I Sentieri

26 Luglio 2010
Il sentiero 113 da punta Margiani Pubusa

La funzione principale che si volle privilegiare nelle foreste in passato fu quella produttiva e protettiva che garantiva la massima produttività e una discreta copertura arborea capace di contrastare l’erosione e allo stesso tempo ottenere una buona regimazione delle acque. Successivamente il raggio d’azione si è ampliato passando dalla mera funzione protettiva e produttiva a quella estetica, igienico-ricreativa e conservativa. La foresta assume una visione più complessa ed un ruolo sempre più importante nello studio della biologia degli ecosistemi e della correlazione tra gli esseri viventi e l’ambiente in cui vivono.

Lo sviluppo e la valorizzazione del patrimonio forestale e faunistico del territorio regionale, nonché la creazione e la diffusione di una cultura che contempli valori naturalistici, storici e culturali propri della Sardegna rientrano a pieno titolo nella nuova missione dell’Ente Foreste della Sardegna.

I sentieri: alla riscoperta del sapere
La realizzazione e l’uso di sentieri e mulattiere da parte dell’uomo risalgono a tempi molto antichi. L’uomo si serviva di essi come unico mezzo di comunicazione, costituito da una fitta rete capillare che univa le varie località. Grazie ai sentieri e alle mulattiere si sono collegate tra loro le popolazioni, avveniva lo scambio delle merci, le transumanze, ecc, insomma un’autostrada del passato. Data la loro importanza queste vie del ‘passato’ venivano costantemente tenute in ordine da un gruppo di lavoro addetto alla manutenzione secondo le usanze del proprio territorio.
Nei primi anni del dopo-guerra, con l’avvento delle strade agricole e forestali, c’è stato un abbandono in massa dei sentieri che in alcuni casi venivano completamente soppressi.
La nascita di un nuovo modo di fare turismo ha, nel corso degli ultimi anni, riscoperto l’uso dei sentieri dapprima per vivere la natura, in seguito per conoscere la storia di quel popolo, le sue tradizioni, la sua cultura, il loro modo di vivere come se il tempo si fosse fermato. Camminare lungo i sentieri alla ricerca di antiche borgate e luoghi incantati, profumi e colori naturali, ci fanno dimenticare per un giorno l’assillo dei ritmi frenetici che oggigiorno caratterizzano il nostro modo di vivere.

Percorrere queste vie “alternative” ci offre la possibilità di conoscere luoghi poco noti, lontani dal modello tipo di marketing turistico, ma meritevoli di essere visitati e vissuti in tutte le loro sfaccettature (dalla geologia al paesaggio ma anche cultura e tradizioni).
Per questo la rete sentieristica può rappresentare un’inedita e profonda esperienza di “viaggio” culturale, storico, ambientale ed estetico.

La tutela del patrimonio naturale, culturale e storico rappresenta per la Sardegna un obiettivo di primaria importanza. Il vasto e diversificato territorio della nostra Isola è ricco di emergenze di particolare pregio naturalistico e culturale. Un ingente patrimonio ambientale, ricco di fascino, dai paesi costieri a quelli dell’entroterra, rinomati per le loro produzioni di pregiate specialità alimentari e non solo. Un patrimonio tutto da valorizzare con percorsi tematici e una rete coerente che unisca i quattro angoli della Sardegna con il centro attraverso un intreccio di percorsi che ci guidano all’interno delle aree protette, dove le misure di salvaguardia ambientale si fanno più restrittive, nei luoghi storici e della memoria accompagnati da un impronta antropica molto più evidente, alle zone selvagge ricche di ambienti sorprendenti e straordinariamente belli dal fortissimo mix di profumi che la natura incontaminata offre a chi osa oltrepassare la soglia del surreale. I sentieri diventano così un luogo di conoscenza in grado di farci rivivere da protagonisti le vicissitudini storiche, la cultura, le usanze, le tradizioni enogastronomiche, le peculiarità ambientali del territorio.

I sentieri, per un territorio come la Sardegna, rappresentano un patrimonio di notevole importanza sotto diversi punti di vista quali: fruizione turistico-escursionistica, naturalistica e culturale, tutti utili per promuovere e valorizzare le aree interne che hanno risentito notevolmente dello sviluppo pressante delle aree costiere.

Il recupero e la manutenzione dei percorsi tematici garantiscono una corretta e continua gestione dei territori e al tempo stesso possono costituire un’attività integrativa per le popolazioni che risiedono in queste zone.

Progetti e obiettivi
Uno dei progetti strategici che l’Ente Foreste intende portare avanti riguarda la misura 4.14-sentieristica del POR Sardegna all’interno del quale la Regione Sardegna individua per l’azione b “Valorizzazione ecologico sociale del patrimonio naturalistico e rurale” che prevede interventi diretti al ripristino della sentieristica rurale, ivi comprese la realizzazione di piccole opere (messa in sicurezza dei tracciati, segnaletica, punti di sosta, recupero sorgenti, ecc. ), finalizzati ad assicurare direttamente la massima fruizione ecologico sociale del patrimonio naturalistico, l’Assessorato dell’Ambiente quale Amministrazione responsabile e come beneficiario proprio l’Ente Foreste a cui è richiesta la redazione di un programma unitario, condiviso e integrato che tracci il percorso tecnico amministrativo.

