Il "Progetto Siepe"

11 Marzo 2008
Planargia, paesaggio rurale (Domenico Ruiu)

Fino a pochi decenni fa l’aspetto delle nostre campagne era completamente diverso: corsi d’acqua, confini di proprietà, terreni demaniali, colline erano segnati da linee di demarcazione naturali composte da alberi, arbusti e piccoli suffrutici in cui si potevano individuare facilmente specie caratteristiche di questi micro habitat denominati siepi.
Le diverse esigenze di sostentamento in concomitanza con l’avvento dell’industrializzazione dell’agricoltura, che ha imposto un’eccessiva specializzazione, hanno portato ad una semplificazione della diversità ambientale con impoverimento e modifica del paesaggio, distruggendo queste realtà naturali e con esse tutte le importanti funzioni ecologiche svolte per anni.

Le siepi

Si definisce siepe una fascia di vegetazione di lunghezza variabile ed una larghezza di pochi metri, costituita da alberi o arbusti posti in filari, da una moltitudine di specie erbacee, arricchita spesso con elementi quali muretti a secco, sassi, staccionate ecc, svolgente la funzione di riparo e delimitazione della proprietà dei fondi agricoli, di frangivento, di protezione delle sponde dei corsi d’acqua e come una particolare area di rifugio per la fauna e numerosi microrganismi.

L’importanza delle siepi

Negli ultimi anni la concezione del campo agricolo ha subito delle modifiche sostanziali verso una funzione unicamente produttiva tralasciando quegli elementi del paesaggio agrario che contribuivano a mantenerlo in equilibrio. La crescita dell’agricoltura intensiva ha creato seri problemi all’ambiente ed è attualmente una delle principali cause di declino della biodiversità europea. Le siepi costituiscono un tassello fondamentale per l’ecosistema agrario e non solo svolgendo diverse funzioni quali:
estetica, micro-habitat per piante e animali, difesa del suolo dall’erosione, barriera frangivento, limitano i rumori e le particelle inquinanti provenienti dalla strada, corridoi naturali.
L’insieme composito delle specie vegetali che costituiscono e abitano le siepi offre rifugio e cibo ad una serie di animali di tutto rispetto. Numerosa è la presenza di uccelli che attirati dalle bacche prodotte dalle varie piante e dalla possibilità di nidificazione vivono questa importante e complessa cenòsi [in biologia, l’insieme delle specie vegetali (fitocenosi) e animali (zoocenosi) che vivono in un determinato ambiente: dunque un'associazione di animali o vegetali retto da vantaggiosi equilibri equilibri tra gli organismi, che presentano quindi caratteristiche di adattamento analoghe, pur appartenendo di specie differenti]. 

La presenza di fiori selvatici in primavera la siepe è sede di numerosi insetti impollinatori. La struttura delle siepi può essere paragonata a quella del bordo di un bosco in cui la vegetazione si sviluppa in più piani alberi-arbusti-essenze erbacee perenni o stagionali.

Considerazioni

In un paesaggio sempre più impoverito dei suoi elementi naturali è necessaria una politica che incentivi un’agricoltura di tipo estensivo e biologico pena la perdita incessante di biodiversità, inquinamento atmosferico, delle acque, del suolo, erosione del suolo. È stato stimato che il 70% delle 173 specie di uccelli in Europa è legato agli habitat rurali ed è attualmente minacciato di estinzione. Le politiche agricole degli ultimi anni favorendo l’aumento della produttività dei terreni agricoli hanno incentivato la rimozione di diversi elementi essenziali per il mantenimento dell’intero ecosistema e portato ad un abbandono delle aree marginali (come ad esempio il pascolo nelle aree montane) e alla scomparsa di pratiche estensive.

Gli agricoltori attraverso il ripristino delle siepi, un utilizzo corretto delle pratiche agricole e zootecniche, una riduzione ed un uso sostenibile con l’ambiente di varie sostanze chimiche, possono contribuire positivamente alla salvaguardia in primis della biodiversità, alla difesa del suolo e delle acque e al miglioramento complessivo del paesaggio.
La protezione delle aree naturali rimane a se stante se l’ambiente nel suo complesso non è in equilibrio e non trova un’adeguata gestione. Per molte specie animali e vegetali, il paesaggio agricolo ha la funzione di connettere le aree protette e in casi eccezionali se l’ecosistema è in equilibrio fungono da surrogati di ambienti naturali più vasti oramai portati alla rarefazione se non scomparsi del tutto. Inoltre le aree naturali sono interessate indirettamente da una gestione dell’agro-ecosistema poco attenta all’ambiente se si pensa ad esempio all’inquinamento delle acque superficiali e sotterranee da parte di pesticidi, concimi, liquami zootecnici, fertilizzanti ecc.
Il mantenimento degli elementi del paesaggio agrario quali boschetti, siepi, aree marginali, aree cespugliate, zone di antichi confini poderali caratterizzate da muretti a secco e specie della vegetazione autoctona, coltivi abbandonati, aree alberate non produttive ecc è indispensabile per la sopravvivenza di molte specie selvatiche (in particolare per gli uccelli) e possono rappresentare l’inizio di piccole ma importanti azioni di rinaturalizzazione. È utile che queste azioni entrino a far parte dell’uso e della cultura di chi ha a che con il paesaggio per l’inizio di una riqualificazione del territorio. È auspicabile che alle piccole azioni seguano veri e propri interventi sull’agro-ecosistema capaci di garantire una migliore qualità degli agrosistemi che avranno anche il compito di fungere da serbatoio di biodiversità.

il Progetto Siepe

Il nuovo quadro operativo che l'Ente Foreste della Sardegna mira all'attuazione delle politiche di qualità per una gestione sostenibile del territorio, attraverso la valorizzazione e la tutela delle risorse naturali con lo sviluppo di diversi percorsi. Alcuni di questi necessitano per la loro riuscita di una stretta collaborazione tra Regione, Ente Foreste, Enti Locali e Agenzie che operano nel territorio. "Progetto Siepe" in quest'ottica può dare un notevole contributo al mantenimento e alla salvaguardia della biodiversità in ambito rurale.

Condividi:

Notizie ed eventi

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...