Gabbiano reale nordico

Gabbiano reale nordico
Origine zoogeografica:
Specie politipica a distribuzione boreoanfiatlantica
Areale di distribuzione:
Il Larus argentatus argentatus è diffuso nella regione paleartica occidentale mentre il Larus argentatus argenteus diffuso nella Francia nord-occidentale Regno Unito e Islanda. In Italia è più facilmente incontrabile da dicembre a febbraio sulle coste la sottospecie Larus argentatus argenteus.
Identificazione:
Simile a L. michahellis ma generalmente più piccolo, zampe leggermente più corte, collo più stretto, ali più corte. Sessi simili. Piumaggio simile nel complesso a L. michahellis con capo, collo, groppone, parti inferiori e coda candidi; superiormente grigio pallido. Iride giallo chiaro con anello orbitale generalmente arancione. Zampe normalmente rosa chiaro talvolta gialle. Becco giallo pallido con macchia gonidale arancione e più limitata che nel L. michahellis. In abito non riproduttivo il capo, retrocollo e lati dell’alto petto, sono fittamente e pesantemente striati di bruno-grigiastro. I giovani infatti passano diverse fasi di colorazione, generalmente di quattro anni, prima di rivestire l’abito adulto.
Habitat:
Frequenta zone umide costiere, aree portuali, litorali sabbiosi, saline, comprese discariche di rifiuti urbani.
Riproduzione:
I siti di nidificazione sono concentrati normalmente lungo le coste spingendosi anche all’interno e spesso su palazzi e manufatti.
Status di conservazione:
La specie non risente di problemi di conservazione. Negli ultimi decenni c’è stato un notevole incremento della popolazione dovuto all’aumento di disponibilità alimentari rappresentate da rifiuti urbani.
Fattori di minaccia:
Possibile competizione con L. michahellis
Grado di protezione:
Dirett. Uccelli CEE All. II/2
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Larus argentatus
Nome sardo:
Càu, cào, caòne
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il carapace è convesso, simile alla Testuggine greca, dalla quale si differenzia per avere un astuccio corneo all’apice della coda e per la presenza di due placche sopracaudali...
  • Si tratta di un piccolo sauro appartenente alla stessa famiglia del Gongilo Sardo ( Scincidi ). Questa specie è presente in gran parte del bacino occidentale del Mediterraneo...
    Come tutti gli Scincidi, la specie ha il corpo allungato e serpentiforme; può raggiungere e superare i 40 cm di lunghezza, ma generalmente si riscontrano dimensioni inferiori, la...
  • Tipica anatra tuffatrice di aspetto massiccio e di medie dimensioni, collo lungo e robusto e un’ampia apertura alare. Peso di 750-1300 g ed una lunghezza di 42-46 cm. La femmina è...
  • La Marzaiola leggermente più grande dell’Alzavola ha una lunghezza di 37 cm, un’apertura alare di 60-63 cm e un peso di 250-600g. Il maschio è ben riconoscibile per una striscia...
  • Uccello di grossa taglia, dal becco lungo e sottile, incurvato verso l’alto. Zampe palmate slanciate grigio-plumbeo. Il piumaggio è caratterizzato da contrasti bianchi e neri...
  • Rispetto alla specie nominale, il cinghiale sardo è più piccolo, ha una lunghezza totale di 100 - 120 cm e raggiunge un peso massimo di 70 -80 kg. nei maschi adulti. Ha una...
  • Sessi simili. Ardeide lungo circa 56 cm. con un’apertura alare di 88-100 cm, raggiunge il peso di 400-700 gr. circa. Presenta un piumaggio bianco, il becco scuro e sottile, zampe...
  • Dimensioni simili all’Airone rosso (80 – 90 cm), di colore bianco niveo su tutto il piumaggio e leggere sfumature fulve sul petto negli esemplari adulti e durante il periodo...
  • E’ una specie molto comune distinguendosi dagli altri Pipistrellus sardi per avere il premolare superiore anteriore piccolo, il margine alare mal definito e chiaro. Lunghezza...
  • Anfibio urodelo di piccole dimensioni, di solito raggiunge gli 11-12 cm. Si distingue per a testa appiattita, poco più lunga che larga, di forma triangolare e poco distinta dal...
  • La popolazione nidificante italiana si è estinta dopo la metà del XX secolo (specie in Sardegna, dove si contavano - all’inizio del 1900 - qualche decina di coppie, insediate...
    Apertura alare 200-240 cm. E’ una grande aquila tozza e pesante. Ali molto grandi, larghe e rettangolari. La grossa testa che sporge notevolmente dal corpo rappresenta un...