Tramudas, i sentieri della transumanza

18 Ottobre 2022
Piccole transumanze, presso Gairo (foto Cristian Mascia)

Anche le antiche vie dei pastori diventano occasione di recupero dei valori, della storia e dei saperi della nostra terra: un'opportunità di sviluppo turistico attraverso la Rete (ciclo-)Escursionistica della Sardegna (RES).

Tramudas, un patrimonio storico da recuperare attraverso la R.E.S.

La transumanza (dal latino transumere, "trasportare" - “sa tramuda” in sardo) era il trasferimento a cadenza stagionale di greggi o mandrie di bestiame dalle zone collinari e montane a quelle di pianura, verso il clima temperato dal mare.  Un trasferimento che avveniva lungo i tratturi per la discesa dei monti (àndalas o camìnos) ossia lungo sentieri pietrosi o in terra battuta originati spontaneamente dal calpestio degli animali o delle persone, e che letteralmente innervano ancora il nostro territorio, in una fitta rete di percorsi fantastici che la vegetazione, avanzando, rischia di far scomparire. Al pari degli antichi percorsi dei carbonai e dei taglia-legna (testimoni di una triste fase di disboscamenti della nostra isola nei secoli scorsi) sono segni indelebili della nostra storia, che la Regione potrà valorizzare anche attraverso la R.E.S.

Nel Regolamento tecnico regionale (Linee Guida per lo sviluppo e gestione della RES - Allegato A "definizioni") le vie della la transumanza sono infatti già definite ufficialmente:

Luoghi strategici della cultura materiale dei territori -  sono luoghi fisici e concettuali attraverso cui si sviluppa una pratica pastorale, ancora esistente su più continenti, legata alla migrazione stagionale delle mandrie, delle greggi e dei pastori. Le vie della transumanza sono luoghi di scambio, attraversano luoghi naturali, borghi rurali, emergenze ambientali e storiche, paesaggi caratterizzati da tradizioni, saperi, prodotti della vita delle comunità locali. Le vie della transumanza superano i confini territoriali e costituiscono una rete di itinerari transfrontalieri capace di integrare e integrarsi con le differenti risorse ambientali, culturali storiche e contemporanee, sociali, produttive e percettive presenti lungo i territori attraversati.  

Secondo le norme tecniche approvate dalla Regione Sardegna per la sentieristica, l'integrazione delle vie della transumanza è inoltre tra le priorità della R.E.S. in ordine al riconoscimento di elevati valori storico-culturali e paesaggistici, strategici per la qualità escursionistica e culturale dei percorsi inclusi nel Catasto Regionale gestito da Forestas.

Fondi europei trasnfrontalieri per il recupero delle vie di trasnumanza "corridoi culturali"

Anche di questi aspetti si è parlato a Villagrande Strisaili, lo scorso giovedì 13 ottobre, nell'ambito del convegno sugli itinerari della transumanza, organizzato grazie al progetto Interreg "Cambio Via" con la cooperazione di Sardegna, Corsica, Liguria e Toscana per la creazione di una Green Community della transumanza tesa a valorizzare i cammini regionali e metterli in rete a livello transfrontaliero. La principale ricaduta per la Sardegna è lo studio storico-culturale per il recupero degli antichi tracciati e della biodiversità agro-pastorale e dei prodotti della transumanza nell'Isola.  Le vie della transumanza sono quindi identificate dalla ricerca, come corridoi culturali che attraversano differenti ambiti di paesaggio di importanza locale e territoriale. Le numerose direttrici, come evidenziano anche le fonti storiche, costituiscono una sotto-rete sentieristica di connessione tra regioni storico-ambientali dei territori montani e costieri. Si può riconoscere l’importanza dei servizi ecosistemici legati al patrimonio naturale e culturale che danno vita ad ambiti territoriali strategici.

Nel piano triennale di sviluppo della Rete Escursionistica

Forestas assicurerà nel prossimo triennio, collaborando con i vari soggetti territoriali (province, Comuni, GAL) la valorizzazione di questi percorsi da includere nel piano triennale di sviluppo della Rete Escursionistica della Sardegna.

Dalla montagna alla pianura, e viceversa

Il “viaggio” stagionale dei pastori del Gennargentu, del Supramonte, del Montalbo che conducevano le loro greggi, prima dell’inverno, nel Campidano e nelle altre pianure dell’isola era una autentica avventura che - fino agli anni Cinquanta del secolo scorso - animava strade e sentieri anche nella nostra isola. Tradizione interrotta dalla modernizzazione, fino alla motorizzazione di massa che ha rivoluzionato anche gli stili di vita della comunità pastorale. Una “catastrofe antropologica” che per gli studiosi di scienze sociali ha disperso saperi ancestrali profondamente trasformati dalla modernizzazione. Il recupero di questi itinerari può diventare occasione di sviluppo locale: la pastorizia e la transumanza pastorale sono state per secoli una colonna dell'economia isolana più arcaica, che ha conservato alcune caratteristici stili di vita dalla Preistoria all’età contemporanea. Per questo conoscere il fenomeno della transumanza significa preservare uno sguardo storico su una componente dell’identità culturale della Sardegna.

