Appunti del prof. Piussi sul Marganai

27 Ottobre 2015
una foto recente della tagliata di 4 anni ( part. 9) scattata a settembre 2015

Con un'articolata serie di appunti raccolti dopo un sopralluogo, l'esperto professore analizza gli interventi dell’Ente Foreste sul territorio di Marganai, recentemente oggetto di grande attenzione da parte dell'opinione pubblica.

Quanto emerge dalle analisi del prof. Piussi conforta i tecnici di Ente Foreste e conferma la bontà delle valutazioni alla base degli interventi: il bosco sta ben rispondendo in termini di rinnovazione.

In merito alla ipotizzata erosione dei suoli, il professore non ha riscontrato direttamente fenomeni di dissesto od erosione incanalata o di superficie (rispettivamente gulley e sheet erosion) nelle aree ceduate del Marganai pur ritenendo che, in presenza di un potenziale rischio di erosione associata al ceduo, la parola definitiva in merito potrà essere data solo a seguito di un monitoraggio sistematico e non su singole osservazioni puntuali e localizzate (che sono poco significative).

In merito al concetto, estremamente evocativo, di foresta preistorica, il professore chiarisce che nel contesto del Marganai “sembra difficile ipotizzare la presenza di alberi millenari o anche secolari date le utilizzazioni legnose compiute in passato e fino a tempi recenti”. Gli ecosistemi forestali conservatisi da lungo tempo, e meritevoli pertanto della massima attenzione dal punto di vista gestionale, sono stati tutti modificati più o meno profondamente nei caratteri del suolo e della vegetazione come conseguenza dell'ormai storica utilizzazione per pascolo, legno o caccia.

Il contributo più originale riguarda la trattazione circa il cosiddetto governo a ceduo, sulla sua fondamentale importanza quale meccanismo naturale di rinnovazione ed adattamento delle piante, necessario a ricostituire rapidamente il bosco dopo una perturbazione naturale o antropica, quale ad esempio: incendi, neve, attacchi di parassiti o tagli degli alberi.

Pertanto espressioni quali “radere al suolo” - “distruggere … la foresta” - “disboscamento” nonché l’ipotesi che al taglio segua il “deserto”, sono validi contributi all’eco-catastrofismo ma ignorano un punto importante: in seguito al taglio del ceduo si ha - dopo pochi mesi - la comparsa di nuovi polloni (germogli) che si formano sulle ceppaie assoggettate al taglio. Nel giro di 3-5 anni il terreno è di nuovo coperto e l’azione battente delle precipitazioni viene a cessare.

Ulteriori interessanti spunti vengono offerti sulla correlazione tra il governo a ceduo la conservazione della biodiversità. A differenza di quanto riportato dalla opinione di tanti, gli spazi aperti dalla ceduazione, secondo la recente bibliografia scientifica internazionale, favoriscono la conservazione di numerosi taxa animali e vegetali.

Al contempo, la ceduazione, creando un mosaico di classi di età,  evita la dominanza, a scala di paesaggio, di boschi senescenti e quindi la perdita di elementi strutturali associati ai primi stadi degli ecosistemi forestali.

Un'altra importante riflessione prof. Piussi la dedica alla differenzia tra la “gestione a ceduo” di oggi da quella del passato: mentre la prima è attuata dall'Ente Foreste secondo i più solidi principi della selvicoltura sostenibile, la seconda era spesso praticata in molte regioni italiane - come pure nel Marganai - con uno sfruttamento del suolo assai più spinto, con frequenze ravvicinate di taglio del bosco, associato a pascolamento, raccolta di frasche e lettiera, coltivazione nel bosco e pratiche di uso del suolo legate alla miseria delle popolazioni rurali (che traevano dal bosco tutte le risorse possibili, senza attenzione per la sostenibilità ambientale). Oggi però fortunatamente tutte queste pratiche sono estranee alla tecnica della ceduazione. Pertanto i ‘tagli del passato’ non vanno confusi né in alcun modo assimilati agli interventi di ceduazione di oggi.