Attraverso la misura 4-14 l’E.F.S si impegna a:
- Progettare e realizzare una rete articolata e organica di sentieri per la fruizione delle foreste
- Sentieri esistenti-Rete ecologica-Sistemi locali
- Realizzare un’immagine coordinata
- Cooperazione EE.LL.-Associazioni-Imprese
Attraverso il recupero e la valorizzazione della rete sentieristica regionale si vuole rilanciare una serie di attività legate allo sviluppo locale e alla protezione dell’ambiente utili a promuovere e sponsorizzare anche le aree interne.
Il programma di interventi previsto con la misura 4.14-sentieristica deve essere strettamente connesso con:
a) misura 4.14 a “progetti locali”
b) misura 1.5 rete ecologica locale
c) accordo di programma quadro “sviluppo sostenibile”
d) progettazione integrata
L’obiettivo prioritario riguarda il coinvolgimento attivo delle amministrazioni locali interessate ed eventuali consorzi, con particolare riferimento ai territori in cui sono in atto progetti di sviluppo territoriale diretti alla valorizzazione di beni e risorse locali, nei confronti dei quali gli interventi dovranno garantire la necessaria complementarietà e coerenza.
Operativamente l’Ente Foreste, deve promuovere la concertazione del programma con gli Enti Locali individuati dalla delibera o anche integrati con aree già gestite al fine di favorire l’inserimento degli interventi nelle azioni di sviluppo del territorio.
La delibera della Giunta Regionale n° 30/20 del 2.08.2007 individua i Comuni interessati al provvedimento; altresì l’Ente Foreste da parte sua intende inserire altri Comuni (riportati tra parentesi) collegati a quelli citati nella delibera della Giunta.
Di seguito si riporta l’elenco dei Comuni:
OGLIASTRA: Seui, Ussassai, Ulassai, Gairo, Osini, Talana, Urzulei;
GENNARGENTU: Desulo, Aritzo, Belvi Tonara (Fonni,Arzana, ,Oliena,Dorgali,Baunei);
SARCIDANO ALTA MARMILLA: Laconi;
MANDROLISAI: Meana Sardo, Sorgono, Austis, Teti (Tonara, Aritzo, Belvì);
SARCIDANO: Seulo, Sadali, Villanovatulo (Gadoni,Villanovatulo, Esterzili);
GUILCER: Sedilo;
BARIGADU: Bidonì, Sorradile, Nughedu S. Vittoria, Neoneli (Sedilo, Aidomaggiore, ,Soddì, Ardauli, Busachi);
BARONIA: Lodè (Osidda,Galtellì,Torpè, ,Siniscola,Orosei);
NUORESE: Lula, Onani;
IGLESIENTE: Buggerru, (Fluminimaggiore, Domusnovas, Arbus, Villacidro,Gonnosfanadiga);
MARGHINE: Bortigali, Silanus;
GOCEANO: Anela, Burgos, Esporlatu, Illorai, Baltei, Bono, (Bottida, Nule, Benetutti);
GERREI: Villasalto, (Soleminis, Sinnai, Burcei, Castiadas, S.Vito, Muravera, Armungia).
La collaborazione si inserisce nelle strategie della Giunta Regionale rivolte a promuovere la cooperazione fra gli enti e le agenzie che si occupano di sviluppo locale. Si tratta infatti di un programma organico e coordinato, teso a superare la frammentazione territoriale e i confini amministrativi. Particolare attenzione sarà rivolta alle diverse tipologie di sentieri e alla immagine coordinata.

 

 

 

Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...

24 Aprile 2024

Come disposto dalla DGR n° 10/71 del 23.04.2024 , la Regione ha pubblicato l’Avviso pubblico per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per...

11 Aprile 2024

Passi importanti nel bacino del Basso Flumendosa : Forestas ha posto in pre-accatastamento i tre nuovi percorsi tra Orroli e Nurri.

La RES cresce e raggiunge la parte centro-meridionale del Sarcidano-Barbagia di Seulo, un...

16 Aprile 2024
I GIORNI DEL GRIFONE NEL SUD SARDEGNA SONO ARRIVATI !

Nei giorni scorsi, sono finalmente iniziate le operazioni per il rilascio dei primi quindici grifoni nel sud Sardegna, a partire dalla base operativa presso il cantiere...

10 Aprile 2024

ANARF nel proprio sito ha reso pubblica la (proposta di) Carta dei Principi per la gestione sostenibile delle Foreste Demaniali che verrà discussa nel convegno del 12 Aprile 2024 organizzato a Roma in...

30 Marzo 2024

Altri 21 grifoni sono sbarcati nei giorni scorsi a Porto Torres provenienti dalla Spagna per diventare protagonisti del progetto LIFE Safe for Vultures , che mira ad assicurare la presenza e il benessere a lungo termine della...

28 Marzo 2024

Nella Strategia forestale dell’UE per il 2030 , la gestione forestale come un insieme di pratiche orientate a foreste multifunzionali - sia di conservazione della biodiversità e degli stock di carbonio , sia di...

28 Marzo 2024

Si svolgerà in Sardegna, tra Seneghe , Nuoro , Orgosolo e Bono - presumibilmente nel mese di maggio 2025 - con focus sulla gestione selvicolturale dei boschi a prevalenza di...