TRANSUMANZA e SALE (un alimento indispensabile, raro in montagna)   

La transumanza cominciava a settembre, con il primo fresco autunnale che anticipava i rigori dell'inverno (gli animali venivano trasferiti a piedi dalle zone di montagna verso il mare o la pianura) e finiva a maggio, con il ritorno del caldo. Le mete erano preferibilmente vaste aree pianeggianti esposte al mare, prive di agricoltura, dove i pascoli erano particolarmente ricchi di sale: questo elemento era fondamentale per riequilibrare l’alimentazione delle pecore. I pascoli di fondo valle, specie se vicino al mare e ricavati in strette vallate racchiuse da creste rocciose, offrivano terreni argillosi e irrorati dalla brezza marina proveniente dalle coste, dove salsedine e salinità dei suoli offrivano erbe aromatiche assai diverse dalla montagna, e sempre disponibili durante la stagione fredda.  Chi non poteva colmare il fabbisogno di sale per le greggi con la transumanza verso il mare, ricorreva alla cosiddetta perda 'e sali: si trattava di pesanti blocchi di sale per ovini (noto anche come "sale pastorizio") che si appendevano nelle aree di ricovero (specie per le capre) affinchè potesse essere leccato per recuperare questo essenziale nutrimento, che fino ad esaurimento restava appeso a una corda con un ferro passante per il suo centro (tale da permetterne la rotazione)...il risultato era una blocco via via arrotondato dalle "leccate" degli animali e che assumeva una caratteristica forma a ciambella, che si assottigliava sempre più.  Anche di questo fatto, resta memoria nei toponimi sardi: ad esempio la omonima località sul mare tra Sarroch e Pula. 

Verso le pianure, verso il mare

I pastori sardi sceglievano perciò le pianure saline e paludose del Campidano, il Sulcis e il Cagliaritano a sud e l’Oristanese a Ovest; la Baronia e la Media Gallura a Est; la Nurra a Nord.

Lungo le andalas (anticamente regolate da particolari leggi non scritte) i pastori cercavano aree di sosta e ricoveri per gli animali, al riparo da attacchi dei banditi. Nell'attraversare i centri abitati smerciavano i prodotti (latte, formaggio, lana, pelli) stabilendo relazioni durature con le popolazioni.  In luoghi riparati presso i boschi, le grotte e i corsi d’acqua si costruivano rifugi temporanei, recinti e temporanei ovili che ancora oggi lasciano i segni indelebili per chi sa leggere il territorio. In questi luoghi-tappa si ritrovano ancora oggi rifugi in pietra o in legno, recinzioni per le greggi e bivacchi per il temporaneo ristoro dei pastori. In alcuni casi, specie nel Campidano, quegli stessi accampamenti stagionali si trastormarono nel tempo in piccoli villaggi, dove l’edificazione di punti d'appoggio favorì via via la concentrazione sempre più stabile di persone nei luoghi di transito: così da villaggi stagionali si passa a "centri abitati" stabilmente. Di alcune di queste tappe, luoghi ormai scomparsi, restano flebili tracce, mentre altre sono tuttora presenti e sono divenuti paesi "veri e propri" o frazioni e villaggi ancora abitati. 

Transumanze, conflitti, evoluzioni storiche

Anche in Sardegna la storia della transumanza risente della successione storica dei conquistatori: si potrebbero citare le invasioni cartaginesi e romane che costrinsero i nuragici a trasferirsi nelle alture del centro Sardegna, e poi l’espansione agricola che portò a sovrapporre l'attività di pastori e contadini in una coesistenza che talvolta diventava conflitto, per rivendicare transiti e proprietà.
Esistono documenti storici del I secolo d.C. sui conflitti (ad esempio nei territori di Esterzili) tra pastori sardi e agricoltori per la transumanza. Con l’Editto delle chiudende (1820) e dopo l’Unità d’Italia (1861) i pastori saranno sempre più limitati nei loro spostamenti ma la transumanza resterà pratica diffusa in tutta la Sardegna fino agli anni ’70 del Novecento, prima di essere definitivamente soppiantata dall’industrializzazione.

Ma gli antichi sentieri restano là, in attesa di un recupero, per ritornare come volano di un nuovo sviluppo economico basato sul turismo attivo e sull'escursionismo: il camminare recupererà forse un valore economico e sociale, ma anche spirituale e culturale, nei nostri tempi? 

Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...