Conclusione esercitazioni al martelloscopio di Monte Arci

30 Giugno 2021

Nelle giornate dal 8 al 11 giugno si sono svolte le esercitazioni pratiche del corso per esperto in gestione forestale per la conservazione della biodiversità nel nuovo Martelloscopio di Monte Arci gestito da Forestas. Alla esercitazione hanno partecipato 45 persone organizzate in 8 gruppi indipendenti, tra cui 23 appartenenti all'Agenzia Forestas, 11 al CFVA, 4 di UniSS ed altri 7 tra biologi e tecnici.   Sul sito del progetto GoProFor) oltre alle foto delle giornate in campo sono scaricabili i risultati (molto interessanti)  delle esercitazioni delle martellate virtuali.   Questa attività formativa, oltre ad aver contribuito gratuitamente ad innalzare il livello professionale dei tecnici sardi, ha riscontrato particolare successo per le tematiche trattate: si è trattato di uno dei primi corsi svolti in Sardegna (13 -16 aprile per la parte teorica e dal 8-11 giugno per la parte pratica).    Un'esperienza sicuramente da ripetere.

Cos'è il Martelloscopio

Il termine, ben noto agli esperti del settore forestale, deriva da quello di “martellata”, operazione con la quale il dottore forestale, o il tecnico esperto individua e segna con il martello forestale gli alberi che in un bosco devono essere tagliati per migliorare l’intera comunità forestale (interventi colturali):  la gestione forestale può infatti avere molteplici finalità: produzione legnosa, valorizzazione della biodiversità, stoccaggio dell'anidride carbonica, ma anche per finalità turistiche-ricreative (aree di sosta attrezzate, percorsi escursionistici etc).

Il Martelloscopio è dunque una porzione di foresta (di estensione nota) dove per ciascun albero sono stati definiti: la georeferenziazione, le caratteristiche biometriche (diametro del fusto, altezza, volume...) e lo stato vegetativo, la funzione  e la valenza ecologica, ed altri parametri forestali.  Il Martelloscopio è quindi un’aula all’aperto che offre la possibilità di comprendere il significato della gestione forestale, attraverso un “diradamento virtuale” del popolamento arboreo. Il Martelloscopio rappresenta inoltre uno spazio aperto di confronto sulle potenzialità delle comunità forestali ben gestite, nonché un punto di incontro per gli operatori del settore. Dunque, un potenziale strumento per favorire la divulgazione sulle tematiche della conservazione della biodiversità forestale e la mitigazione dei cambiamenti climatici.

I primi Martelloscopi europei sono stati individuati in Francia a partire dagli anni ’90. In Italia sono attivi vari martelloscopi: in Alto Adige, Lombardia, Toscana e Puglia, e finalmente anche uno in Sardegna, realizzato e gestito da Forestas nell'ambito del progetto Life GoProFor e grazie alle collaborazioni instaurate nello stesso progetto. 

L'ESPERIENZA DEL MARTELLOSCOPIO

La parte applicativa nel modulo Selvicoltura sostenibile prevede esercitazioni in bosco all’interno di martelloscopi: aree permanenti in bosco - in cui tutti gli alberi sono stati numerati, misurati, georeferenziati e i cui microhabitat sono stati rilevati, in modo da attribuire a ciascun albero un valore ecologico ed economico, così da fungere come una vera e propria “palestra a cielo aperto” utilizzata per la formazione e la simulazione di specifici interventi selvicolturali.

Grazie all’utilizzo di un tablet, un apposito software permette la restituzione in termini quantitativi e grafici delle scelte selvicolturali simulate dai fruitori. In questo modo è possibile verificare in maniera immediata gli esiti delle proprie scelte, in relazione agli obiettivi prefissati, sia in termini di gestione e di conservazione, ma anche in termini di resa economica dell’intervento.  I martelloscopi sono stati realizzati dal LIFE GoProFor seguendo la procedura definita dal progetto Integrate+, che promuove l'integrazione della conservazione della natura nella gestione sostenibile delle foreste a livello di politica, pratica e ricerca, e collega più di 100 siti di dimostrazione pratica in tutta Europa.  I martelloscopi sono stati realizzati con l’obiettivo di fornire ai partecipanti l’opportunità di applicare sul campo quanto appreso e discusso in aula, nel merito di una gestione forestale sostenibile e integrata con gli obiettivi di conservazione della biodiversità forestale.  La selvicoltura sarà di tipo naturalistico, altrimenti detta selvicoltura a copertura continua.  I partecipanti possono così migliorare la loro capacità progettuale e di analisi della foresta, valutare quali siano le tecniche selvicolturali più idonee da applicare, e pianificare gli interventi per favorire la biodiversità forestale.

