"Sotto le Ali del Grifone": aggiornamento sulle attività del progetto LIFE Natura

11 Marzo 2016
Grifone liberato a Bosa

Il contesto sociale ed ambientale che riguarda il Grifone ed i vulturidi
Da sempre l'umanità ha saputo convivere con gli avvoltoi spazzini del territorio: consapevoli della loro utilità per lo smaltimento di pericolose fonti di infezioni (ad esempio: carcasse di animali morti).
Solo recentemente nella storia di una lunga convivenza quasi simbiotica abbiamo perso questa armonia con l'ambiente - che purtroppo non riguarda solo il rapporto con i Grifoni; così è stato possibile che, a partire dagli anni Quaranta del secolo scorso, alcuni comportamenti non sostenibili abbiano portato quasi all'estinzione (in alcuni casi, la totale estinzione) di molte specie di grandi rapaci:
il Gipeto, l'Avvoltoio monaco, e lo stesso Grifone (di cui ci resta solo un'ultima colonia tra Bosa e Alghero di circa 100 individui).
L'introduzione di sostanze tossiche nell'ecosistema (arsenico per eradicare le cavallette, DDT per le zanzare, stricnina (per l'eliminazione delle volpi e di altri predatori del bestiame) e la caccia diretta - praticata sino agli Settanta - fecero il resto, alimentate dalla errata convinzione che i Grifoni fossero "nocivi".

Il Grifone, smaltitore al vertice della catena alimentare
Essendo al vertice della catena alimentare, il vantaggio - ma anche la vulnerabilità di questi animali - è la loro fortissima capacità di assimilare ed assorbire qualsiasi sostanza da ciò che mangiano. Da questo punto di vista, la presenza di Grifoni è indice di "salubrità ambientale": quando ci sono gli avvoltoi si può dedurre che l'ambiente non sia stato contaminato da sostanze tossiche (veleni, metalli pesanti etc.) che diversamente questi avvoltoi assimilerebbero facilmente con conseguente morte.

Il punti di forza del progetto "Under Griffon Wings": consapevolezza ed armonia tra uomo e Natura
Sarà favorito - anche attraverso azioni di comunicazione sul web e nel territorio - il recupero della (antica) consapevolezza sulla gestione eco-sostenibile degli allevamenti attraverso il Grifone e più in generale i Vulturidi: un'azione ad alto impatto positivo per l'ambiente.
Inoltre tra gli obiettivi principali c'è la ricostutuzione della "capacità alimentare" del territorio, con la creazione di carnai diffusi (carnai aziendali, ossia gestiti dierettamente da allevatori privati) da cui gli avvoltoi possano trarre sostenamento in sicurezza e con modalità ecologicamente ed economicamente sostenibili.

Sostenibilità ambientale, ma anche economica
Come sempre è stato nella sua lunga storia di convivenza con l'uomo, il Grifone gerantirà lo smaltimento di rifiuti "speciali" (le carcasse degli animali morti) altrimenti eliminabili con procedure assai più costose rispetto alle procedure alternative obbligatorie per le stesse aziende zootecniche.
Il Grifone in passato ha rischiato l'estinzione proprio a causa della sua posizione nella catena alimentare: ora potrà riprendersi il suo "naturale" ruolo di raccoglitore di carcasse, svolgendo per l'uomo "servizio ecosistemici" ad alto valore aggiunto (per gli allevatori e per il territorio in generale, anche dal punto di vista del turismo naturalistico).

La Commissione Europea segue con attenzione il progetto
Come per tutti i progetti LIFE, è costante il monitoraggio delle azioni finanziate: nel mese di febbraio 2016 è stato visitato il carnaio di Porto Conte ed il Centro di recupero della fauna selvatica di Bonassai (SS) entrambi gestiti dall'Ente Foreste della Sardegna.
Nel corso della visita sono stati presentati i progetti relativi al carnaio di Porto Conte e Monte Minerva e le voliere di pre-ambientamento di Porto Conte.

La voliera di pre-ambientamento serve per attenuare la naturale tendenza all'erratismo (tendenza ad esplorare ed allontanarsi) dei giovani avvoltoi che saranno reintrodotti, per farli legare al territorio (con una sorta di "imprinting ambientale"). Questo permetterà, una volta rilasciati in natura, di evitare l'eccessivo allontamento dall'area di rilascio anche per favorire la stanzialità e quindi la ricostituzione di una colonia nell'area di Punta Cristallo-Porto Conte.

Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

20 Aprile 2021

Ha preso il via presso il vivaio Santu Loisu di Sorgono l'indagine sulle problematiche fitopatologiche dei vivai forestali gestiti dall'Agenzia Forestas.

Il progetto, in collaborazione con Agenzia...

19 Aprile 2021

I due bandi pubblicati lo scorso 21 dicembre sono stati ampliati e riaperti: sarà possibile presentare domante, per chi non l'avesse già fatto, sino al prossimo 19 maggio 2021.

14 Aprile 2021

La conferenza finale di INCREDIBILE si terrà online nelle giornate del 15 e 16 aprile 2021 .

Esplorerà e racconterà i risultati del progetto con un'enfasi speciale sulle iniziative chiave e sui ...

15 Aprile 2021

L’ Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Agenzia Forestas è operativo, sperimentalmente da oggi, anche su WhatsApp e TELEGRAM .

In questo particolare momento in cui l’accesso negli uffici è limitato, in applicazione dei protocolli anti-...

13 Aprile 2021

Forestas sta selezionando un biologo/naturalista esperto in pesca sportiva “ catch and release ” (C&R) per attuare un progetto di Tutela e gestione dei rifugi genetici della trota mediterranea in Sardegna

13 Aprile 2021

Si tratta di un ordinario taglio programmato di alcune piante pericolanti, programmato ed indifferibile per la sicurezza dei fruitori, come spiega l'Agenzia all'utente che aveva richiesto chiarimenti con una documentata segnalazione...

08 Aprile 2021

Nonostante l'emergenza Covid-19, è ripartito il 7 aprile il progetto " la Scuola nel Bosco " promosso da Forestas, Istituto scolastico e Comune di Dolianova...

06 Aprile 2021
SPLENDIDI PAESAGGI VENTOSI

Regione storica del Monte Acuto . Qui sughero e granito hanno rappresentato per anni la fonte economica di maggior rilievo: il territorio è ricco di boschi di leccio e principalmente querce da sughero...

03 Aprile 2021

Divieto di assembramento ed altre prescrizioni statali e regionali per il lockdown pasquale 2021 comportano in ogni caso l'impossibilità di fruire delle aree forestali demaniali destinate alla sosta e ai pic-nic dal 3 al...

30 Marzo 2021

Anche in Sardegna gli alberi di leccio ( Quercus ilex L.) sia nel verde pubblico che privato sono soggetti ad attacchi fungini che producono cancri corticali e decadimento strutturale del fusto: nei casi più...

29 Marzo 2021

Il 10 marzo 2021 è stato siglato tra le Agenzie regionali Forestas e Agris un accordo di collaborazione tecnico-scientifica per un progetto integrato, costruito grazie alle riunioni del Tavolo Tecnico per la difesa...

29 Marzo 2021

In questa pagina si rende disponibile la documentazione relativa a due ulteriori Piani Forestali Particolareggiati: quello del Supramonte ( Montes , Orgosolo) e di Is Cannoneris ( Gutturu Mannu , Domus de Maria e Teulada)...