Su Corongiu de Fanari (Masullas-OR)

Su Corongiu de Fanari

L’iter dell'istituzione

Istituito a conclusione del procedimento previsto dalla L. R. 31/89, con la firma del decreto n. 23 08.06.2012 da parte dell'assessore regionale alla Difesa dell'Ambiente.
Il provvedimento ha come obiettivo prioritario la conservazione e la valorizzazione del geosito localizzato in agro del comune di Masullas, in provincia di Oristano.

L’area interessata

Il Monumento Naturale di Su Corongiu de Fanari è localizzato in agro del comune di Masullas, in provincia di Oristano, ed è costituito dall’affioramento di un megapillow andesitico ascrivibile al 1°ciclo sedimentario marino miocenico.
Si presenta, sul lato rivolto ad est, con una marcata fessurazione radiale, delimitante forme di separazione pseudo piramidali ed una fessurazione concentrica che gli conferisce una caratteristica forma a rosone.

Le dimensioni

Fronte di 12m per un’altezza complessiva di 11,5 m.
Nella letteratura geologica internazionale, gli è stato così attribuito il termine Mega, per indicarne appunto le ragguardevoli dimensioni.
Sulla superficie del megapillow, rivolta ad ovest, si nota bene la caratteristica struttura a giunti di raffreddamento, separati all’esterno da una sottile crosta vetrosa, aventi dimensioni medie intorno ai 20cm di diametro ciascuno e accatastati l’uno sull’altro in una condizione di reciproco adattamento al momento del raffreddamento nel fondo del mare.

Unicità

Anche in considerazione del fatto che i pillow di dimensioni normali non sono molto frequenti, il caso di Masullas è da ritenersi, per via delle dimensioni e dello stato di conservazione, praticamente unico al mondo: trattasi di un'area qualificata come geosito, ovvero, come un elemento di pregio scientifico e ambientale del patrimonio paesaggistico, nonché una risorsa per la fruizione e la promozione turistica sostenibile e compatibile con l’ambiente naturale.
L’obbligo di coniugare la crescita economica con la tutela dei beni caratteristici del territorio, non può prescindere dalla conoscenza degli elementi che conferiscono valore al paesaggio fisico, trasformandolo in potenziale ricchezza economica. L’individuazione di quei siti che assumono un alto valore scientifico e paesaggistico è di fondamentale importanza nella politica regionale per le aree protette in quanto non limita il bacino di utenza al solo mondo accademico, ma estende la fruizione del bene naturalistico all’intera collettività. Il geosito di Su Carongiu de Fanari, si inserisce a pieno titolo in questo contesto, essendo un bene geologico-geomorfologico di raro pregio naturalistico, non solo a livello regionale, ma anche a scala mondiale data la quasi unicità dell’elemento nel suo genere.

Condividi:
Scheda

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Cala Goloritzè, dove sbocca a mare la còdula del rio omonimo, è un'incantevole piccola insenatura situata a nord di Capo di Monte Santo, nella parte meridionale del Golfo di...
  • Situato a 1293 m slm, è una delle principali curiosità morfologiche della Sardegna. Tipica formazione rocciosa, chiamata taccu o tònneri nel dialetto locale, e costituisce in...
  • E' situata nello splendido scenario della costa a falesie di Baunei, a nord di Santa Maria Navarrese.
  • Il Capo d'Orso è un promontorio granitico situato nella costa nord-occidentale della Sardegna, offre splendide vedute su Capo Ferro, Palau, l'Arcipelago della Maddalena e la...
  • Il monumento si trova nel sito Punta Sa Berritta, Valle Supràppare , zona sommitale del massiccio del Monte Limbara interamente compresa nei confini del territorio comunale di...
  • È una piccola formazione forestale chiusa (7000 mq; 670 metri slm) di forma circolare ( sa roda manna = la ruota grande ), costituita in larga prevalenza da esemplari di Ilex...
  • Nel parco urbano di Santa Maria Navarrese, centro turistico dell'incantevole costa di Baunei, sono presenti alcuni patriarchi arborei, relitti della foresta mediterranea che un...
  • Su Gologone, la maggiore fonte carsica della Sardegna, perennemente sommersa, è situata alle falde del Supramonte, presso la riva destra del fiume Cedrino.
  • A conclusione del procedimento previsto dalla Legge Regionale 31/89, è stato istituito il Monumento Naturale ” Castagno di Bortigiadas ” con l’obiettivo prioritario della tutela e...
  • Il Monte Cépera (Cuccureddu 'e Zéppara, Monte Zéppara, 167 m slm), oggi raggiunto dall'abitato di Guspini, è un piccolo cono basaltico originatosi dalle manifestazioni vulcaniche...
  • Su Texile è un termine barbaricino di origine preromana che indica un cocuzzolo isolato. Scheda tecnica tratta da: I monumenti naturali della Sardegna - Barroccu Giovanni -...
  • Divenute ormai un simbolo del luogo, sono situate presso la punta meridionale dell'Isola di San Pietro, in uno splendido scenario costiero di promontori, calette e falesie. Scheda...