Appunti del prof. Piussi sul Marganai

27 Ottobre 2015
una foto recente della tagliata di 4 anni ( part. 9) scattata a settembre 2015

Con un'articolata serie di appunti raccolti dopo un sopralluogo, l'esperto professore analizza gli interventi dell’Ente Foreste sul territorio di Marganai, recentemente oggetto di grande attenzione da parte dell'opinione pubblica.

Quanto emerge dalle analisi del prof. Piussi conforta i tecnici di Ente Foreste e conferma la bontà delle valutazioni alla base degli interventi: il bosco sta ben rispondendo in termini di rinnovazione.

In merito alla ipotizzata erosione dei suoli, il professore non ha riscontrato direttamente fenomeni di dissesto od erosione incanalata o di superficie (rispettivamente gulley e sheet erosion) nelle aree ceduate del Marganai pur ritenendo che, in presenza di un potenziale rischio di erosione associata al ceduo, la parola definitiva in merito potrà essere data solo a seguito di un monitoraggio sistematico e non su singole osservazioni puntuali e localizzate (che sono poco significative).

In merito al concetto, estremamente evocativo, di foresta preistorica, il professore chiarisce che nel contesto del Marganai “sembra difficile ipotizzare la presenza di alberi millenari o anche secolari date le utilizzazioni legnose compiute in passato e fino a tempi recenti”. Gli ecosistemi forestali conservatisi da lungo tempo, e meritevoli pertanto della massima attenzione dal punto di vista gestionale, sono stati tutti modificati più o meno profondamente nei caratteri del suolo e della vegetazione come conseguenza dell'ormai storica utilizzazione per pascolo, legno o caccia.

Il contributo più originale riguarda la trattazione circa il cosiddetto governo a ceduo, sulla sua fondamentale importanza quale meccanismo naturale di rinnovazione ed adattamento delle piante, necessario a ricostituire rapidamente il bosco dopo una perturbazione naturale o antropica, quale ad esempio: incendi, neve, attacchi di parassiti o tagli degli alberi.

Pertanto espressioni quali “radere al suolo” - “distruggere … la foresta” - “disboscamento” nonché l’ipotesi che al taglio segua il “deserto”, sono validi contributi all’eco-catastrofismo ma ignorano un punto importante: in seguito al taglio del ceduo si ha - dopo pochi mesi - la comparsa di nuovi polloni (germogli) che si formano sulle ceppaie assoggettate al taglio. Nel giro di 3-5 anni il terreno è di nuovo coperto e l’azione battente delle precipitazioni viene a cessare.

Ulteriori interessanti spunti vengono offerti sulla correlazione tra il governo a ceduo la conservazione della biodiversità. A differenza di quanto riportato dalla opinione di tanti, gli spazi aperti dalla ceduazione, secondo la recente bibliografia scientifica internazionale, favoriscono la conservazione di numerosi taxa animali e vegetali.

Al contempo, la ceduazione, creando un mosaico di classi di età,  evita la dominanza, a scala di paesaggio, di boschi senescenti e quindi la perdita di elementi strutturali associati ai primi stadi degli ecosistemi forestali.

Un'altra importante riflessione prof. Piussi la dedica alla differenzia tra la “gestione a ceduo” di oggi da quella del passato: mentre la prima è attuata dall'Ente Foreste secondo i più solidi principi della selvicoltura sostenibile, la seconda era spesso praticata in molte regioni italiane - come pure nel Marganai - con uno sfruttamento del suolo assai più spinto, con frequenze ravvicinate di taglio del bosco, associato a pascolamento, raccolta di frasche e lettiera, coltivazione nel bosco e pratiche di uso del suolo legate alla miseria delle popolazioni rurali (che traevano dal bosco tutte le risorse possibili, senza attenzione per la sostenibilità ambientale). Oggi però fortunatamente tutte queste pratiche sono estranee alla tecnica della ceduazione. Pertanto i ‘tagli del passato’ non vanno confusi né in alcun modo assimilati agli interventi di ceduazione di oggi.

Infine il prof. Piussi smentisce l'essenza catastrofica insita negli schianti: questo è un fenomeno assolutamente naturale e riscontrabile anche in tratti di bosco non soggetti ad utilizzazione; per contro il professore mette in guardia sulla matricinatura troppo abbondante (sarebbero troppo elevato il numero di piante preservate dal taglio a ceduo e destinate alla riproduzione da seme) che potrebbe invece rallentare la crescita dei polloni o causare la morte delle ceppaie.

