Il progetto trota macrostigma

13 Gennaio 2010
Il Rio Ermolinus all'interno della foresta di Montarbu

Il Dipartimento di biologia ed ecologia animale dell’Università degli studi di Cagliari e l’Ente Foreste della Sardegna collaborano insieme ad un progetto per la salvaguardia, il recupero, la gestione e il ripopolamento delle popolazioni di trota sarda. L’importanza di tale operazione di ripopolo è evidenziata dalla rarefazione ed il pericolo di estinzione della Salmo (trutta) macrostigma, entità tipica della Sardegna di elevato pregio ambientale.

L’obiettivo è quello di tutelare la biodiversità di questa specie endemica minacciata dalle continue immissioni di forme alloctone di Salmo (trutta) trutta di dubbia origine. Il risultato di queste introduzioni è stato una profonda modifica del quadro distributivo dovuto alla facilità con cui queste due specie si ibridano.
La salvaguardia e la reintroduzione di individui geneticamente puri di trota sarda risulta particolarmente importante:
• per scongiurarne l’estinzione: si tratta di una forma di considerevole interesse naturalistico considerata la progenitrice delle varie specie di Salmo presenti attualmente nell’area mediterranea e attualmente inserita nell’allegato II della Direttiva Habitat 92/43/CEE tra le “specie animali e vegetali d’interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione”.
• per reintrodurre una forma con maggiore resistenza e migliore adattamento all’ambiente naturale: tra le varie sottospecie di Salmo la macrostigma risulta la più adatta a vivere in corsi d’acqua di tipo “mediterraneo”, cioè con lunghezza e portata limitata, soggetti a consistenti magre estive e innalzamento della temperatura.

Inoltre la reintroduzione di macrostigma, allargandone la distribuzione e aumentando la dimensione complessiva delle popolazioni, consentirebbe di ridurre il rischio di ulteriore impoverimento del patrimonio genetico per i continui incroci tra consanguinei o per deriva genetica e di recuperare popolazioni autoctone così mirabilmente adattate geneticamente al proprio ambiente.

A conferma dello spessore scientifico che ricopre l’iniziativa, la tutela della trota sarda rientra tra gli impegni che l’Ente Foreste ha sottoscritto nell’ambito del Countdown 2010, progetto promosso dall’IUCN che si pone l'obiettivo di "raggiungere una riduzione significativa della perdita di biodiversità entro il 2010 a livello globale, nazionale e regionale".

Stato dell’arte

I risultati fino ad ora ottenuti e le indicazioni sulle fasi future del progetto trota macrostigma vengono evidenziate nella relazione tecnica del Dipartimento di biologia ed ecologia animale dell’Università di Cagliari.

Gli elementi che consentono di attuare un buon ripopolo sono vari: devono essere prese in esame la lunghezza del corso d’acqua, la qualità dell’habitat, la presenza e l’entità della riproduzione naturale ed infine lo stadio vitale degli avannotti utilizzato per il ripopolo. In questo senso è stato individuato il Rio Ermolinus, nella foresta demaniale di Montarbu-Seui, come importante sito per la tutela della trota sarda con avannotti geneticamente puri.

Al fine di determinarne lo stato di salute ecologica sono stati effettuati dei campionamenti ittici in due diversi tratti del rio ed è stata fatta la caratterizzazione genotipica dei pesci mediante l’analisi di alcuni tratti del Dna mitocondriale e del Dna nucleare. Contemporaneamente sono stati selezionati individui geneticamente puri e in questo modo è stato possibile costituire un parco riproduttori nell’impianto ittico di Sadali. Inoltre, tramite la riproduzione artificiale degli individui puri di Salmo (trutta) macrostigma, sono stati prodotti avannotti certificati geneticamente per il ripopolo.

Sulla base dei risultati ottenuti è in corso di studio un piano di ripopolo dettagliato dove è stata individuata la sezione del fiume da utilizzare ed inoltre sono state individuate modalità e i tempi di bonifica ittica. L’operazione di bonifica verrà effettuata dal personale della foresta demaniale di Montarbu-Seui con l’ausilio tecnico scientifico del personale del Dipartimento di biologia ed ecologia animale dell’Università degli studi di Cagliari.

 

Condividi:

Notizie ed eventi

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...