Mufloni reintrodotti nel Limbara: aggiornamenti

01 Luglio 2019
famiglia di mufloni sul Limbara (foto R.Serra).jpg

Il Muflone è sicuramente tra gli animali più rappresentativi dell’Isola, perlomeno per gli ambienti montani.

L’ipotesi più accreditata circa la sua presenza in Sardegna e Corsica è quella secondo cui il muflone deriverebbe dal rinselvatichimento di un ovino domestico introdotto dall’uomo in epoca neolitica (Poplin, 1979). 

Fu poi introdotto, molti secoli dopo, nell’Italia continentale e in Europa, in cui peraltro si è ben acclimatato, dalla seconda metà dell’800.  

 

 

Procede con successo la reintroduzione dei mufloni sul Monte Limbara

A tre anni dalla reintroduzione dei mufloni sul Limbara, operata nel maggio 2016, l’ultimo censimento con osservazione da punti di vantaggio risale al periodo 27-30 maggio 2019 e ci rivela una situazione decisamente confortante:
il numero degli esemplari infatti è in incremento.  Dai 9 esemplari osservati con la stessa metodica nel Maggio del 2017,  passiamo agli attuali 23 esemplari, come indicato in tabella.

Considerazioni sui dati

Il dato conferma la crescita della popolazione che, in base ai dati bibliografici, non dovrebbe essere inferiore ai 64 esemplari.
I mufloni si sono divisi in due greggi principali, dei quali uno osservato sulle cime della montagna.  Le condizioni di salute rilevate dai veterinari Forestas appaiono ottime, con buono stato di nutrizione e il mantello lucido, essendo stata completata la muta estiva.  Tutti gli esemplari esibiscono motilità energica con un comportamento tipico di questo mammifero arrampicatore, confermando l’idoneità dell’habitat e manifestando un ottimo adattamento. Per la prima volta sono stati osservati anche gli agnellini di Muflone (4 femmine e 1 maschio) i primi mufloni nativi del Limbara.

 

Osservabilità di questi animali: le misure scientifiche della diffusione della specie durante i censimenti

Proseguono anche gli studi sulla osservabilità di questi animali, per mettere in relazione e conoscere meglio il rapporto fra gli animali presenti e quelli osservati durante il censimento.
L'osservabilità dei mufloni nel territorio censito si attesta su un esemplare ogni tre presenti, considerando il totale osservato nella sessione col massimo delle osservazioni, integrata con gli individui di classi d'età ben distinte, sommate agli individui distinti per ciascuna area geografica interessata.  
Considerando solo la singola sessione con il maggior numero di osservazioni (13 esemplari) l'osservabilità risulta invece di 1 muflone osservato ogni 5 presenti.

Nel frattempo cominciamo a goderci lo spettacolo del Monte Limbara che si ripopolano... 

La buona notizia

Evidenziamo che una popolazione di mufloni di 60 individui potrebbe già essere considerata sulla soglia della “minima popolazione vitale”  -  dotata cioè di una consistenza tale da ridurre il rischio di estinzione. Per maggiore sicurezza, da questo punto di vista è bene attendere comunque il raggiungimento dei 200 esemplari: auguriamoci di poter festeggiare questo importante obiettivo entro il prossimo quinquennio.

 

(report a cura di Roberto Serra)

Condividi:

Notizie ed eventi

29 Luglio 2020

Un'interessante iniziativa dell'ente strumentale della Regione Veneto che opera nell’ambito delle politiche per i settori agricolo, agroalimentare, forestale e della pesca .

Un Premio per la promozione della "Cultura Forestale"

Torna,...

27 Luglio 2020

Probabilmente il più grande e importante progetto mai realizzato in Sardegna per la tutela del Grifone. Un nuovo progetto è in fase di approvazione dalla UE per ampliare l' areale dell'...

23 Luglio 2020

Una minaccia concreta, chiamata chitridiomicosi , che in tutto il mondo sta mietendo milioni di vittime tra le preziose specie di anfibi, arriva anche in Sardegna, spesso collegata alle attività sempre più diffuse nei corsi d'acqua. Il pericolo è...

14 Luglio 2020

L'Agenzia FoReSTAS ha curato con propri uomini e mezzi la sistemazione di una importante porzione del noto colle di Cagliari . Un sintetico report sull'intervento, con interessante documentazione a corredo

13 Luglio 2020

L'autore dell'importante guida Amphibians and Reptiles of Britain and Europe -ha visitato la Foresta Demaniale Settefratelli per controllare lo stato di conservazione della popolazione del Geotritone...

22 Giugno 2020

Forestas ha aderito all'obiettivo ambizioso presentato dalla Fondazione AlberItalia con l'intento di dare gambe all'iniziativa di piantare 60 milioni di nuovi alberi nel nostro Paese (uno per ogni abitante)...

17 Giugno 2020

L'Agenzia Forestas curerà la sperimentazione, l'attività di Ricerca e l'attuazione di alcuni interventi selvicolturali dimostrativi per la riduzione del rischio incendi nelle pinete litoranee di Porto Conte (...

08 Giugno 2020

A Fonni , nel parco comunale Tanca dei Frati , gestito da Agenzia Forestas, per qualche giorno è stata sperimentata un' aula didattica sotto gli alberi , per alunni della scuola primaria, nella necessità di...

05 Giugno 2020

Un lavoro scientifico, che in tanti richiedono all'Agenzia. Forestas lo rende disponibile alla collettività in un momento di grandi mutamenti ambientali e di trasformazioni di origine antropica che pongono nuove frontiere alla Scienza Forestale...

03 Giugno 2020

Venerdi 29 maggio, dopo una maratona on-line di 5 giornate , si è concluso l’ hackathon TrHack your Tou r, nato c on l’obiettivo di sviluppare idee innovative , legate al...

30 Maggio 2020

Giovedì mattina, 28 maggio, nella sede Forestas di Oristano, hanno firmato il contratto di lavoro e prenderanno servizio il prossimo 3 giugno nella Direzione generale e nei 7 Servizi territoriali cui sono stati assegnati.

29 Maggio 2020

Gli uffici dell'Agenzia saranno chiusi al pubblico il lunedì 1 giugno per ferie d'ufficio . Riprenderanno regolarmente le attività dal giorno mercoledì 3 giugno ; inoltre dal mese di giugno nei...