Gennargentu Ogliastrino

 Gennargentu, Punta La Marmora vista da Arcu Artilai

I Complessi Forestali: cosa sono

Le aree di competenza dei Servizi Territoriali sono, secondo lo statuto di Forestas, suddivise in Complessi Forestali: aree di carattere territoriale-geografico vasto ed unitario a presidio di significativi ambiti tecnico-operativo-gestionali. 

I Complessi Forestali  assicurano la concreta realizzazione degli interventi programmati, attraverso la propria dotazione umana e di mezzi.  

 

I Complessi a loro volta si articolano in:

 

  1. Presidi Forestali (PF), ambiti di gestione diretta da parte dell’Agenzia,
  2. Unità di Competenza (UC), ambiti di intervento non ricadenti all’interno dei PF, che assicurano la concreta realizzazione degli interventi programmati attraverso la dotazione umana e strumentale assegnata all’Agenzia.

Il personale del Complesso Forestale opera sia all’interno dei PF (ex cantieri forestali) che nelle UC (aree comunali esterne ai cantieri/foreste demaniali/aree in occupazione temporanea). 

IN PARTICOLARE I COMPLESSI:

  • curano la progettazione e la direzione dei lavori forestali
  • collaborano alla realizzazione dei progetti speciali, mettendo a disposizione personale, materiali e mezzi;
  • curano la gestione amministrativa del personale, con il supporto dell'ufficio amministrativo del Servizio;

Agli uffici e ai complessi forestali è preposto un responsabile che assicura il coordinamento dell’attività.

Informazioni su questo Complesso Forestale

Il complesso forestale Gennargentu Ogliastrino si articola in tre presidi:

  1. Monte Genziana: 2898 ettari di cui 2000 in concessione comunale trentennale ed 898 demaniale (comune Talana)
  2. Villagrande: 3377 ettari interamente in concessione comunale trentennale (comune Villagrande Strisaili)
  3. Genn’antine: 1077 ettari  interamente in concessione comunale trentennale (comune Villagrande Strisaili). Comprende i 50 ettari del Parco comunale Santa Barbara: di recente concessione, insieme ai locali dell'ex-centro fieristico di Luas adibiti attualmente a sede di Complesso, di presidio e il centro di smielatura.  

Gli indirizzi di gestione dell’intero parco di Santa Barbarasono di tipo protettivo, paesaggistico e legati alla fruizione ricreativa per gli abitanti di Villagrande e del territorio circostante, e (specie nel periodo estivo) dei numerosi turisti che transitano in direzione Tortoli e verso altri centri balneari della costa Ogliastrina.

Caratteristiche del Complesso Forestale

CLIMA

Nel complesso forestale mancano stazioni pluviometriche con dati recenti, ma può essere significativo fare riferimento ai dati raccolti da Arrigoni (1968) per la stazione pluviometrica di Correboi (m s.l.m. 1071), Pira Onni (m s.l.m. 872), Sicca D'Erba (m s.l.m. 825), per le caratteristiche climatiche della zona.
Le precipitazioni annue, a volte anche nevose, sono notevoli in tutte le stazioni prese in esame, per cui si è vicini alla realtà se si attribuisce a questo complesso forestale una piovosità media annua di 1200 mm; infatti la località denominata Orgovè a nord di Villanova Strisaili è considerata tra le più piovose della Sardegna (vedi alluvione dicembre 2004). Le piogge sono concentrate nei mesi invernali, mentre durante l'estate diventano scarse, determinando un periodo di aridità chedura per i quattro mesi estivi (in genere dalla terza decade di giugno fino a settembre).  Il regime pluviometrico è quindi del tipo "IAPE" (ovvero la stagione più piovosa è l'inverno, quella meno piovosa l'Estate) che è il più comune in Sardegna. Il clima è di tipo semicontinentale, con inverno moderatamente freddo ed umido, ad elevato surplus idrico, ed estate asciutta
con moderato deficit idrico. I venti dominanti sono quelli dei quadranti occidentale e N-N.O. Data la vicinanza della zona alla costa orientale dell’isola, hanno notevole influenza anche le masse d’aria umida sciroccale che determinano piogge molto intense nel mese di ottobre.

