti risorse sulla sentieristica accessibile, posto che anche l'Unione Europea caldeggia e incoraggia l'inclusione con ingenti finanziamenti.

Un sistema di bisogni complesso: una risorsa anche per l'economia

C'è una richiesta enorme, in Sardegna, in Italia e in Europa: milioni di potenziali escursionisti, fermi al palo per le "barriere" e per l'assenza di "sentieri per tutti". E la prima cosa, la più importante pre-condizione - come è stato segnalato da tutti i rappresentanti delle disabilità che hanno partecipato alla "settimana del design sui sentieri" - è la presenza di una qualificata offerta di servizi di guide escursionstiche (GAE). Lungo i sentieri, è fortissima (e finora insoddisfatta) la richiesta di guide preparate ed esperte del sistema di bisogni speciali di un escursionista disabile e della sua famiglia o dei suoi accompagnatori. Quindi non solo sentieri classificati e verificati nel livello di accessibilità, non solo informazioni e schede dettagliate e accessibili a distanza, non solo dotazioni (parcheggi, bagni, punti di ricarica per le carrozzine elettrificate o joelette o etc) ma anche servizi, guide preparate e dotate della necessaria formazione

Prossimi passi

Incoraggiare e supportare i territori, i Comuni e le Unioni, le Comunità Montane, i GAL e gli Enti Parco che intendano investire risorse per puntare all'inclusione e all'accoglimento. Inglobare competenze e risorse umane capaci di pensare a progetti "per tutti" secondo i canoni del "design for all".  Potenziare il sistema di fruizione esistente, scegliendo e recensendo e infrastrutturando sentieri o tratti di sentieri "accessibili" tra quelli esistenti.

 

C'è insomma tanto da fare per recuperare il divario accumulato dalla Sardegna, per dare risposte e offerta turistica accessibile a fronte della grande domanda e dei bisogni speciali. 

Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...