Il ritorno dell'Aquila del Bonelli in Sardegna

14 Settembre 2018
Aquila del Bonelli (con preda, da progetto Aquila A-life)

Stanno bene, costantemente osservati dai tecnici ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e di Forestas.
E stanno crescendo i primi 5 pulli di Aquila del Bonelli arrivati a Tepilora dal mese di giugno, ospitati dalla voliera provvisoria progettata e realizzata appositamente per loro in un selezionato cantiere forestale, dove poi saranno al tempo debito lasciati in libertà, dopo un periodo di ambientamento.
Gli aquilotti provengono dalla Francia e dalla Spagna, da dove arrivano grazie al progetto Aquila A-Life in collaborazione con il centro di competenza del Grefa Espana, con la Provincia di Nuoro e la Regione Sardegna (ass.to Difesa Ambiente).
 

La reintroduzione dell’Aquila del Bonelli (Aquila fasciata)

Per la Sardegna rappresenta una grande opportunità: sia per la conservazione della specie, anche attraverso il ripristino della continuità di areale nel Mediterraneo centro-occidentale e sia per la valorizzazione del bene ambientale. Si tratta del ritorno in Sardegna di una specie importante, anche per il controllo naturale delle popolazioni di corvidi.

Alle prime 4 giovani aquile i ricercatori hanno già dato un nome, spesso ispirato dai luoghi del parco che sta ospitando il progetto: sono Abbaluchente, Posada, Tepilora, ed Helmar (quest’ultimo in onore del naturalista Helmar Schenk).
Al quinto aquilotto, ultimo arrivato, è stato dato il nome di Nurasè dal personale di FoReSTAS di Bitti.
Tutti e cinque si trovano attualmente nella voliera di ambientamento e sono quasi pronti per la liberazione ma bisognerà attendere ancora un po’ per l’apertura della grande gabbia che li ha ospitati sin dall’arrivo in terra sarda, quando erano così giovani da non poter ancora volare.
 

Il progetto durerà 5 anni interessando anche altre aree della Sardegna

Coordinato da GREFA, una ONG spagnola che si occupa di conservazione della natura anche attraverso il recupero di fauna in difficoltà e programmi di captive breeding, il progetto è iniziato ad ottobre del 2017, ha una durata di 5 anni e coinvolge diversi partner internazionali.
Le azioni in capo ad ISPRA, Area per l’Avifauna Migratrice, prevedono la reintroduzione della specie in Sardegna, ove l’estinzione risale probabilmente agli anni ‘90 del secolo scorso.
La collaborazione di Forestas interesserà vari territori nell'Isola (ove sarà ritenuta adeguato il territorio per conformazione alla vita del rapace) e supporterà tutte le fasi dal trasporto dei pulli in Sardegna al loro pre-ambientamento in voliera sino al rilascio ed al controllo nel primo periodo delle Aquile del Bonelli in Natura tra le nostre montagne.

Dopo il rilascio in natura delle prime 5 aquile si raggiungerà un importante obiettivo del progetto Life “Aquila a-Life” che prevede il rilascio di altrettanti esemplari ogni anno e fino al 2022, interessando anche altre zone dell’Isola: la finalità generale è l’incremento dell’areale dell’Aquila di Bonelli nel Mediterraneo occidentale ed il recupero della specie oggi classificata, in Italia, come in pericolo critico di estinzione.
 

Documenti e link

 

Condividi:

Notizie ed eventi

15 Gennaio 2021

Aggiornamento sugli orari dei punti vendita nei Vivai regionali Forestas. Per gli URP, inoltre, l'apertura al pubblico degli sportelli resta limitata , per via di provvedimenti cautelativi che...

13 Gennaio 2021

Il centro faunistico e di allevamento di Majadahonda (Madrid) è stata gravemente danneggiato dalla tempesta " Filomena " che ha investito la Spagna centrale nei giorni scorsi, portando neve e venti che hanno lasciato ingenti...

07 Gennaio 2021

È ormai nota la correlazione: i cavi aerei minacciano in tutto il mondo milioni di uccelli, come mostra la recente perdita per elettrocuzione di due aquile del Bonelli: le soluzioni arrivano dalla collaborazione...

05 Gennaio 2021

Dal 2018 ad oggi la Sardegna ha fatto passi da gigante nel dotarsi di una Rete di sentieri escursionistici , grazie alla Legge Regionale che ne affida a Forestas lo sviluppo e la gestione, uniformi agli standard nazionali per segnaletica e...

28 Dicembre 2020

Una interessante puntata del programma Linea bianca (RAI 1) registrata in Ogliastra con il contributo del Servizio Territoriale dell'Agenzia Forestas di Lanusei, è andata in onda lo scorso sabato 26 dicembre 2020 dalle ore 14...

21 Dicembre 2020

L'Agenzia sta avviando due selezioni per titoli ed esami per la copertura di 3 posti totali con l'inquadramento di " coadiutore impiegato categoria B (CCRL Regione Sardegna) " con profilo amministrativo e...

17 Dicembre 2020

Con determinazione n. 4514 del 19 ottobre 2020 del Servizio Territoriale Ispettorato Ripartimentale (STIR) di Nuoro del Corpo forestale, ai sensi della normativa regionale L.R. 1/2019, L.R. 8/2016 e nazionale D.L. 34/2018 e L. 241/90, è stato...

16 Dicembre 2020

25.000 ore totali di lavoro (pari a 3500 giornate/uomo) sono state messe a disposizione da Forestas per la cittadinanza bittese nella fase emergenziale dal 28 novembre al 14 dicembre pari ad una media di...

14 Dicembre 2020

Le richiesta richieste dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo del Servizio Territoriale di Oristano non oltre le ore 12 del giorno 29.01.2021. Tutti i dettagli nel bando on-line...

14 Dicembre 2020

Gli uffici centrali e territoriali dell'Agenzia resteranno chiusi nelle usuali giornate festive, per ferie d'ufficio disposte per tutto il personale della Regione Sardegna, Enti ed Agenzie regionali, ad eccezione delle strutture operative h24 per...

13 Dicembre 2020

Continuiamo a registrare ricoveri e (tentativi di) interventi chirurgici d'emergenza presso i Centri Fauna Selvatica Forestas (CARFS) a seguito di spari contro fauna selvatica protetta durante le giornate di caccia previste dal calendario...

09 Dicembre 2020

Prorogati sino al prossimo 18 dicembre i termini per invio candidature per la Direzione del Servizio Territoriale di Sassari. Nell'avviso in Albo pretorio tutti i dettagli...