VEGETAZIONE

Le tipologie di vegetazione potenziale che possono caratterizzare il complesso sono condizionate dai terreni e dalle altitudini, ma gli attuali stadi evolutivi della copertura vegetale risultano ampiamente influenzati da secoli di utilizzazioni agro-silvo-pastorali. Nei tre presìdi la formazione forestale più diffusa è la lecceta.  Le aree montane, dai 750-1000 m s.l.m., sono caratterizzate da comunità forestali a leccio e agrifoglio.
È un mesobosco dominato nello strato arboreo da Quercus ilex ed Ilex aquifolium, con Crataegus monogyna, Rubia peregrina ed Hedera helix.
Lo strato arbustivo è caratterizzato da Erica arborea, Rubus ulmifolius e Cytisus villosus, talvolta con Genista desoleana.
Le aree cacuminali del Gennargentu (località Pipinari)  sono caratterizzate dalla presenza della serie sardo-corsa in variante sub mediterranea del ginepro nano: l‘associazione è costituita da microboschi di
altezza compresa tra 0,5 e 2 m
, costituite prevalentemente da piante perenni legnose, con presenza di tappeto erboso limitato, caratterizzato da Juniperus nana, Thymus catharinae, Astragalus genargentteus, (per quanto riguarda lo strato arbustivo) e da Viola corsica, Rumex pyrenaicus, Festuca morsicana, Valium corsium etc. (per quanto riguarda lo strato erboso).
Sono inoltre presenti fustaie pure e miste di conifere mediterranee ed esotiche, diffuse soprattutto nel Presidio Forestale di Villagrande nelle località S. Barbara, frutto degli interventi di rinsaldamento dei terreni (RDL
3267/23), eseguiti a partire dalla fine degli anni '80
Fustaie mature di Pino domestico sono diffuse nell’unità gestionale di Monte Genziana nel perimetro di Sorberine. Fustaie miste di conifere ed eucalipto sono diffuse nel presidio di nel perimetro di Gorbini.

Rimboschimenti

Rimboschimenti misti di latifoglie con sporadiche conifere, frutto degli interventi effettuati dall’Azienda Foreste Demaniali della Sardegna (AFDRS) a partire dagli anni '90 sono presenti nei tre presidi forestali e nello specifico: nel perimetro di Pipinari, di Monte Genziana in varie località (Genna Sa Pira, Genna Tillie, Serra Sa Gronta) e Genn’antine.

Boschi igrofili

Si tratta di formazioni un tempo molto diffuse nelle zone ripariali, di cui oggi rimangono solo pochi lembi a causa dell'impatto di attività umane quali la regimazione dei fiumi e la captazione delle acque, le bonifiche, l'agricoltura e l'urbanizzazione.
Lungo i corsi d’acqua di questo territorio è possibile osservare formazioni a boscaglia costituite da Salix Sp, Alnus Glutinosa, Nerium Oleander, Tamarix Gallica e il làgano (Vitex agnuscastus).

Contatti

Responsabile Complesso
Direttore Lavori
Sostituto del Direttore del Servizio
Telefono:
0782 490731
Cellulare: 328 0281428
responsabile presidio forestale
Cellulare: 320 4331245
responsabile presidio forestale
Cellulare: 320 4331148
responsabile presidio forestale
Cellulare: 328 5340422
Tags:
Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Complesso Forestale Perdas è composto da sei unità gestionali ricadenti nei comuni di Talana, Villagrande Strisaili, Arzana e Gairo. La superficie totale è di 12408 ha...
  • Il complesso forestale Castagno è composto da sette unità gestionali ricadenti nei comuni di Aritzo, Belvì, Meana Sardo, Tonara e Gadoni. La superficie totale è di circa 6655 ha.
  • Il Complesso Forestale Marganai è composto da sei unità gestionali ricadenti nei comuni di Iglesias, Fluminimaggiore, Domusnovas, Buggerru, Gonnesa. Tra queste la foresta...
  • Il complesso forestale di Montarbu è composto da quattro unità gestionali, tra cui una foresta demaniale, ricadenti nei comuni di Seui e Usassai. La superficie totale è di circa...
  • Il complesso forestale Montalbo è composto da cinque unità gestionali ricadenti nei comuni di Lodè, Siniscola, Lula e Torpè. La superficie totale e di Ha 9610
  • Il complesso forestale Supramonte è composto da treunità gestionali, tra cui la Foresta Demaniale di Montes, ricadenti nei comuni di Orgosolo, Fonni e Desulo.
  • Il Complesso Forestale del Gerrei è composto da sei unità gestionali ricadenti nei comuni di Barrali, Suelli, Siurgus Donigala, Ballao, Villasalto, Armungia, San Vito, Muravera,...
  • Il Complesso Forestale di Pantaleo, 8.050 ettari , è costituito da quattro unità gestionali, incluse tre foreste demaniali . I territori gestiti ricadono nei Comuni di: Narcao,...
  • Il complesso del Limbara (6681 ha circa) è geograficamente "concentrato" e costituito dai territori ricadenti nell’ambito del massiccio del Monte Limbara, nei suoi versanti...
  • Il Complesso dei Tacchi Meridionali è composto dai seguenti presidi forestali Tacchixeddu Monte Ferru Gairo Cartuceddu
  • Il complesso forestale Baronie Mare è composto da sei unità gestionali ricadenti nei comuni di Loculi, Irgoli, Siniscola, Orosei, Onifai e Galtellì. La superficie totale e di 4396...
  • Il Complesso forestale Tepilora è composto da tre Foreste Demaniali ricadenti nei comuni di Torpè e Bitti. La superficie totale è di circa 5719 ha