Legno sardo per edifici sostenibili: 2° aggiornamento sul progetto

01 Dicembre 2010
PROGETTO LEGNO dettaglio di sequenza e possibilità tagli nel tronco

Al sopralluogo hanno partecipato, oltre alla delegazione austriaca, anche le università di Cagliari (dipartimento di Ingegneria strutturale) di Sassari (facoltà di Architettura di Alghero e Scienze Forestali di Nuoro) e di Firenze (facoltà di Scienze Forestali - dipartimento di Tecnologia del Legno).
 

Oggetto della Ricerca

Il progetto, finanziato con circa 100.000 Euro in un triennio, è finalizzato allo sviluppo di edifici sostenibili mediante l’uso di legno sardo tramite una Ricerca sulle possibilità offerte dal legno sardo nelle costruzioni, partendo dalle costruzioni civili più semplici (edifici ad uno o due piani) tipici dell’edilizia economica e popolare, per arrivare in un futuro ad applicazioni più impegnative come edifici a tre e più piani, piccoli ponti stradali e passerelle pedonali.
Attualmente è in corso il reperimento dei provini da testare nel laboratorio dell'Institute for Timber Engineering and Wood Technology (Università di Graz) secondo specifiche tecniche per il reperimento e la prima trasformazione del materiale

Stato di avanzamento del progetto

Sono state svolti i sopralluoghi ad alcune segherie e popolamenti di conifere dell’Ente Foreste, in particolare a:
- Monte Pisanu (complesso del Goceano) dotato di una segheria e boschi di varie tipologie;
- Monte Idòlo (complesso Perdas) dotato di segheria mobile su vari rimboschimenti;
- Pixinamanna (complesso forestale Gutturu Mannu) dotato di una segheria e boschi di varie tipologie.
I ricercatori hanno esaminato alcuni tronchi e materiale segato di Pino Marittimo proveniente dai diversi popolamenti individuati dai forestali dell'Ente a seguito dell’elaborazione di dati dei Servizi Territoriali: dall'osservazione del materiale e mediante alcune misurazioni ultrasoniche è possibile desumere alcune approssimative indicazioni sulla qualità del legname da utilizzare a scopi strutturali; in ogni segheria oggetto di visita sono stati numerati e misurati cinque tronchi, i cui dati saranno registrati in apposite schede. Tre dei tronchi tagliati sono poi stati sezionati per ottenerne tavole di definite dimensioni.

Modalità di reperimento e taglio dei tronchi

Sono stati individuati cartograficamente i popolamenti di Pino Marittimo con diametro medio minimo di 22 cm (ad 1,30 metri da terra) e una densità minima di circa 800 piante per ettaro: tali spazi sono stati delimitati fisicamente con segni rossi sui fusti su un'area circolare di 1000 metri quadrati (raggio di circa 18 m).
In tali regioni delimitate, si sono individuate le migliori 5 piante da tagliare, tali da fornire un tronco dritto con diametro minimo di circa 22 cm e lunghezza di almeno 3 m: abbattute le piante, sramate e misurate per registrarne la lunghezza totale sino al cimale di 10 cm di diametro ed i relativi diametri (ogni 1,50 m dalla base).
Sezionati in tronchi di 3 m di lunghezza e diametro minimo di 22 cm, si è indicato in apposite schede il numero identificativo del tronco (se due tronchi vengono dalla stessa pianta, si aggiungere un ulteriore codifica) i caratteri stazionali dei diversi siti di taglio e le caratteristiche dei popolamenti.

Per la lavorazione dei tronchi in segheria, si è misurato il diametro di base e di testa di ogni tronco e registrato i dati in apposite schede, procedendo in una unica direzione alla lavorazione dei tronchi per produrre tavole di spessore pari a 4 cm, su ciascuna delle quali verranno segnati in modo indelebile e visibile da qualsiasi posizione anche in catasta, l’identificativo del tronco originario, e il numero romano relativo alla progressione di taglio (I, II, III etc.).
Infine le tavole vengono accatastate in modo da ricostruire il tronco avendo cura di inserire regolarmente distanziati 3 spessori di 2 cm tra una tavola e l’altra
Le tavole così segnate saranno visionate e successivamente verranno lavorate (senza rimuovere i codici identificativi) per ricavare i provini da testare sperimentalmente in laboratorio. Le tavole di due dei 5 tronchi saranno refilate a spigolo vivo con le seguenti dimensioni: spessore di 4 cm, larghezza di 14 cm e lunghezza di 270 cm.