I partecipanti, dopo una sessione teorica con un formatore esperto, percorrono il martelloscopio valutando le caratteristiche di ogni albero presente, numerato progressivamente. I partecipanti, anche riuniti in gruppi di lavoro (come nel caso dell'attività GoProFor sul Monte Arci) decidono se l’albero sia da tagliare o da preservare, valutandone la posizione nel bosco, i rapporti con gli alberi vicini, la fisionomia e la valenza ecologica.  Ad ogni partecipante o gruppo viene fornito un quaderno di campo (nel caso del Monte Arci, i gruppi sono stati forniti di tablet) per ricostruire la planimetria e la distribuzione degli alberi nel perimetro, le informazioni relative ai parametri dendrometrici del popolamento, il valore economico degli assortimenti ritraibili e il valore ecologico delle singole piante, in cui il partecipante indica le piante che a suo giudizio devono essere tagliate, giustificandone la scelta secondo delle pre-definite motivazioni di taglio.  All’esperienza in bosco segue la raccolta e l’elaborazione dei dati: la fase più interessante dal punto di vista didattico è la discussione delle scelte prodotte dai gruppi di lavoro, e l'analisi dei probabili effetti dell’operazione selvicolturale proposta.

Condividi:
Approfondimenti

Galleria immagini

Video: 

Notizie ed eventi

21 Settembre 2021

Avviata in questi giorni la collaborazione con l’Università di Cagliari per valutare gli effetti del devastante incendio di luglio 2021 sulla copertura vegetazionale nell’area del Montiferru-Planargia; intervento di sei...

25 Settembre 2021

Tra le attività previste, una visita al sito e, curata dall'Agenzia Forestas, la messa a dimora di piantine di specie autoctone della Sardegna, con attività (gratuite) dedicate ai bambini...

17 Settembre 2021

Grande successo ieri per il cantiere formativo-informativo gratuito sul Monte Arci organizzato da Forestas nell'ambito del progetto nazionale omonimo. Oltre 120 iscritti , il 40% dei quali da cooperative...

16 Settembre 2021

Dopo le cure veterinarie, che hanno incluso un intervento chirurgico per ripristinare la funzionalità del femore , attualmente questo giovane esemplare di Aquila del Bonelli è in fase di riabilitazione...

13 Settembre 2021

Anche alla ventunesima edizione del " Premio qualità mieli tipici della Sardegna " di Guspini sono arrivati quattro premi per il miele prodotto nelle foreste sarde...

10 Settembre 2021

Venerdì scorso è stato liberato un esemplare di Falco Pellegrino trovato da un cittadino a inizio giugno in territorio del comune di Nuxis...

09 Settembre 2021

Ci si potrà iscrivere, GRATUITAMENTE, sino al 14 settembre per partecipare alla giornata dimostrativa il prossimo 16 settembre presso il cantiere forestale del Monte Arci....

02 Settembre 2021

Destinato alle ditte boschive e agli operatori del settore forestale , la giornata gratuita è programmata per il prossimo 16 settembre presso il cantiere forestale del Monte...

30 Agosto 2021

Al via il Progetto For.Italy: un cantiere dimostrativo di formazione e informazione forestale in Sardegna. Il 16 settembre 2021 - località Acquafrida - Monte Arci, comune di Ales (OR). Realizzato dall’ Agenzia FoReSTAS nell’...

24 Agosto 2021

In questi giorni sono stati pubblicati online, anche nell'albo pretorio di questo sito, 13 distinti avvisi di restituzione terreni vincolati ai sensi del Regio Decreto del 1923, n. 3267, per il rinsaldamento dei terreni percorsi da incendio e...

23 Agosto 2021
Aggiornamenti del mese di agosto

Due buone notizie da quel di Tepilora , dove prosegue il progetto di reintroduzione dell'Aquila di Bonelli, basato sulla voliera realizzata dal personale Forestas, e sulla collaborazione di ISPRA e Grefa Spagna,...