Riparte la collaborazione tra Ente Foreste e CAI Sardegna

22 Ottobre 2015
Foresta Settefratellli, campagna di rilievi per la manutenzione straordinaria del Sentiero ITALIA

Di cosa si tratta

Il protocollo di intesa firmato tra CAI (raggruppamento regionale Sardegna) ed Ente Foreste è basato sulla sostanziale vicinanza degli interessi perseguiti anche dal Club Alpino Italiano, verso il comune obiettivo di realizzare la valorizzazione della Rete Sentieristica, la sensibilizzazione e formazione dei cittadini, in particolare delle giovani generazioni, rispetto ai temi della tutela dell’ambiente e della pratica escursionistica.
Tra gli obiettivi dell'accordo rientrano: una pianificazione della viabilità escursionistica nei territori forestali, l'organizzazione della numerazione coerente e coordinata su base regionale, il presidio e la manutenzione dei percorsi, ma anche una programmazione degli interventi futuri, anche rispetto al ripristino ed alla segnatura.
La formazione e lo scambio della conoscenza saranno ulteriori cardini della collaborazione instaurata, anche attraverso l'organizzazione annuale di un seminario regionale della sentieristica che sarà un importante momento di verifica dello sviluppo e delle criticità della RES (Rete Escursionistica della Sardegna) e dello stato di avanzamento degli interventi di ripristino/infrastrutturazione/manutenzione, oltre che un confronto con le altre realtà nazionali, anche attraverso sinergie con gli altri Organi del CAI nazionale ed attori quali il Soccorso Alpino che pure si cercherà di coinvolgere per gli aspetti riguardanti la sicurezza.

Ruolo di Ente Foreste nel settore della Sentieristica regionale

Le attività istituzionali dell'Ente Foreste prevedono la valorizzazione delle aree gestite, anche attraverso il ripristino dei percorsi escursionistici e la corretta classificazione dei sentieri secondo standard nazionali.
Per questo motivo, ormai da un decennio, la struttura tecnica dell'Ente concorre alla valorizzazione della Rete Ecologica anche attraverso l'integrazione ed il recupero delle Reti Sentieristiche e dei Percorsi di Mobilità Dolce in ogni compendio gestito, come ben sanno gli escursionisti che amano la nostra Isola e la frequentano attraverso questi antichi (e spesso panoramici) percorsi.
In particolare, l'Ente Foreste ha intrapreso un complicato ma necessario cammino per sviluppare, anche attraverso fondi europei, le migliori tecniche di progettazione e di gestione del "ciclo di vita" dei percorsi, che oltre al ripristino degli antichi cammini e dei percorsi nel bosco, considera fondamentale la manutenzione dei manufatti (segnaletica inclusa) e la diffusione dei dati e delle informazioni anche attraverso opportune azioni di comunicazione (vedasi il progetto SardegnaSentieri.it, un catalogo web dei sentieri della Sardegna, tuttora in avanzata fase sperimentale). Una "filiera produttiva" ingegnerizzata, con la partecipazione di varie professionalità interne: operai, dottori forestali, biologi, informatici.
L'Ente Foreste intende inoltre fornire a tutti i soggetti interessati, i dati cartografici che derivano dall'attuazione dei propri progetti, nonché tutti gli ulteriori dati e informazioni di carattere ambientale ed escursionistico acquisiti sui tracciati dei sentieri (itinerari naturalistici) in progetto.
Questo avverrà anche attraverso la progressiva integrazione con i sistemi informativi della Regione Sardegna (in particolare attraverso un catasto regionale dei Sentieri nel SIRA - il Sistema Informativo Regionale dell’Ambiente).
La visione nel medio-lungo periodo prevede la pubblicazione e fruibilità attraverso il web, di tutte le informazioni di interesse escursionistico sui tracciati dei sentieri, attraverso il portale web regionale Sardegna Sentieri ma anche tramite apposite App per i dispositivi smarphone.
 

Ruolo del Club Alpino Italiano nel settore della Sentieristica regionale e nazionale

Il C.A.I. è un Ente di diritto pubblico non economico - ai sensi della Legge 26 gennaio 1963, n. 91 – nella sua struttura centrale, che ha sede a Milano. Opera in tutto il territorio nazionale anche ai sensi della Legge 24.12.1985, n. 776 - che tra gli altri compiti istituzionali gli attribuisce di provvedere al tracciamento, alla realizzazione e alla manutenzione dei sentieri ed all'organizzazione e gestione di corsi di addestramento per le attività connesse.
Fine ultimo del CAI è quello di promuovere la frequentazione della montagna in modo consapevole ed in sicurezza, in un rapporto equilibrato tra uomo ed ambiente e per un turismo montano sostenibile.
Il CAI è presente ed operante nell'Isola con il suo Raggruppamento Regionale CAI Sardegna e le tre Sezioni (Nuoro, Cagliari e Sassari) che sono soggetti di diritto privato senza scopo di lucro.
In Sardegna non è ancora presente una specifica Legge regionale: tuttavia in varie altre legislazioni regionali, al CAI è riconosciuto un ruolo specifico nella produzione di normative tecniche e nella formazione degli operatori in materia di sentieristica e viabilità minore.
 

