Rifiuti abbandonati nel bosco: un problema da (ri-)conoscere

26 Ottobre 2021
plastica abbandonata nel bosco

Quando gettiamo per terra l'incarto di un cioccolato, una confezione di plastica, il mozzicone di sigaretta o qualsiasi materiale non biodegradabile, stiamo lasciando un'eredità di dubbio valore a chi abiterà questo pianeta dopo di noi: saranno i nostri figli, nipoti e pronipoti a subire gli effetti del nostro inquinamento, di quel gesto inutile e dannoso, di quel materiale abbandonato in natura.   Il mare, ed i boschi in particolare, ne stanno già mostrando gli effetti.

Si inizia a parlare diffusamente anche del fenomeno delle micro-plastiche: particelle di dimensioni inferiori al millimetro o millesimi di millimetro, talmente piccole da risultare invisibili a occhio nudo, di origine sintetica - spesso prodotte a partire dal petrolio o dal caucciù - derivanti dalla frammentazione di oggetti più grandi o disciolte come costituenti di cosmetici, abiti impermeabilizzati etc...

La dimensione del problema

Ogni cosa abbandonata in natura, cioè lasciata nel posto assolutamente più inopportuno tra i tanti possibili, rimarrà per secoli nell'ambiente contribuendo all’inquinamento del nostro pianeta con conseguenza più o meno gravi sulla vita, sul paesaggio e sulla qualità ambientale, gravando solo sulle generazioni future.

Vediamo già gli effetti dei comportamenti di chi ci ha preceduto: la confezione in plastica di un cioccolato ai cereali, lasciata cadere lungo un sentiero da un giovane escursionista dieci anni fa, sarà oggi ritrovata tal quale da suo figlio; e molti bambini hanno sempre meno conoscenza (e coscienza) di cosa sia un ambiente intatto, profumato, naturale, di un bosco con le sole sfumature del vegetale e del soprassuolo, del giallo foliage autunnale o dei colori dei fiori in un bosco in primavera. 

La bottiglia di birra, la lattina di coca o il bossolo di un proiettile usato da un cacciatore, lasciati dietro un cespuglio di corbezzolo alla fine del secolo scorso, oggi risultano uno sgradevole reperto archeologico all'ombra di un grande albero, che mostra alle nuove generazioni gli effetti della nostra inciviltà. Non esistono sentieri, boschi e ruscelli dove non si possano incontrare tracce di inciviltà.

Nel corso dei sopralluoghi lungo i sentieri e le piste forestali, attraverso le aree naturali di maggior pregio nei boschi della nostra isola, spesso il personale dell'Agenzia Forestas incontra veri e propri depositi di inciviltà, concentrati nei luoghi più inattesi o distribuiti lungo i percorsi: sui calcari deiSupramontes, tra le leccete del Gutturu Mannu, tra le creste dei Settefratelli o fra i castagni del Gennargentu, tra i Tacchi d'Ogliastra o nella macchia mediterranea lungo le pinete costiere, nessuna area verde ha scampo. 

Quanto dura un rifiuto abbandonato?

Ogni anno vengono abbandonate tonnellate di rifiuti non biodegradabili, che degraderanno in tempi lunghissimi, contaminando l'ambiente:

  • un mozzicone di sigaretta dura almeno 5 anni, come una gomma da masticare;
  • una lattina di alluminio resterà sul terreno tra 20 a 200 anni;
  • un sacchetto di plastica, se nel frattempo non avrà fatto soffocare qualche animale indifeso, permarrà tra 100 e 900 anni insieme a piatti e posate e bicchieri di plastica, bottiglie, cartucce;
  • il polistirolo imbiancherà il bosco per mille anni, più di un ghiacciaio perenne!
  • una bottiglia di vetro, testimonierà per 4000 anni l'inciviltà di chi l'ha abbandonata.

Cosa fare?

