Vivaio S.Giovanni Eltili (Baunei)

Storia ed utilizzo del vivaio

Il vivaio forestale conservazionistico, noto anche come vivaio di San Giovanni, è ubicato nel comune di Baunei e ricade all'interno del cantiere forestale Eltili.
Realizzato verso la metà degli anni '50, periodo in cui quanto buona parte della zona era interessata da lavori di sistemazione idraulica forestale, necessari per il consolidamento dei terreni ed evitare ulteriori dissesti erosivi a causa delle acque dei vari torrenti laterali che apportavano nel torrente principale rio Eltili imponenti masse d’acqua che si riversavano con alluvioni periodiche nella piana di Aradali (territorio di Triei). Questo vivaio era "provvisorio" e finalizzato a soddisfare le esigenze di rimboschimento della zona. Complice una buona esposizione ed un microclima particolare, ha poi permesso di sviluppare la produzione di varie specie provenienti dalle numerose fasce fitoclimatiche dei rimboschimenti.
Dagli anni 2000 è passato alla gestione Ente Foreste e dopo un riordino organizzativo il vivaio è diventato di tipo conservazionistico. grazie alla vicinanza al Sito di Interesse Comunitario "Golfo di Orosei". 

Il territorio

Si tratta di uno dei siti di maggiore interesse per la presenza di un elevato numero di specie endemiche e rare, lungo la fascia litoranea e nelle falesie, ma anche nelle aree interne alle quote elevate.
Monte Tului è il locus classicus della Genista toluensis. Le falesie sono caratterizzate dalla formazioni di scogliere e rupi marittime delle Chritmo-Limonietea, con abbondanza di Seseli bocconei, che si eleva sino ad alta quota anche oltre l'influenza dell'aerosol marino. L'area rappresenta anche il luogo classico del Brassicion insularis e del Centaureo filiformis-Micromerion cordatae tipici delle falesie basiche della Sardegna costiera.
Il paesaggio vegetale è dominato dalle boscaglie sempreverdi con Juniperus phoenicea in ampi tratti in forma arborea e dalle leccete con diversa composizione e diverso stadio evolutivo. Lungo le codule, particolarmente negli sbocchi a mare lungo i corsi d'acqua sono le formazioni a Nerium oleander a costituire l'elemento più vistoso del paesaggio vegetale. La macchia si estende su ampie superfici alternata alle garighe a Rosmarinus officinalis, Anthyllis hermanniae, Genista toluensis e Genista corsica.

 

Contatti

Capo Vivaio
Cellulare: 320 4331235
Responsabile Complesso
Direttore Lavori
Sostituto del Direttore del Servizio
Telefono:
0782 490731
Cellulare: 328 0281428
Responsabile Ufficio Tecnico Lanusei
Telefono:
0782 490720
Cellulare: 328.0281554
Condividi:
Scheda
Servizio di appartenenza:
Tipo struttura:
Indirizzo:
Italia

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Sito nella stessa grande area in prossimità della struttura inaugurata nel 1960 e che ospita anche il vivaio forestale, gli uffici vendita delle piantine ed attualmente anche gli...
  • Il vivaio ha un'estensione di 1,8 ettari. Ubicato nel comune di Talana in località Mortu Mele, a circa 1.000 metri s.l.m. Gli endemismi attualmente presenti in vivaio sono:...
  • Splendido panorama sulla costa e la formazione rocciosa denominata La Piramide
  • Obiettivo di questo vivaio è la conservazione delle specie vegetali tipiche dell’ habitat dunale . Attivare una sezione per la conservazione e propagazione di alcune specie...
  • E' situato in agro di Olmedo, lungo la strada Sassari-Fertilia, all’interno dell’Istituto Zootecnico Caseario della Sardegna a circa 27 Km. da Sassari.
  • Comune: Badesi. Provincia Olbia –Tempio, referente: Guido Bellinzis (cell. 3204331165)
  • La vedetta, sita in territorio di Tula al confine con Erula, domina la vallata con sguarda sulla catena del Limbara, su Tempio, Erula e territorio di Bortigiadas.
  • Il centro, che si trova all'interno della foresta demaniale di Castiadas , si occupa di un programma di allevamento e ripopolamento della Lepre sarda sarda ( Lepus capensis...
  • Questa vedetta è sita, come quella di Gonare, nei pressi di un'omonima chiesetta campestre di montagna. Nostra Signora de su Monte sta infatti in agro di Fonni , ed è (insieme...
  • La vedetta è raggiungibile attraverso un percorso che parte dalla borgata di Tiria ; lungo il tragitto, nelle vicinanze: il nuraghe Bau mendula ,i basalti colonnari di Is Aruttas...