Prove sperimentali

Le prove sperimentali, che si svolgeranno presso il laboratorio dell'Università di Graz, saranno prove a trazione su tavole lignee.
L’obiettivo di tali prove è ottenere una prima indicazione sulle proprietà meccaniche del materiale, così da poter valutare la possibilità di utilizzo del legname locale focalizzando poi la ricerca e la sperimentazione su alcuni prodotti derivati del legno (es. legno lamellare, legno lamellare incrociato).
I risultati sperimentali metteranno inoltre in evidenza la necessità o meno di intraprendere per la specie legnosa in esame una più ampia campagna sperimentale finalizzata esclusivamente alla classificazione e alla caratterizzazione fisico-meccanica della stessa.

Categoria:
Tags:
Condividi:

Notizie ed eventi

30 Settembre 2020

Concluso l'iter di valutazione delle richieste dell'ACI per lo svolgimento dell’evento sportivo motorizzato in programma dal giorno 8 al 11 ottobre 2020 . L'atto di assenso è stato condizionato al rispetto di alcune prescizioni,...

29 Settembre 2020

In data odierna è stato pubblicato l' elenco delle DOMANDE AMMESSE con riserva per la partecipazione...

22 Settembre 2020

Sono state completate le prime due fasi della complessa progettazione (rilievi sul campo e cartografici, esecutivi dell'intervento) e si sta avviando l'iter autorizzativo ambientale-paesaggistico e nei cantieri Forestas...

18 Settembre 2020

Ad agosto è stato approvato il Piano forestale particolareggiato (PFP) della Foresta Demaniale di Is Cannoneris . Qui spieghiamo gli obiettivi e gli orientamenti gestionali, con qualche dato ed un cenno alle...

17 Settembre 2020

La pagina informativa contiene alcuni dettagli sul procedimento, ed informazioni sull'iter e su come i proprietari possono contattare Forestas, specie nel periodo CoViD con le relative restrizioni di accesso agli uffici...

17 Settembre 2020

Il Comune di Galtellì organizza, insieme a Foretas e Club Alpino, una giornata per presentare la variante del Sentiero Italia ipotizzata in seno al tavolo territoriale nuorese per la Rete Escursionistica della Sardegna (RES)...

16 Settembre 2020

Sulle scritte minacciose ai sindacalisti delle organizzazioni FLAI e FAI Il commissario straordinario e la Direzione Generale di Forestas esprimono solidarietà e condannano ogni forma di violenza...

15 Settembre 2020

Avviati anche gli interventi di completamento della Rete dei Sentieri nel Supramonte di Oliena, finanziati dal POR-FESR: dopo i rilievi, la progettazione e l'iter autorizzativo durati oltre un anno, gli operai hanno iniziato i lavori a giugno...

11 Settembre 2020

Nella mattinata del venerdì 11 settembre 2020 sono stati rilevati problemi ai server, che hanno reso impossibile raggiungere alcuni contenuti e sezioni informative del sito istituzionale, tra cui l' Albo Pretorio on-line ed altre...

04 Settembre 2020

Completate le prime tre fasi della complessa progettazione (rilievi sul campo e cartografici, progettazione, iter autorizzativo ambientale-paesaggistico) nei vari complessi forestali ci si prepara per la realizzazione degli...

04 Settembre 2020

L’Agenzia Fo.Re.S.T.A.S. sta trattando con il massimo rigore il caso dell’operaio coinvolto nelle indagini contro incendiari e bracconieri. In attesa del giudizio della magistratura, è stato cautelativamente sospeso dal...

03 Settembre 2020

Anche quest’anno, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, sono arrivate in Sardegna, liberate dall'ISPRA e volano già nei nostri cieli altre 7 aquile di Bonelli , che per il terzo anno consecutivo ...