I fenomeni collettivi richiedono consapevolezza diffusa. Quel che si può fare è quindi semplice: invertire la tendenza. Capire, cambiare, non lasciare niente dopo il nostro passaggio. L'educazione ambientale nelle scuole è solo una cura preventiva, che non risolve il problema di accumulo

Ancora meglio si può fare sommando tante azioni dei singoli: portar via qualcosa, tra il tanto che troviamo lungo il nostro passaggio durante un'escursione - per annullare con un buon gesto, l'idiozia di chi ci ha preceduto. Raccogliere e smaltire bene (e nel posto giusto) ciò che era stato abbandonato da qualcun altro, interromperà forse il lunghissimo conto alla rovescia del degrado in natura.

Condividi:

Notizie ed eventi

04 Febbraio 2023

Nei giorni scorsi il personale Forestas ha avviato la posa delle nuove indicazioni escursionistiche nel Fluminese , per completare il quadro di connessione con le dorsali del Linas-Marganai e della direttrice Cala Domestica-Buggerru-Marganai . L'...

27 Gennaio 2023

Convocato a riscontro di una richiesta di Conf-Guide di Nuoro , che associa numerose tra le Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) iscritte al registro regionale, si è tenuta nel pomeriggio del 25 gennaio un'assemblea in video-...

04 Gennaio 2023

"Se non preserviamo le altre forme di vita, come dovere sacro, metteremo in pericolo noi stessi, distruggendo la casa in cui ci siamo evoluti" diceva il biologo statunitense Edward O. Wilson , padre del concetto di ...

29 Dicembre 2022

L'Agenzia ha bandito una SELEZIONE INTERNA riservata al personale dell'Agenzia Forestas per l'accesso iniziale della categoria D per un contingente di n. 6 posti di cui n. 4 con profilo tecnico e n. 2 con profilo amministrativo.

Avvertenze...
19 Dicembre 2022

Sardegna Foreste, i tesori naturali di un'Isola, lo stand itinerante dell'Agenzia, si rinnova: le richieste di allestimento solo su form da compilare on-line. Nuove regole per il piano annuale esposizioni 2023...

12 Dicembre 2022

Quattro buone notizie per la R.E.S., la Rete ciclo-Escursionistica ed ippoviaria della Sardegna:

1) avvio delle attività per il nuovo sito web del catasto regionale sentieri

2) riunione...

12 Dicembre 2022

Raccolti alcuni quintali di spazzatura: tanti (troppi) rifiuti abbandonati che nulla avevano a che fare col bosco e con i sentieri. Una stratificazione di anni di inciviltà e di gesti incivili li avevano accumulati lungo...

09 Dicembre 2022

Si rende noto che tutti gli uffici e gli sportelli al pubblico dell'Agenzia regionale Forestas, come stabilito dall'assessorato al personale per tutte le strutture della Regione Autonoma della Sardegna ,...

07 Dicembre 2022

Bando rettificato il 13.12.2022 (ore 12:40). La data ultima per partecipare è fissata per il giorno 9 gennaio 2023 . La piattaforma online per la partecipazione al concorso sarà disponibile...

05 Dicembre 2022
Martedì 6 dicembre

La Regione Sardegna ha organizzato un workshop online sul turismo sostenibile, che si terrà martedì 6 dicembre dalle 15.30 alle 18 in streaming sulla piattaforma Zoom . Il tema è: “ Sardegna: una destinazione...

05 Dicembre 2022

I sentieri RES ( rete escursionistica della Sardegna ) presso il sistema dunale di Portixeddu (Buggerru) oltre ad essere un'ambita meta per gli appassionati del trekking, sono anche un interessante sito per le scuole e per gli amanti della natura...

05 Dicembre 2022

Si informa l'utenza che il prossimo martedì 6 dicembre gli uffici del Servizio Territoriale di Sassari di via Roma e della sede di La mandra di la giua resteranno chiusi, per la fruizione della festività patronale da parte dei...