Linas

Monte Linas

La foresta di Linas è stata acquisita come proprietà demaniale da privati. Si trova nel cuore del territorio del M. Linas, che con i suoi 1236 m s.l.m.m. rappresenta il complesso montuoso più alto del territorio del Campidano.

Il Massiccio del M. Linas è in gran parte di formazione granitica, ed è costituito da tre principali vette: Punta Perda de sa mesa (1236m. s.l.m.m.), Punta Cammedda (1186m s.l.m.m) particolarmente suggestiva per i roccaforti rocciosi che la caratterizzano e per la presenza di un relitto di tassi, e infine Punta sa Cabixetta (12020 m s.l.m.).
Il territorio del Linas è sempre stato, fina dai tempi antichi sfruttato per le sue risorse: il legnatico, il pascolo e la caccia. Sono presenti ancora oggi i resti di capanne o edifici costruiti per permettere queste attività, la sede del cantiere è stata ricava dalla ristrutturazione del vecchio Ovile Linas utilizzato dai caprari che vi soggiornavano tutto l’anno per il governo del bestiame.
Tutto il territorio è percorribile grazie a diversi sentieri segnati e tracciati dal CAI che permettono di fruire il territorio e ammirare le bellezze naturalistiche.

Inquadramento geografico:
Provincia: Medio Campidano Comune: Gonnosfanadiga Superficie: 812 ettari
Aspetti vegetazionali:
La foresta è caratterizzata dalla presenza di boschi principalmente di leccio per la maggior parte della sua estensione, a cui si associano la fillirea e il corbezzolo. In alcune porzioni del territorio sono presenti delle aree rimboschite a pino radiata, impiantate intorno agli anni 70 dalla Società Marsilva. Sono inoltre presenti delle aree caratterizzate dalla tipica macchia a foresta con un netta prevalenza del corbezzolo, associato al leccio, all’erica, alla fillirea e al ginepro. Nelle aree cacuminali la vegetazione è quella tipica della gariga caratterizzata dalla presenza di numerose specie arbustive quali il timo, l’elicriso italico e quello endemico del Monte Linas, le ginestra , la betonica fetida ed altre specie che, durante il periodo primaverile, sono particolarmente suggestive per i colori e i profumi.
Aspetti faunistici:
La zona ospita numerose specie animali. Sono presenti il cinghiale, la volpe, il gatto selvatico, la lepre sarda, la donnola, il riccio e più raramente la martora. In questi luoghi abitano un elevato numero di uccelli tra cui la ghiandaia, il gheppio, la poiana, la pernice, il falco pellegrino, lo sparviero ed alcuni esemplari di aquila reale che tendono a nidificare sulle cime più alte e meno accessibili, e ancora animali rari come il cervo sardo, il muflone e il geotritone.
Come si raggiunge:
Dal paese di Gonnosfanadiga si procede verso la chiesa di Santa Severa, situata all’uscita del paese. Lasciando la chiesetta sulla sinistra si prosegue sulla strada principale che per un breve pezzo è asfaltata e poi diventa sterrata. Proseguendo per circa , attraverso i numerosi torrenti si giunge all’ Ovile Linas, sede del cantiere. L’accesso al cantiere avviene attraverso una strada sterrata in certi punti particolarmente tortuosa e che dal paese di Gonnosfanadiga sale all’Ovile Linas a 724 m. s.l.m.m., in passato utilizzato dai pastori ed oggi utilizzato come sede del Cantiere Forestale.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Potrebbe interessarti anche:

  • Il massiccio del Monte Traessu è formato da rocce basaltiche ed è ricco di gole, dirupi e grotte. Nella zona sono presenti numerosi esemplari di sughere e roverell
  • Questo compendio, noto anche come Padru-Sotza, è accessibile a 4 km dal centro abitato di Padru, ricade nel Bacino Idrografico del Padrongiano e afferisce al Complesso Forestale...
  • La foresta di Terranova, demaniale a partire dal 1965 con l’acquisizione dei terreni di proprietà comunali utilizzati in passato dalla popolazione locale ad usi civici. Ricade...
  • La Foresta Demaniale occupa i territori del monte Orri e quelli circostanti la miniera di Rosas che a metà dell'Ottocento ottennero la terza (in ordine cronologico) concessione...
  • ll Cantiere di Castelsardo si affaccia sulla valle del Coghinas e sullo splendido Golfo dell'Asinara dalle cui vette è possibile ammirare tutta la costa da Capo Falcone fino a a...
  • Inserita in un contesto litoraneo di grande valore ambientale e paesaggistico è rappresentata da una suggestiva area prospiciente al mare da dove si può ammirare il litorale sino...
  • L’area di Bèrchida è caratterizzata da due insediamenti rispettivamente nuragico e medievale e un tafone sottoroccia che fanno della valle un luogo dotato di un fascino unico.
  • Il cantiere iniziò la sua attività nel 1974 su superfici particolarmente degradate dopo gli incendi che sconvolsero la zona verso la fine degli anni '60. Si può ammirare dalle sue...
  • Il cantiere forestale “S. Antonio” è situato nel Comune di Macomer, nella cartografia I.G.M. SC. 1:25000 ricade nei fogli 498 sez. – III di Macomer. La superficie totale è di Ha...
  • La foresta di Montes ospita una lecceta d'alto fusto plurisecolare unica nel bacino del Mediterraneo per estensione, fisionomia, caratteristiche ecologiche e paesaggistiche.
  • Il Monte Arrubiu-Casargius ed il Monte Genis si sviluppano tutti lungo l'asse Ovest-Est del perimetro forestale. La quota più elevata è Monte Genis con una altitudine di 979 mt s...
  • La zona di Montresta in cui è ubicato il cantiere forestale ha un buon interesse ambientale, valenza conferitale dagli aspetti paesaggistici e dalla presenza di diverse specie...