Battuta d'arresto al progetto Gipeto

09 Settembre 2008
Balente in volo nei monti del Gennargentu

Un sogno spezzato
“Il Gipeto non ha paura di volare”. Così, orgogliosi, scrivevamo qualche tempo fa, presentando le foto dei tre piccoli esemplari di Gypaetus Barbatus, reintrodotti in Sardegna dopo un’assenza durata circa 40 anni. Gli avvenimenti di questi giorni dimostrano che forse la paura di volare, di osare, di puntare in alto è proprio di noi sardi. Il progetto Gipeto non era soltanto (e non sarebbe comunque poco) figlio delle nuove politiche volte a tutela del nostro meraviglioso patrimonio naturalistico. Era soprattutto un’idea per esprimere la voglia di un cambiamento, che fosse culturale prima di tutto. In un mondo globalizzato che uniforma e cancella le differenze, restituire il Gipeto al Gennargentu era un modo per affermare, per gridare ad alta voce il valore della nostra storia, della nostra terra e delle nostre tradizioni. Per dare alle nuove generazioni quell’ottimismo, quella fiducia e quelle possibilità che portino a cercare di sfruttare il nostro patrimonio umano qua in Sardegna e non a scegliere la strada dell’emigrazione.

Adesso non ci resta che attendere che i tecnici dell’Istituto zooprofilattico stabiliscano le cause del decesso dei tre esemplari di “gutturju ossarju” o “Avvoltoio degli Agnelli” nome, quest’ultimo, che tanta disgrazia ha causato a questa specie notoriamente non aggressiva in quanto si nutre di midollo ed ossa di carcasse di animali. L’ipotesi più accreditata sembra essere quella dell’avvelenamento; questa possibilità era stata paventata e discussa alla presentazione del progetto considerato che il veleno è ancora utilizzato come rimedio estremo per prevenire i danni subiti dal bestiame ad opera delle volpi o dei cani randagi.

Il progetto segna una battuta d'arresto
Il 25 maggio 2008 sarà comunque una data da ricordare per tutti gli appassionati che hanno avuto la possibilità di vedere da vicino questi magnifici avvoltoi e di ammirarne la loro maestosità. Una giornata ricca di speranze per tutti quelli che ci hanno creduto ad iniziare dai bambini che con occhi rapiti seguivano in ogni minimo dettaglio le operazioni di rilascio. Una speranza che è continuata dopo circa un mese con l’involo del primo esemplare. È stato proprio Balente il primo a spiegare le ali; degno del suo nome ha iniziato le sue esibizioni davanti a tanti curiosi che col naso all’insù osservavano ammaliati il suo volo.

Il Gennargentu sembrava aver finalmente ritrovato i suoi compagni di avventura dopo quarant’anni di silenzio, un silenzio spezzato tra banchetti di carcasse di pecora e gli inconfondibili fischi di richiamo che, seppur per poco tempo, hanno animato le vallate. A soli tre mesi dall’inizio del progetto cala il sipario, anche se solo temporaneamente.

Rassegna stampa
Le parole del fotografo naturalista Domenico Ruiu, tratte dal quotidiano "la Nuova Sardegna" [file .pdf]
"Progetto Gipeto, ancora una volta prevalgono gli egoismi" [file .pdf]

Condividi:

Notizie ed eventi

14 Aprile 2021

La conferenza finale di INCREDIBILE si terrà online nelle giornate del 15 e 16 aprile 2021 .

Esplorerà e racconterà i risultati del progetto con un'enfasi speciale sulle iniziative chiave e sui ...

15 Aprile 2021

L’ Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Agenzia Forestas è operativo, sperimentalmente da oggi, anche su WhatsApp e TELEGRAM .

In questo particolare momento in cui l’accesso negli uffici è limitato, in applicazione dei protocolli anti-...

13 Aprile 2021

Forestas sta selezionando un biologo/naturalista esperto in pesca sportiva “ catch and release ” (C&R) per attuare un progetto di Tutela e gestione dei rifugi genetici della trota mediterranea in Sardegna

13 Aprile 2021

Si tratta di un ordinario taglio programmato di alcune piante pericolanti, programmato ed indifferibile per la sicurezza dei fruitori, come spiega l'Agenzia all'utente che aveva richiesto chiarimenti con una documentata segnalazione...

08 Aprile 2021

Nonostante l'emergenza Covid-19, è ripartito il 7 aprile il progetto " la Scuola nel Bosco " promosso da Forestas, Istituto scolastico e Comune di Dolianova...

06 Aprile 2021
SPLENDIDI PAESAGGI VENTOSI

Regione storica del Monte Acuto . Qui sughero e granito hanno rappresentato per anni la fonte economica di maggior rilievo: il territorio è ricco di boschi di leccio e principalmente querce da sughero...

03 Aprile 2021

Divieto di assembramento ed altre prescrizioni statali e regionali per il lockdown pasquale 2021 comportano in ogni caso l'impossibilità di fruire delle aree forestali demaniali destinate alla sosta e ai pic-nic dal 3 al...

30 Marzo 2021

Anche in Sardegna gli alberi di leccio ( Quercus ilex L.) sia nel verde pubblico che privato sono soggetti ad attacchi fungini che producono cancri corticali e decadimento strutturale del fusto: nei casi più...

29 Marzo 2021

Il 10 marzo 2021 è stato siglato tra le Agenzie regionali Forestas e Agris un accordo di collaborazione tecnico-scientifica per un progetto integrato, costruito grazie alle riunioni del Tavolo Tecnico per la difesa...

29 Marzo 2021

In questa pagina si rende disponibile la documentazione relativa a due ulteriori Piani Forestali Particolareggiati: quello del Supramonte ( Montes , Orgosolo) e di Is Cannoneris ( Gutturu Mannu , Domus de Maria e Teulada)...

23 Marzo 2021

Da ricercatori italiani nuovi dati sulla tossicità del piombo su rapaci trovati morti in tutta Europa: forme gravi di avvelenamento, note con il nome di saturnismo , ...

22 Marzo 2021

Il valore dell'acqua è molto più del suo prezzo : senza una chiara visione del valore multidimensionale dell'acqua, non saremo in grado di salvaguardare questa risorsa fondamentale a beneficio...