Simposio internazionale sul Saturnismo e rischi sanitari da piombo sulla fauna selvatica

06 Ottobre 2015
Avvoltoio degli agnelli adulto e giovane

Importanti conclusioni emergono dal Simposio internazionale sul problema del saturnismo (organizzato nell'ambito del progetto LIFE 13 (NAT / IT / 000093 GypHelp - Riduzione delle minacce umane che incidono sulla popolazione alpina di Gipeto - Gypaetus barbatus)

Le condizioni del Gipeto sulla catena Alpina
Il Gipeto (Gypaetus barbatus) è una delle specie più minacciate in Europa ed è classificato dalla IUCN come specie "in pericolo critico".
Reintrodotto nelle Alpi a partire dal 1986, grazie ad uno dei progetti di conservazione più ambiziosi ed importanti in Europa, il Gipeto sta lentamente colonizzando l’areale alpino.
Tuttavia l’espansione della specie è condizionata da alcune criticità quali la bassa densità e, soprattutto, l’isolamento genetico rispetto alle altre popolazioni Europee (dei Pirenei in particolare).
Le operazioni annuali di reintroduzione, a partire da individui allevati in cattività, hanno portato ad una consistenza attuale di ventiquattro coppie riproduttive (conosciute) e un numero di circa 250 individui nell’arco alpino.
L'equilibrio, tuttavia, resta fragile e una eccessiva mortalità degli adulti potrebbe rapidamente invertire la lenta tendenza espansiva della popolazione.

Il progetto life GypHelp
Per ovviare alle principali criticità (derivanti dalle attività umane) che limitano la sopravvivenza dei Gipeti, in particolare nelle alpi francesi, è stato realizzato il progetto GypHelp finalizzato a ridurre i rischi di mortalità legati soprattutto alle collisioni con cavi aerei (elettrici, seggiovie, funivie ecc.) e ad assicurare un incremento della popolazione.
Vengono affrontate anche altre criticità, in particolare quelle legate all'introduzione nell’ambiente di sostanze tossiche per queste specie, tra le quali il piombo derivante dalle munizioni da caccia.

L’avvelenamento da piombo
L’avvelenamento da piombo causa una patologia conosciuta con il nome di saturnismo: si tratta di un problema tossicologico che può causare effetti nefasti alle popolazioni di animali necrofagi (come gli avvoltoi). Purtroppo l’organismo di queste specie è estremamente sensibile a qualsiasi tipo di inquinante presente in ambiente.
Succhi gastrici con elevata acidità consentono la digestione di alimenti altrimenti indigeribili - nel caso del gipeto le ossa (non a caso in Sardegna era conosciuto con il nome di gutturju ossarju o altre varianti del nome che comunque individuano questa predilezione alimentare).
L’intossicazione è dovuta all’ingestione di frammenti di piombo, in genere presenti nelle interiora, nei muscoli o nelle ossa di animali cacciati con munizioni al piombo.
Gli effetti sull’organismo sono più o meno gravi e variano secondo la quantità di piombo assorbita: i sintomi consistono in:
- indebolimento dell’animale,
- cecità,
- diarrea verde (marker della patologia) e perdita di peso per difficoltà alimentari;
- disordine neurologico e problemi comportamentali, fino alla morte.

Molti casi di morte o ferimenti da impatti contro ostacoli aerei da parte di uccelli rapaci adulti, sono probabilmente da attribuire a questo tipo di patologia, come documentato da numerosi studi.

Un caso simbolo
Effetto tipico dell’uso delle munizioni al piombo sull’ambiente è quello del Condor della California (Gymnogyps californianus): si tratta di una specie tuttora a rischio di estinzione, che proprio per l’avvelenamento derivante dal piombo ha raggiunto (nel 1986) il limite dell’estinzione (22 esemplari in cattività, nessuno allo stato libero).

