Monte Novu: interventi di consolidamento e ripristino accesso

07 Ottobre 2022
Panorama da Monte Novo S.Giovanni (foto Matteo Cara)

MESSA IN SICUREZZA  PARETE ROCCIOSA DEL TACCO A SEGUITO DI FENOMENO FRANOSO E RIPRISTINO DELL’ACCESSO ALLA VEDETTA ANTINCENDIO

L’intervento è stato effettuato e concluso dal Servizio Territoriale di Nuoro di Agenzia Forestas. Si è finalmente data una risposta alle esigenze di sicurezza derivanti da una frana risalente a un anno fa, che aveva interessato una parte di parete limitata, posta sul versante sud-orientale del Monte Novo San Giovanni, sito interamente all’interno del presidio forestale Montes – Iseri nell’agro del Comune di Orgosolo (NU).

L’area in cui si è verificato il movimento franoso stava a monte del sentiero che consente l’accesso alla vedetta antincendio di Forestas, nonchè famosissimo punto panoramico e percorso annualmente da decine di operatori e da centinaia di escursionisti. L’intervento ha dunque consentito di riaprire l’accesso alla strategica vedetta del Monte Novu:  una della più importanti del territorio nuorese perché salvaguardia i boschi più estesi della provincia. 

L'innesco finale della frana era stato probabilmente imputabile ad un periodo di intense precipitazioni che l’inverno scorso avevano portato al distacco di un volume di roccia: alcuni dei blocchi coinvolti nella frana si sono mossi lungo il versante  fermando la loro corsa sul sottostante sentiero, fortunatamente senza provocare vittime e feriti. Gli interventi, autorizzati dagli enti preposti in tempi rapidissimi, sono di tipo puntuale e si sono limitati alla rimozione delle criticità presenti nell’area della frana e alla mitigazione delle criticità minori legati alla caduta di piccoli blocchi dispersi lungo il versante e che possono essere mobilitati dal passaggio di animali e/o dal ruscellamento di acque in superficie. 

Gli interventi, nel dettaglio

Gli interventi, dimensionati in funzione alle caratteristiche del sito e adottando soluzioni non invasive, sono stati:

  1. Disgaggio e bonifica: eseguiti da personale specializzato rocciatore, con rimozione manuale di tutte le porzioni di roccia instabili. I materiali di risulta sono stati raccolti nei pressi del cantiere e conferiti in aree di stoccaggio permanente.  
    La bonifica è stata condotta su tutta la superficie da stabilizzare, circa 108 mq, e su un’area complessiva di 400 mq
     
  2. Taglio della vegetazione: è stata un'operazione propedeutica alla preparazione del cantiere e alla corretta posa in opera dei panelli di rete. Sono stati rimossi quegli alberi, arbusti ed essenze, erbacce che determinavano condizioni di instabilità o che ostacolavano la posa dei panelli di rete.  L’operazione è stata effettuata da personale specializzato rocciatore i materiali di risulta sono stati caricati e conferiti in aree di stoccaggio permanente
     
  3. Sistema di rivestimento flessibile per la stabilizzazione di versanti: messa in opera una barriera di pannelli di rete metallica, con fune di orditura di acciaio ad anima metallica intrecciata in modo da formare maglie romboidali di resistenza rilevata da idonea certificazione
     
  4. Legature di contenimento: il sistema di stabilizzazione flessibile è integrato con delle fasciature in fune pretesa, messe in opera dopo la posa dei panelli di rete. Il sistema è costituito da ancoraggi in barre acciaio B450C, posti uno su ciascun lato del volume da contenere e su substrato roccioso stabile, lungo 3 m e del diametro di 24 mm, dotati di filettatura ad un estremo, completi di golfare o altro dispositivo equivalente per l'aggancio della fune
     
  5. Barriera para-detriti: è stata eseguita l’installazione di 30 m lineari di una barriera per il contenimento di eventuali scariche di detrito, mobilitate lungo il ripido versante, dal passaggio di animali o dagli effetti del ruscellamento superficiale che possono raggiungere per rotolamento e saltazione il sottostante sentiero. La barriere è in grado di trattenere esclusivamente piccoli blocchi che si muovono con basse velocità.

Nelle foto: una documentazione dell'intervento, prima e dopo.

Condividi:

Notizie ed eventi

30 Novembre 2022

Alcuni consigli sulla sostenibilità, e cenni al regolamento dell'Agenzia sulla concessione dei cimali ...

30 Novembre 2022

Gli eventi di intermediazione sono segni del crescente ruolo socio-economico dell' agroforestazione negli uliveti e nei sistemi silvopastorali, occasioni per condividere tecnologie innovative, avviare cooperazioni...

29 Novembre 2022

Nei giorni scorsi i tecnici Forestas hanno percorso una discreta parte dei 48 km di nuovi percorsi predisposti e realizzati dall'associazione di volontariato...

19 Novembre 2022
A Galtellì la manifestazione nazionale inaugura domenica 20/11 il percorso di 13 km realizzato da Forestas

Il monte Tuttavista ha finalmente il suo posto nella Rete Regionale dei sentieri della Sardegna (RES): nelle foto i lavori relativi a tutto...

11 Novembre 2022

L'Agenzia Forestas aveva pubblicato un avviso per acquisire la disponibilità, da parte dei dipendenti di categoria B , all’assegnazione di mansioni di tipo amministrativo (n.16) e amministrativo/autista...

07 Novembre 2022

Si informano gli utenti che i canali URP della Direzione Generale di Cagliari - Forestas saranno indisponibili nelle giornate dal 7 al 11 novembre.

Sportello, canale telefonico, canali whatsapp/telegram ed email saranno nuovamente...

09 Novembre 2022

A due anni dall'avvio del progetto FOR.Italy , che in Sardegna ha interessato le attività formative condotte dall'Agenzia Forestas, un incontro conclusivo è organizzato dalla Regione...

02 Novembre 2022

Lavori per rimettere in sicurezza i sentieri che partono dalla splendida cascina Mannironi di Jacu Piu , ora pregiato compendio forestale sul versante Est del Monte Ortobene di Nuoro. Ospiti CAI e Liceo E.Fermi di Nuoro, è stata...

28 Ottobre 2022

Su Casteddu , colle che sovrastava il paese di Gultudofe , era castellato. A monte dei ruderi del paese, abitato da caprari, sono i ruderi delle chiese di S.Maria ( Itria ) di Gultudofe e di S.Giacomo già sede di monastero...

19 Ottobre 2022

Nodu 'e Taculas è in territorio di Pattada (foresta di Monte Lerno ) - area naturale caratterizzata dalla presenza di mufloni e cervi, oltre ad alcuni lembi di foresta di grande pregio. Una ripresa aerea realizzata con drone fotografico dell'...

19 Ottobre 2022

Iniziativa per dimostrare come - con semplici azioni replicabili anche a piccola scala - sia possibile favorire una grande varietà di specie vegetali e animali con riguardo alla piccola fauna (insetti, rettili e...

18 Ottobre 2022

Le tramudas - antiche vie dei pastori - diventano occasione di recupero dei valori, della storia e dei saperi della nostra terra: un'opportunità di sviluppo turistico attraverso la RES . Anche di questo si è parlato a ...