L'illustre accademico fiorentino trova infine l'occasione per chiarire come un articolo di stampa riportato su Sardiniapost nel 2015, a firma dell’ex Presidente dell’Ente Giorgio Murino,  “mi attribuisce, con citazione, l’idea che il ceduo provochi la degradazione dei boschi. La citazione, malauguratamente, è incompleta così che sostiene un concetto assai lontano dal mio pensiero”. L'invito è quindi a non fermarsi alla lettura superficiale dei testi, che può spesso indurre a considerazioni affrettate e citazioni fuorvianti.

Il messaggio che si può trarre dalla lettura integrale degli appunti del Piussi (di seguito si allegano in formato PDF) è di non fermarsi alle apparenze, ma con passione ed animo onesto ed aperto, provare a leggere le evidenze scientifiche con gli occhi curiosi di chi vuole davvero conoscere la realtà così come essa è.

Pagine e documenti correlati
- L'infografica recentemente realizzata per sfatare alcuni dei tanti "falsi miti" ormai associati nell'opinione pubblica al piano di gestione della foresta del Marganai [.pdf]
- Tutti gli articoli sulla Pianificazione Forestale pubblicati su SardegnaForeste
- Comunicati stampa dell'Ente Foreste

Condividi:

Notizie ed eventi

10 Aprile 2020

Oggi uomini e mezzi dell’Agenzia Forestas hanno completato con la Protezione Civile regionale l’intervento di sistemazione di due aree interne all’Ospedale di Cagliari Santissima Trinità per complessivi 2.700 metri...

07 Aprile 2020

Dopo che la società organizzatrice ha comunicato il rinvio a data da definirsi, per la manifestazione Rally d'Italia 2020 , a causa dell'emergenza CoViD-19, l 'Agenzia Forestas ha annullato il procedimento; verrà indetta nuova...

31 Marzo 2020

Forestas ha definito le fasi del procedimento per accatastare un percorso nella Rete dei Sentieri della Sardegna (R.E.S). Trattandosi di un procedimento di rilevanza anche esterna, durante le prossime settimane verranno raccolte...

15 Marzo 2020

In tempi di corona-virus , può essere utile ricordare uno dei più grandi insegnamenti della Natura : resistere , adattarsi, riprendersi con tenacia dopo ogni difficoltà (nonostante gli ostacoli e gli eventi imprevisti)...

14 Marzo 2020

Con un'ordinanza del 13 marzo 2020 il presidente della Regione ha stabilito la partecipazione anche dell’Agenzia regionale Forestas per la prevenzione e gestione dell’ emergenza epidemiologica da COVID-19 nel territorio...

12 Marzo 2020

Il Comitato EURAF2020 ha deciso di posticipare l'evento , che si sarebbe dovuto tenere a Nuoro dal 18 al 20 maggio 2020. L’evento resterà in Sardegna: la 5th European Agroforestry Conference si terrà pertanto...

11 Marzo 2020

Sono on-line e disponibili tutte le presentazioni (in formato PDF ) proiettate durante il seminario ospitato da Forestas ed organizzato presso il vivaio regionale di Massama (OR)...

11 Marzo 2020

Gli uffici e le strutture operative dell'Agenzia regionale Forestas si stanno adeguando alle direttive emanate nelle ultime ore dal (e per) il Sistema Regione , che integrano e recepiscono tutte le ulteriori prescizioni generali...

10 Marzo 2020

Anche gli uffici dell'Agenzia si adeguano alle prescizioni generali dettate in questi giorni dalle autorità, che comportano alcune limitazioni per il personale e per il pubblico . Sarà garantito il buon...

06 Marzo 2020

In Albo Pretorio online è disponibile l’avviso di indizione della procedura comparativa per il conferimento di 2 contratti di lavoro autonomo professionale...

04 Marzo 2020

Il Comitato nazionale EURAF ha stabilito lo spostamento della scadenza per la " Early Bird registration" al prossimo 13 marzo, per consentire agli autori degli oltre 350 contributi ricevuti di conoscere, prima dell'Iscrizione,...

04 Marzo 2020

A febbraio si è tenuto a Campulongu (Oristano), sede Territoriale di Forestas, un altro importante appuntamento del Progetto Incredible (Cork iNet) sulle fitopatie dei querceti mediterranei...