A seguito di un costoso progetto di conservazione - grazie alla riproduzione in cattività e al bando delle munizioni al piombo - la specie si è ripresa ed attualmente sono presenti circa 500 individui.

Il simposio ad Annecy
Al fine di confrontare varie esperienze europee sul problema dell'avvelenamento da piombo nei vulturidi si è tenuto, il 28 settembre 2015 ad Annecy (Alta Savoia) un interessante simposio internazionale sul problema del saturnismo.
All’incontro hanno partecipato studiosi, rappresentanti delle associazioni venatorie francesi e tecnici che si occupano della conservazione dei vulturidi in Europa.
Il tema del saturnismo, che ha già causato almeno sei casi documentati di intossicazione sui gipeti alpini, è stato affrontato da diversi punti di vista: gli esperti hanno presentato lavori di ricerca e relazioni su tematiche quali:
- incidenza della patologia nelle varie specie di rapaci;
- aspetti sanitari che interessano anche il consumo umano di carne da cacciagione;
- rilevamento del piombo negli animali intossicati (esami su sangue, tessuti, penne, feci);
- aspetti normativi (comunitari e nazionali) che regolano l’utilizzo delle munizioni al piombo.

Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

10 Luglio 2019

Sono stati pubblicati in Albo pretorio, gli avvisi di integrazione delle commissioni con i componenti esperti in Lingue straniere ed Informatica...

09 Luglio 2019

Si comunica che la procedura di formazione della graduatoria con assegnazione dei mezzi dismessi prevede una fase preliminare di verifica dei requisiti dei partecipanti, che si spera di poter espletare ...

03 Luglio 2019

I tecnici dell'Agenzia hanno illustrato agli amministratori del Comune di Fonni il  progetto della Rete ciclo-Escursionistica, portata avanti da Forestas con i fondi U.E. (POR) a valle della Programmazione...

01 Luglio 2019

A tre anni dalla reintroduzione dei mufloni sul Limbara, operata nel maggio 2016, l’ultimo censimento con osservazione da punti di vantaggio risale al periodo 27-30 maggio 2019 e ci rivela una...

01 Luglio 2019

Forestas ed Uni.Nuoro organizzano l’incontro di presentazione del programma Open Innovation Challenge (OIC) del progetto INCREDIBLE (Innovation Networks of Cork, R...

27 Giugno 2019

Pubblicate le convocazioni dei candidati impiegati ammessi alla prova orale nelle selezioni per la copertura di 5 posti con profilo amministrativo e 8 posti con...

27 Giugno 2019

Da alcuni anni gli interventi del cantiere forestale di Gusana hanno previsto il recupero e la ri-naturalizzazione delle sponde del lago, anche attraverso l'estensione della vegetazione basata...

26 Giugno 2019

In queste settimane sono stati abbattuti circa 200 alberi nella pineta litoranea di Arborea attaccata da un parassita (Tomicus destruens). La squadra di FoReSTAS, coordinata dal responsabile...

15 Giugno 2019

Il progetto INCREDIBLE finanzia Open Innovation Challenge (OIC) che selezionerà  le cinque più innovative idee di business per aumentare il valore ambientale, economico o sociale dei Prodotti Forestali...

14 Giugno 2019

Il tema della qualità del sughero e della sua valutazione in campo è stato al centro del congresso di Lisbona (Portogallo) nei giorni 6 e 7 giugno 2019.

13 Giugno 2019

Tra fine maggio e inizio giugno sono stati ospitati ed accompagnati dall'Agenzia Forestas nei boschi di maggior pregio, tra le foreste demaniali sarde: un appuntamento ormai tradizionale per gli...

05 Giugno 2019

Come previsto nell’Avviso Pubblico Cessione Veicoli Fuori Uso del 14.05.2019, a partire dalla data di pubblicazione dell’ Elenco ordine cronologico di arrivo delle domande di assegnazione (pubblicato in data odierna) saranno...