Firmato il protocollo di intesa tra Forestas e Soccorso Alpino per la sicurezza della R.E.S.

27 Maggio 2019
interventi eliSoccorso alpino (foto SaSS)

La collaborazione tra il Soccorso Alpino e Speleologico della Sardegna (S.A.S.S.) e l'Agenzia regionale Forestas, che per Legge regionale gestisce l'intera Rete dei Sentieri nell'Isola, si aggiunge alla collaborazione in essere con il Club Alpino Italiano e ci permetterà di lavorare, negli anni a venire, per elevare il numero, la qualità e soprattutto la sicurezza dei sentieri ufficiali e delle vie di lunga percorrenza come il Sentiero Italia ed altre direttrici regionali.

Tra le attività previste dalla collaborazione instaurata con il SASS, rientrano il supporto alle esercitazioni dei volontari, la condivisione delle informazioni e lo sviluppo di una rete di qualità con la pianificazione e la progettazione di sentieri sicuri in tutta la Sardegna. Il SASS avrà accesso a tutte le informazioni del futuro Catasto Regionale dei Sentieri, e condividerà le proprie con l'Agenzia. Il SASS aiuterà Forestas a valutare le criticità ed attenuare i rischi lungo i sentieri, le piste di MTBike e le ippovie. 

AL LAVORO PER LA SICUREZZA DEI SENTIERI ESCURSIONISTICI

C'è ancora tanto da fare, su questo fronte, come si è detto in occasione dell'evento organizzato il 24 maggio 2019 ad Iglesias dal S.A.S.S. per presentare il docu-film Senza possibilità di errore: i rappresentanti dell'Agenzia Forestas hanno illustrato gli aspetti gestionali legati alla Rete Escursionistica della Sardegna (RES) ed il protocollo di collaborazione siglato con il S.A.S.S.

In Sardegna, come spiegato qui, si è appena iniziato a lavorare concretamente per lo sviluppo della Rete dei Sentieri, e questa collaborazione aggiunge sicuramente un valore concreto alle attività in corso.   
Sono previsti, oltra ad un gruppo di lavoro regionale congiunto Forestas-SaSS: condivisione delle risorse logistiche, scambio di informazioni e formazione per la sicurezza dei sentieri, aggiornamento sulle tecnologie, utilizzo delle strutture forestali per le esercitazioni (anche congiunte),  piano di interventi per la messa in sicurezza.

Cos'è il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino, in Italia e in Sardegna

 Si tratta di volontari super specializzati ed attrezzati, integrati con il sistema regionale di Protezione Civile. Operano in montagna, nelle grotte e cavità, nelle forre e nei canyon, in grotte sommerse, per la ricerca di dispersi o feriti anche con il supporto di unità cinofile, anche elitrasportati.

Il S.A.S.S. è l’articolazione territoriale per la Sardegna del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) le cui finalità, sancite dall’art. 2 dello Statuto nazionale, sono:

  • soccorso degli infortunati, dei pericolanti e il recupero dei caduti nel territorio montano, nell’ambiente ipogeo e nelle zone impervie del territorio nazionale; 
  • prevenzione e la vigilanza degli infortuni nell’esercizio delle attività alpinistiche, scialpinistiche, escursionistiche e degli sport di montagna, delle attività speleologiche e di ogni altra attività connessa alla frequentazione a scopo turistico, sportivo, ricreativo e culturale in ambiente montano e ipogeo;
  • concorrere al soccorso in caso di eventi calamitosi in cooperazione con le strutture della Protezione Civile, nell’ambito delle proprie competenze tecniche ed istituzionali; 
  • formazione, addestramento e aggiornamento dei propri iscritti.

Al CNSAS è inoltre affidata la funzione di coordinamento, nel caso di intervento di più organizzazioni di soccorso, in ambito alpino o in ambiente impervio od ostile e le sue strutture sono riconosciute dallo Stato come "soggetti di riferimento esclusivo per l’attuazione del soccorso nel territorio montano e in ambiente ipogeo". La Legge 18 febbraio 1992 n.162 prevede all’art 4 c.3 che "I volontari del Corpo impegnati nelle operazioni di soccorso e nelle esercitazioni possono circolare con i veicoli e le unità cinofile occorrenti, in deroga ai divieti e alle limitazioni poste da leggi regionali e provinciali e da regolamenti locali, anche  nelle aree incluse in parchi nazionali, parchi regionali, riserve naturali ed aree protette".