Infine il prof. Piussi smentisce l'essenza catastrofica insita negli schianti: questo è un fenomeno assolutamente naturale e riscontrabile anche in tratti di bosco non soggetti ad utilizzazione; per contro il professore mette in guardia sulla matricinatura troppo abbondante (sarebbero troppo elevato il numero di piante preservate dal taglio a ceduo e destinate alla riproduzione da seme) che potrebbe invece rallentare la crescita dei polloni o causare la morte delle ceppaie.

L'illustre accademico fiorentino trova infine l'occasione per chiarire come un articolo di stampa riportato su Sardiniapost nel 2015, a firma dell’ex Presidente dell’Ente Giorgio Murino,  “mi attribuisce, con citazione, l’idea che il ceduo provochi la degradazione dei boschi. La citazione, malauguratamente, è incompleta così che sostiene un concetto assai lontano dal mio pensiero”. L'invito è quindi a non fermarsi alla lettura superficiale dei testi, che può spesso indurre a considerazioni affrettate e citazioni fuorvianti.

Il messaggio che si può trarre dalla lettura integrale degli appunti del Piussi (di seguito si allegano in formato PDF) è di non fermarsi alle apparenze, ma con passione ed animo onesto ed aperto, provare a leggere le evidenze scientifiche con gli occhi curiosi di chi vuole davvero conoscere la realtà così come essa è.
 

Tag: 
Condividi:

Notizie ed eventi

12 Aprile 2024

Disponibile il programma. L’evento si terrà a Roma il 12 Aprile 2024. Si potrà seguire anche in streaming sul web. Pubblicata la proposta di CARTA DEI PRINCIPI per la gestione dei Demani Forestali...

14 Febbraio 2024

Si informano gli interessati che a causa di un problema tecnico alla centrale telefonica non è possibile contattare telefonicamente gli uffici della sede del Servizio di Sassari .

Il Servizio si sta...

11 Aprile 2024

Passi importanti nel bacino del Basso Flumendosa : Forestas ha posto in pre-accatastamento i tre nuovi percorsi tra Orroli e Nurri.

La RES cresce e raggiunge la parte centro-meridionale del Sarcidano-Barbagia di Seulo, un...

16 Aprile 2024
I GIORNI DEL GRIFONE NEL SUD SARDEGNA SONO ARRIVATI !

Nei giorni scorsi, sono finalmente iniziate le operazioni per il rilascio dei primi quindici grifoni nel sud Sardegna, a partire dalla base operativa presso il cantiere...

10 Aprile 2024

ANARF nel proprio sito ha reso pubblica la (proposta di) Carta dei Principi per la gestione sostenibile delle Foreste Demaniali che verrà discussa nel convegno del 12 Aprile 2024 organizzato a Roma in...

30 Marzo 2024

Altri 21 grifoni sono sbarcati nei giorni scorsi a Porto Torres provenienti dalla Spagna per diventare protagonisti del progetto LIFE Safe for Vultures , che mira ad assicurare la presenza e il benessere a lungo termine della...

28 Marzo 2024

Nella Strategia forestale dell’UE per il 2030 , la gestione forestale come un insieme di pratiche orientate a foreste multifunzionali - sia di conservazione della biodiversità e degli stock di carbonio , sia di...

28 Marzo 2024

Si svolgerà in Sardegna, tra Seneghe , Nuoro , Orgosolo e Bono - presumibilmente nel mese di maggio 2025 - con focus sulla gestione selvicolturale dei boschi a prevalenza di...

21 Marzo 2024

La Giornata Internazionale delle Foreste si celebra ogni 21 marzo e rappresenta un momento fondamentale per...

20 Marzo 2024

Se ne parlerà mercoledì 20 marzo , a Tempio Pausania - in previsione della Giornata Internazionale delle Foreste (che ricorre il 21 marzo di ogni anno)...

18 Marzo 2024

Partiranno a breve gli interventi finanziati da fondi UE con il progetto a cura di Forestas, a protezione degli habitat del campo dunale del litorale di Arborea e dello stagno di S'ena arrubia ...

13 Marzo 2024
Caduta massi lungo la strada sterrata da Campu Omu a Maidopis

Con le piogge registrate tra il 9 e il 10 marzo nel territorio del complesso forestale di Sette Fratelli nel Comune di Sinnai , si è verificata la...