Istituzione Parco regionale Gutturu Mannu e Parco regionale di Tepilora

05 Novembre 2014
i due parchi

Il Consiglio regionale ha approvato i disegni di legge che istituiscono il “parco naturale regionale di Gutturu Mannu” e il il “parco naturale regionale di Tepilora”.

Parco Gutturu Mannu

Il parco si estende nei territori dei comuni di Assemini, Pula, Santadi, Sarroch, Siliqua, Uta, Villa San Pietro, Domus de Maria, Capoterra e Teulada. Con l’approvazione del disegno di legge proposto dalla Giunta regionale si è concluso l’iter amministrativo previsto dalla legge 31/89 (Norme per l'istituzione e la gestione dei parchi, delle riserve e dei monumenti naturali, nonché delle aree di particolare rilevanza naturalistica e ambientale). Con l’istituzione del Parco naturale regionale di Gutturu Mannu la Regione intende perseguire concretamente l’obiettivo di tutelare il pregiato patrimonio naturalistico e porre le basi per promuovere nei territori interessati uno sviluppo economico e sociale attraverso la conservazione delle risorse ambientali.
Le particolarità del territorio del parco risiedono nella vastità della superficie complessiva pari a 19.685 ettari, e nel fatto che sia inserita in una delle foreste più antiche ed estese del Mediterraneo: si tratta di 35.000 ettari di copertura vegetale senza soluzione di continuità, costituita da bosco, macchia-foresta e macchia alta di inestimabile valore naturalistico dove vivono specie endemiche tra le più rappresentative della fauna sarda, come ad esempio il cervo, l’astore, il gatto selvatico e il geotritone.
Sull’area insistono anche tre oasi di protezione faunistica, istituite dall’Assessore della difesa dell’ambiente, denominate “Gutturu Mannu – Monte Arcosu” di 7.404 ettari “Piscina Manna – Is Cannoneris” di 7.199 ettari e “Pantaleo” di 1.600 ettari , per complessivi 16.203 ettari. In queste oasi vige il divieto dell’esercizio della caccia. Nell’area parco sono presenti, inoltre, la Zona di protezione speciale (Z.P.S.) ed il Sito di interesse comunitario (Sic), denominati entrambi “Foresta di Monte Arcosu”, della Rete Natura 2000.

Parco Tepilora

Il parco si estende nei territori dei comuni di Bitti, Torpè, Lodè e Posada ed occupa la parte più settentrionale della Barbagia e della Baronia. Con l'approvazione del disegno di legge proposto dalla Giunta regionale si è concluso l’iter amministrativo previsto dalla legge 31/89 "Norme per l'istituzione e la gestione dei parchi, delle riserve e dei monumenti naturali, nonché delle aree di particolare rilevanza naturalistica e ambientale".
Attraverso l’istituzione del Parco naturale regionale di Tepilora la Regione intende perseguire concretamente l’obiettivo di tutelare il pregiato patrimonio naturalistico e porre le basi per promuovere uno sviluppo economico e sociale, in considerazione della particolarità dell’area, connotata anche dalla presenza di attività antropiche.
Si tratta di un parco che collega le zone interne con quelle costiere utilizzando il fiume come una vera infrastruttura naturale, un elemento di connessione con una serie di attività legate al turismo e alla tutela dell’ambiente.
Gran parte delle aree interessate dal parco sono occupate da due grandi foreste demaniali: la foresta di Crastazza-Tepilora nel comune di Bitti e la foresta di Usinavà nel comune di Torpè.
Il complesso forestale di Crastazza-Tepilora comprende due corpi, "Crastazza" e "Tepilora", censiti in agro del Comune di Bitti e ricade in un’area montana di notevole interesse ambientale e paesaggistico. Nel patrimonio faunistico annovera specie tipiche della macchia mediterranea come il Cinghiale, la Lepre sarda, la Volpe, il Gatto selvatico. Negli ultimi anni sono stati avvistati alcuni esemplari di Daino e di Muflone provenienti dalla vicina foresta di Sos Littos - Sas Tumbas.
La foresta di Usinavà è stata acquisita al patrimonio demaniale nel 1964-1965 ed è costituita da macchia con differenze di composizione, in taluni casi raggiunge altezze anche di sei o sette metri formando una fitta macchia-foresta.
Molto frequenti nel territorio sono i graniti, il cui aspetto morfologico più significativo è dato dalle serre, un susseguirsi caratteristico di creste coniche che ricordano i denti di una sega.

Condividi:

Notizie ed eventi

22 Ottobre 2021

Sui molteplici versanti del Monte Linas , splendido scenario escursionistico, sono già partiti due grossi interventi, finanziati con fondi UE (Por). Ora è stata completata la complessa progettazione esecutiva ...

22 Ottobre 2021

Conclusa la campagna antincendio, riprendono i lavori di sistemazione dei tracciati: gli oltre 1000 km di tracciati escursionistici necessitano di periodiche manutenzioni ordinarie e straordinarie (al fondo, alla vegetazione,...

19 Ottobre 2021

Finanziato dal FEASR con 868.000 Euro , con il supporto di Forestas i 18 Comuni ogliastrini potranno realizzare nuovi sentieri, aree attrezzate, segnaletica, percorsi accessibili per disabili, strutture di temporaneo riparo,...

11 Ottobre 2021

Una giornata interessante, sabato 9 ottobre 2021 presso il bosco vetusto di Tuviois , organizzata dalla sezione sarda della Società Botanica Italiana , con il patrocinio di Forestas, del Comune di Sinnai e della Sezione CAI di...

07 Ottobre 2021

È il lieto fine per il grifone Cristina : il 2 ottobre è stata rilasciata da Forestas a Badde Orca , che si affaccia a strapiombo sul mare; la liberazione segue un periodo di ricovero gestito da Forestas nel Centro recupero di Bonassai...

06 Ottobre 2021

Con l' avvertenza che alcune specie potrebbero non essere disponibili, l'Agenzia ha predisposto e rende pubblico l'elenco delle specie prodotte nei vivai, la loro consistenza al settembre 2021 , aggiornata per...

04 Ottobre 2021

Foreste mediterranee e cambiamenti climatici : tra mitigazione e adattamento. Seminari organizzati da Life AForClimate con il patrocinio della SISEF. Al via il secondo ciclo di conferenze, il calendario prevede...

04 Ottobre 2021

Interessati 16 comuni , per uno sviluppo che supera i 250 km lineari . Dopo oltre due anni, un complicato percorso di sopralluoghi, verifiche e progettazione, chiuso l' iter autorizzativo della...

30 Settembre 2021

Una conferenza, integralmente trasmessa in diretta dal Comune di Lanusei (che la ospita) per riflettere:

sul lavoro necessario per mantenere una rete sentieristica, sulle opportunità che tale il turismo outdoor può offrire al territorio.....
30 Settembre 2021

Forestas ha siglato una convenzione nell’ambito del programma ERASMUS+, PRACTICUM DEPO 2020, con la Diputación Provincial de Pontevedra (Spagna), per attivare un tirocinio di formazione e orientamento in favore di un giovane...

29 Settembre 2021

Lo scorso sabato 25 settembre a Santadi Forestas ha dedicato una giornata all'educazione ambientale, presso l' area archeologica di Pani Loriga, con la messa a dimora di piantine di specie...

28 Settembre 2021

Il giovane esemplare maschi, liberato il 27 settembre a Fonni, al momento del ricovero era disidratato con occlusione intestinale. Sottoposto alla terapia del caso l'animale ha ripreso la normale alimentazione...