Il SASS, quale servizio territoriale del C.N.S.A.S. è servizio di pubblica utilità come indicato nella Legge 21 marzo 2001 n. 74 ed è Struttura nazionale operativa del Servizio nazionale della Protezione Civile di cui alla Legge 24 febbraio 1992 n. 225. La sede è fissata presso la sede legale del Club alpino italiano a Milano. CNSAS e SASS sono dotati di uno statuto i cui contenuti sono presupposto e quadro di riferimento del protocollo di intesa siglato con Forestas.

Il CNSAS opera in tutto il territorio nazionale attraverso 21 Servizi Regionali, costituiti ognuno per ogni regione o provincia autonoma dello Stato italiano. I Servizi Regionali sono, a loro volta strutturati in Delegazioni, organizzate capillarmente in nuclei operativi chiamati Stazioni, a cui spetta il compito di portare soccorso. In Sardegna è operativo con due delegazioni: la XXIX Delegazioni Alpina e l’VIII Delegazione Speleologica, delle quali fanno parte circa 220 soccorritori

La XXIX Delegazioni Alpina opera su tutto il territorio regionale ed è suddivisa in 5 stazioni: Cagliari, Sassari, Nuoro, Ogliastra e Medio Campidano.

L’VIII Delegazione Speleologica opera su tutto il territorio regionale ed è suddivisa in 4 stazioni: Cagliari, Sassari, Nuoro e Iglesias.

Condividi:

Notizie ed eventi

28 Settembre 2022

L' agenda della ricerca forestale mediterranea merita attenzione per capire le tematiche su cui si sta attivando l'interesse dell'UE e della Ricerca nel nostro settore... Tra il 29 novembre ed il 1 dicembre prossimi a Barcellona...

26 Settembre 2022
POTENZIARE LE CAPACITà di PREVISIONE e PREVENZIONE

A Sassari il 12 e 13 settembre sono stati presentati i risultati del progetto triennale MED-Star ( Strategie e misure per la mitigazione del rischio di incendio nell’area...

23 Settembre 2022

Si parlerà di Gestione Forestale e Tutela del Paesaggio nel raduno di tecnici forestali provenienti da tutta Italia, organizzato dall'associazione Pro Silva e che si terrà nelle Foreste demaniali di Is...

22 Settembre 2022

Un cervo sardo ( Cervus elaphus corsicanus ) è stato recuperato ieri a Castiadas in un vascone d'acqua di un'azienda agricola, grazie ai vigili del fuoco di San Vito.

È stato accolto dall'Agenzia Forestas in un recinto di ricovero per...

22 Settembre 2022

Pubblicato avviso per la concessione in rapporto precario di fide pascolo per il periodo dal 1 Gennaio 2023 al 31 Dicembre 2023, all’esercizio del godimento erbatico del pascolo nel rispetto del vigente “...

21 Settembre 2022

Cresce la consapevolezza del valore e dell' importanza dei servizi ecosistemici svolti delle piante anche in città , dove parchi, giardini, aree verdi pubbliche e private, incidono nella qualità di vita delle...

13 Settembre 2022

Il Comune di Pattada e la Pro Loco Lerron in collaborazione con l’Agenzia Forestas organizzano per sabato 17 settembre 2022 , nel presidio forestale demaniale di Monte Lerno (località Badu Onu ) una giornata in...

06 Settembre 2022

Sono ora cinque le specie di avvoltoio europeo, secondo un report appena pubblicato da VCF per valutare lo stato di conservazione e diffusione delle varie specie di vulturidi in Europa e nel Mediterraneo...

01 Settembre 2022

Si prova a rispondere alla domanda complessa in modo semplice e discorsivo, per focalizzare i problemi che il clima porrà nella gestione del patrimonio boschivo negli anni a venire...

31 Agosto 2022

Il centro di smielatura e vendita Forestas sito in località Luas (Villagrande Strisaili, centro fieristico S.Barbara ) effettuerà d'ora innanzi la vendita al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 13:30 escluso i festivi...

31 Agosto 2022

Il miele (o meglio, i mieli) dei boschi sardi, prodotti da Forestas in varie aree della Sardegna e soprattutto in Ogliastra, sono stati premiati alla XXII edizione del concorso Premio qualità mieli tipici della Sardegna ...

29 Agosto 2022

Continuano a registrarsi casi con mortalità a carico di esemplari di avifauna nella nostra isola: si tratta di un problema che è necessario evidenziare, perché emerge una significativa incidenza, anche grazie a progetti...