Rifiuti abbandonati nel bosco: un problema da (ri-)conoscere

26 Ottobre 2021
plastica abbandonata nel bosco

Quando gettiamo per terra l'incarto di un cioccolato, una confezione di plastica, il mozzicone di sigaretta o qualsiasi materiale non biodegradabile, stiamo lasciando un'eredità di dubbio valore a chi abiterà questo pianeta dopo di noi: saranno i nostri figli, nipoti e pronipoti a subire gli effetti del nostro inquinamento, di quel gesto inutile e dannoso, di quel materiale abbandonato in natura.   Il mare, ed i boschi in particolare, ne stanno già mostrando gli effetti.

Si inizia a parlare diffusamente anche del fenomeno delle micro-plastiche: particelle di dimensioni inferiori al millimetro o millesimi di millimetro, talmente piccole da risultare invisibili a occhio nudo, di origine sintetica - spesso prodotte a partire dal petrolio o dal caucciù - derivanti dalla frammentazione di oggetti più grandi o disciolte come costituenti di cosmetici, abiti impermeabilizzati etc...

La dimensione del problema

Ogni cosa abbandonata in natura, cioè lasciata nel posto assolutamente più inopportuno tra i tanti possibili, rimarrà per secoli nell'ambiente contribuendo all’inquinamento del nostro pianeta con conseguenza più o meno gravi sulla vita, sul paesaggio e sulla qualità ambientale, gravando solo sulle generazioni future.

Vediamo già gli effetti dei comportamenti di chi ci ha preceduto: la confezione in plastica di un cioccolato ai cereali, lasciata cadere lungo un sentiero da un giovane escursionista dieci anni fa, sarà oggi ritrovata tal quale da suo figlio; e molti bambini hanno sempre meno conoscenza (e coscienza) di cosa sia un ambiente intatto, profumato, naturale, di un bosco con le sole sfumature del vegetale e del soprassuolo, del giallo foliage autunnale o dei colori dei fiori in un bosco in primavera. 

La bottiglia di birra, la lattina di coca o il bossolo di un proiettile usato da un cacciatore, lasciati dietro un cespuglio di corbezzolo alla fine del secolo scorso, oggi risultano uno sgradevole reperto archeologico all'ombra di un grande albero, che mostra alle nuove generazioni gli effetti della nostra inciviltà. Non esistono sentieri, boschi e ruscelli dove non si possano incontrare tracce di inciviltà.

Nel corso dei sopralluoghi lungo i sentieri e le piste forestali, attraverso le aree naturali di maggior pregio nei boschi della nostra isola, spesso il personale dell'Agenzia Forestas incontra veri e propri depositi di inciviltà, concentrati nei luoghi più inattesi o distribuiti lungo i percorsi: sui calcari deiSupramontes, tra le leccete del Gutturu Mannu, tra le creste dei Settefratelli o fra i castagni del Gennargentu, tra i Tacchi d'Ogliastra o nella macchia mediterranea lungo le pinete costiere, nessuna area verde ha scampo. 

Quanto dura un rifiuto abbandonato?

Ogni anno vengono abbandonate tonnellate di rifiuti non biodegradabili, che degraderanno in tempi lunghissimi, contaminando l'ambiente:

  • un mozzicone di sigaretta dura almeno 5 anni, come una gomma da masticare;
  • una lattina di alluminio resterà sul terreno tra 20 a 200 anni;
  • un sacchetto di plastica, se nel frattempo non avrà fatto soffocare qualche animale indifeso, permarrà tra 100 e 900 anni insieme a piatti e posate e bicchieri di plastica, bottiglie, cartucce;
  • il polistirolo imbiancherà il bosco per mille anni, più di un ghiacciaio perenne!
  • una bottiglia di vetro, testimonierà per 4000 anni l'inciviltà di chi l'ha abbandonata.

Cosa fare?

I fenomeni collettivi richiedono consapevolezza diffusa. Quel che si può fare è quindi semplice: invertire la tendenza. Capire, cambiare, non lasciare niente dopo il nostro passaggio. L'educazione ambientale nelle scuole è solo una cura preventiva, che non risolve il problema di accumulo

Ancora meglio si può fare sommando tante azioni dei singoli: portar via qualcosa, tra il tanto che troviamo lungo il nostro passaggio durante un'escursione - per annullare con un buon gesto, l'idiozia di chi ci ha preceduto. Raccogliere e smaltire bene (e nel posto giusto) ciò che era stato abbandonato da qualcun altro, interromperà forse il lunghissimo conto alla rovescia del degrado in natura.

Condividi:

Notizie ed eventi

28 Settembre 2022

L' agenda della ricerca forestale mediterranea merita attenzione per capire le tematiche su cui si sta attivando l'interesse dell'UE e della Ricerca nel nostro settore... Tra il 29 novembre ed il 1 dicembre prossimi a Barcellona...

26 Settembre 2022
POTENZIARE LE CAPACITà di PREVISIONE e PREVENZIONE

A Sassari il 12 e 13 settembre sono stati presentati i risultati del progetto triennale MED-Star ( Strategie e misure per la mitigazione del rischio di incendio nell’area...

23 Settembre 2022

Si parlerà di Gestione Forestale e Tutela del Paesaggio nel raduno di tecnici forestali provenienti da tutta Italia, organizzato dall'associazione Pro Silva e che si terrà nelle Foreste demaniali di Is...

22 Settembre 2022

Un cervo sardo ( Cervus elaphus corsicanus ) è stato recuperato ieri a Castiadas in un vascone d'acqua di un'azienda agricola, grazie ai vigili del fuoco di San Vito.

È stato accolto dall'Agenzia Forestas in un recinto di ricovero per...

22 Settembre 2022

Pubblicato avviso per la concessione in rapporto precario di fide pascolo per il periodo dal 1 Gennaio 2023 al 31 Dicembre 2023, all’esercizio del godimento erbatico del pascolo nel rispetto del vigente “...

21 Settembre 2022

Cresce la consapevolezza del valore e dell' importanza dei servizi ecosistemici svolti delle piante anche in città , dove parchi, giardini, aree verdi pubbliche e private, incidono nella qualità di vita delle...

13 Settembre 2022

Il Comune di Pattada e la Pro Loco Lerron in collaborazione con l’Agenzia Forestas organizzano per sabato 17 settembre 2022 , nel presidio forestale demaniale di Monte Lerno (località Badu Onu ) una giornata in...

06 Settembre 2022

Sono ora cinque le specie di avvoltoio europeo, secondo un report appena pubblicato da VCF per valutare lo stato di conservazione e diffusione delle varie specie di vulturidi in Europa e nel Mediterraneo...

01 Settembre 2022

Si prova a rispondere alla domanda complessa in modo semplice e discorsivo, per focalizzare i problemi che il clima porrà nella gestione del patrimonio boschivo negli anni a venire...

31 Agosto 2022

Il centro di smielatura e vendita Forestas sito in località Luas (Villagrande Strisaili, centro fieristico S.Barbara ) effettuerà d'ora innanzi la vendita al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 13:30 escluso i festivi...

31 Agosto 2022

Il miele (o meglio, i mieli) dei boschi sardi, prodotti da Forestas in varie aree della Sardegna e soprattutto in Ogliastra, sono stati premiati alla XXII edizione del concorso Premio qualità mieli tipici della Sardegna ...

29 Agosto 2022

Continuano a registrarsi casi con mortalità a carico di esemplari di avifauna nella nostra isola: si tratta di un problema che è necessario evidenziare, perché emerge una significativa incidenza, anche grazie a progetti...