Reintroduzione del Gipeto in Sardegna

10 Settembre 2008
Lezione sul gipeto

Un tempo presente in Italia nell’arco alpino, in Sicilia e in Sardegna, il Gipeto è stato reimmesso sulle Alpi nel 1986 grazie al progetto di reintroduzione dell’Avvoltoio barbuto sulle Alpi sottoscritto da sei paesi europei nel 1978. Al 2003 si conoscevano 13 coppie e 15 giovani Gipeti nati da cove naturali.

In Sardegna l’area di diffusione del Gipeto, una volta estesa ai principali massicci montuosi dell’isola, è andata riducendosi sino a ridursi nella metà del XX secolo al solo Sarrabus e al massiccio centrale del Gennargentu-Supramonte. L’ultimo avvistamento è avvenuto nel 1977 sul Monte Corrasi di Oliena (Nu).
Questo declino è stato causato dalle campagne di pesticidi contro le cavallette negli anni ’40, dalla lotta antimalarica combattuta con il DDT negli anni ‘50, dall’utilizzo da parte degli allevatori di bocconi avvelenati per la lotta alle volpi ed ai cani inselvatichiti, ma soprattutto dall’abbattimento finalizzato al collezionismo.

L’amministrazione provinciale di Nuoro, titolare del progetto INTERREG Sardegna-Corsica, si prefigge di ricostituire una stabile popolazione di Gipeti nell’area del Supramonte-Gennargentu-Monte Albo in provincia di Nuoro, che fungerà da area source (area serbatoio di individui colonizzatori).
La reintroduzione del Gipeto favorirà il ripristino di un’importante anello della catena alimentare, offrirà un importante contributo alla ricostituzione della biodiversità dell’intero territorio, rafforzerà i programmi sul pastoralismo promossi dall’amministrazione provinciale e si integrerà con quel processo di riqualificazione ambientale e del territorio iniziato con il progetto di reintroduzione del Cervo Sardo nella provincia di Nuoro. Il previsto programma di educazione e sensibilizzazione, componente determinante nell’intera operazione, si inserirà nel più ampio progetto di programmazione regionale in fatto di educazione ambientale, che vede nelle province i nodi strategici deputati a gestire l’educazione ambientale nel territorio attraverso la Rete Infea.

Il progetto, che ha il patrocinio della Regione Sardegna, avrà una durata almeno quadriennale, dovrà costituire il primo tassello di un più ampio progetto per il reinsediamento del Gipeto in altri territori dell’isola, come il Limbara, il Sarrabus e l’Iglesiente, dove la specie era presente un tempo, e per dare vita ad una metapopolazione in connessione con quella presente nella vicina Corsica.
Durante il primo anno verranno affrontate e rimosse le cause di estinzione; verranno creati e formati gruppi di operatori specializzati composti da comunicatori, insegnanti e guardie forestali; verranno attivati i programmi di educazione ambientali della Rete Infea; verrà realizzato materiale divulgativo e promozionale (films, posters, opuscoli, schede, etc.); si promuoveranno campagne di sensibilizzazione del grande pubblico attraverso la stampa locale, la partecipazione a sagre e feste locali, la presentazione di mostre fotografiche e di proiezioni di documentari sul Gipeto e interventi nelle tv locali.
Durante il secondo anno verranno organizzati incontri nei comprensori comunali tra gli operatori specializzati e gli agricoltori, gli allevatori, i cacciatori e gli studenti, ai quali verrà illustrata l’importanza del progetto; continueranno le campagne di sensibilizzazione del grande pubblico attraverso gli strumenti già elencati.

Condividi:

Notizie ed eventi

14 Aprile 2021

La conferenza finale di INCREDIBILE si terrà online nelle giornate del 15 e 16 aprile 2021 .

Esplorerà e racconterà i risultati del progetto con un'enfasi speciale sulle iniziative chiave e sui ...

15 Aprile 2021

L’ Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Agenzia Forestas è operativo, sperimentalmente da oggi, anche su WhatsApp e TELEGRAM .

In questo particolare momento in cui l’accesso negli uffici è limitato, in applicazione dei protocolli anti-...

13 Aprile 2021

Forestas sta selezionando un biologo/naturalista esperto in pesca sportiva “ catch and release ” (C&R) per attuare un progetto di Tutela e gestione dei rifugi genetici della trota mediterranea in Sardegna

13 Aprile 2021

Si tratta di un ordinario taglio programmato di alcune piante pericolanti, programmato ed indifferibile per la sicurezza dei fruitori, come spiega l'Agenzia all'utente che aveva richiesto chiarimenti con una documentata segnalazione...

08 Aprile 2021

Nonostante l'emergenza Covid-19, è ripartito il 7 aprile il progetto " la Scuola nel Bosco " promosso da Forestas, Istituto scolastico e Comune di Dolianova...

06 Aprile 2021
SPLENDIDI PAESAGGI VENTOSI

Regione storica del Monte Acuto . Qui sughero e granito hanno rappresentato per anni la fonte economica di maggior rilievo: il territorio è ricco di boschi di leccio e principalmente querce da sughero...

03 Aprile 2021

Divieto di assembramento ed altre prescrizioni statali e regionali per il lockdown pasquale 2021 comportano in ogni caso l'impossibilità di fruire delle aree forestali demaniali destinate alla sosta e ai pic-nic dal 3 al...

30 Marzo 2021

Anche in Sardegna gli alberi di leccio ( Quercus ilex L.) sia nel verde pubblico che privato sono soggetti ad attacchi fungini che producono cancri corticali e decadimento strutturale del fusto: nei casi più...

29 Marzo 2021

Il 10 marzo 2021 è stato siglato tra le Agenzie regionali Forestas e Agris un accordo di collaborazione tecnico-scientifica per un progetto integrato, costruito grazie alle riunioni del Tavolo Tecnico per la difesa...

29 Marzo 2021

In questa pagina si rende disponibile la documentazione relativa a due ulteriori Piani Forestali Particolareggiati: quello del Supramonte ( Montes , Orgosolo) e di Is Cannoneris ( Gutturu Mannu , Domus de Maria e Teulada)...

23 Marzo 2021

Da ricercatori italiani nuovi dati sulla tossicità del piombo su rapaci trovati morti in tutta Europa: forme gravi di avvelenamento, note con il nome di saturnismo , ...

22 Marzo 2021

Il valore dell'acqua è molto più del suo prezzo : senza una chiara visione del valore multidimensionale dell'acqua, non saremo in grado di salvaguardare questa risorsa fondamentale a beneficio...