C.A.R.F.S. di Monastir

Avvoltoio grifone e corvo imperiale

l Centro si occupa del recupero della fauna selvatica, dell’allevamento della pernice sarda e dell’allevamento sperimentale della quaglia selvatica.
L'attività sanitaria svolta consiste nella cura e nel ricovero di animali selvatici che provengono principalmente da areali della provincia di Cagliari e parte della provincia di Nuoro. Il centro è dotato di strutture per il ricovero, talune delle quali includono zone umide da destinare agli acquatici. Gran parte dell’attività sanitaria consiste nella terapia chirurgica e medica e nel successivo graduale recupero. I selvatici vengono sottoposti ad esami sierologici in numero statisticamente significativo ai fini del monitoraggio sulle principali malattie che colpiscono i selvatici.
L'allevamento è finalizzato alla riproduzione della Pernice sarda (Alectoris barbara) in tutto il suo ciclo a scopo di ripopolamento degli areali a rischio. In collaborazione con l’Istituto Nazionale della Fauna Selvatica e l’Istituto Regionale della Fauna Selvatica è in corso, a livello sperimentale, un progetto per l’allevamento della quaglia selvatica per la produzione di individui geneticamente puri.  

Il centro è aperto tutti i giorni, festivi inclusi
orario: 7:30-15:40
telefono: 070.9165108 

Contatti

Veterinario
Responsabile Centro Allevamento Recupero Fauna Selvatica Monastir
Telefono:
070 9165108, 320 4331076
Cellulare: 320 4331076
Condividi:
Scheda
Servizio di appartenenza:
Tipo struttura:
Indirizzo:
Italia
Approfondimenti

Contenuti correlati

Potrebbe interessarti anche:

  • Da Monte Moro si può ammirare uno dei panorami più suggestivi della Gallura, vista sulla costa di Porto Cervo, area di notevole interesse naturalistico e turistico.
  • La storica (vecchia) vedetta di Minniminni (in Comune di Castiadas) del complesso forestale Settefratelli ( importantissima per il territorio) è stata dismessa perché i campi...
  • Questa postazione di avvistamento, sita in comune di Sinnai , appartiene dal punto di vista gestionale al Complesso Forestale di Settefratelli . Lo sguardo della vedetta spazia su...
  • Domina il territorio spaziando dalla bassa Gallura all'altopiano di Buddusò, protegge e sorveglia l'ambito forestale del Monte Lerno di Pattada . Da quassù si dominano anche:...
  • Punta Secco si trova a 998m di quota, è un punto di osservazione della vedetta antincendio. Il panorama che si può godere spazia a 360° con le vette delle montagne e i paesaggi...
  • Si trova all’interno del territorio comunale di Gairo (OG). Altitudine m. 1211 s.l.m Visuale: spazia dalla costa ogliastrina ai Tacchi, alla valle del Pardu e sino al Gennargentu.
  • La vedetta domina gran parte dell'angolo sud-orientale dell'Isola: Punta Serpeddì e l'abitato di Burcei , i Settefratelli , Geremeas , Monte Paulis, Flumini , Quartu , Selargius...
  • Questa postazione di avvistamento protegge l'area del lago Posada, estremità sud-orientale del Parco Naturale Regionale di Tepilora, in comune di Lodè .
  • L'autoparco è il centro logistico per la gestione degli automezzi dell'Ente Foreste nel centro Sardegna.