I sentieri: un'opportunità di sviluppo turistico sostenibile per il nostro territorio

Un sentiero è, in breve, un percorso su fondo naturale tracciato dal frequente passaggio di uomini e animali, tra terreni, boschi o rocce ed è normalmente presente sia in pianura, che collina e montagna.
Dal punto di vista ambientale, questi percorsi rappresentano anche il migliore strumento per favorire il contatto con la natura, la consapevolezza delle nostre risorse ambientali, ma anche un utile strumento per gestire in modo sostenibile l'accesso dell'uomo in ambienti naturali sensibili e vulnerabili, salvaguardando preziosi endemismi e proteggendo gli habitat.
Così, grazie ad una rete di sentieri ben pianificata, si può ad esempio evitare il passaggio dei visitatori dove questo costituirebbe un disturbo (o peggio ancora, una minaccia) per flora e fauna.
Nel contempo attraverso una rete di sentieri si offre a tutti la possibilità di godere i benefici di una passeggiata più o meno lunga a contatto con la Natura.

Rete Sentieristica

La Rete sentieristica italiana consiste in circa 65.000 km di sentieri percorribili a piedi, che costituiscono l'ossatura di una pregiata infrastruttura per il turismo ed escursionismo sostenibile e compatibile con l'Ambiente: tra questi va citato il cosiddetto Sentiero Italia (Camminaitalia) promosso dal CAI e che congiunge le isole Italiane (Sardegna inclusa) con l'Appennino e le Alpi. Un itinerario che la rete televisiva CNN ha definito "il trekking più lungo del mondo" per la percorrenza di oltre 6000 km, dei quali il 9% (540 km, oltre 800 km considerando varianti e raccordi) si sviluppa in Sardegna: prevalentemente su crinali, attraversando quasi tutti i Parchi regionali, numerose Foreste Demaniali, parti meravigliose del nostro territorio, lungo boschi e muretti a secco, dalle formazioni granitiche di Capo Testa, attraverso gli stazzi galluresi, sino ai pinnetos del Supramonte, lungo le giogaie della Barbagia, sotto i Tacchi dell'Ogliastra e poi a sud fin oltre le punte dei Sette Fratelli.
La gran parte della attuale Rete Escursionistica della Sardegna (RES) ricade nei territori gestiti dall'Ente Foreste, inclusi numerosi tratti del citato segmento sardo del Sentiero Italia.
Sarà necessario ancora un lungo lavoro per sviluppare e mettere a sistema la ricchezza della Sardegna, anche rispetto al patrimonio naturalistico ed ai flussi di Turismo Attivo e sostenibile che risiedono - indubbiamente - nella valorizzazione della Rete sentieristica regionale, la cui gestione trarrà senz'altro grandi benefici dalle attività previste dal protocollo di intesa firmato da CAI ed Ente Foreste.

 

Condividi:

Notizie ed eventi

11 Novembre 2019

Un primo report sul lavoro dedicato ai Paesaggi Forestali col contributo dell'Agenzia al progetto di Ricerca "Paesaggi rurali della Sardegna" , coordinato dall' Osservatorio del Paesaggio...

07 Novembre 2019

In pubblicaizone un avviso per selezionare 2 figure professionali di supporto alla gestione di dati e contenuti promozionali degli itinerari ciclo-escursionistici della Sardegna...

07 Novembre 2019

EURAF 2020 si terrà in Sardegna dal 18 al 20 maggio 2020 . Sarà un’importante occasione di scambio di idee e risultati scientifici e di confronto sugli indirizzi e le pratiche emergenti nel settore...

05 Novembre 2019

Si pubblicano, nella sezione Concorsi, le graduatorie definitive (approvate con Determinazione del sostituto Direttore Generale ) per le assunzioni di 15 impiegati tecnici e 12 amministrativi...

05 Novembre 2019

Un avviso per la vendita di Legna di Pino , depezzata non in catasta, all'imposto, nel PRESIDIO FORESTALE di CASTIADAS .

05 Novembre 2019

Rispetto alla precedente comunicazione di fine ottobre, alcune variazioni su luoghi e date...

05 Novembre 2019

Si sono verificati problemi che riducono sensibilmente le attività e gli orari di vendita nei due principali vivai produttivi dell'Agenzia Forestas, a Campulongu e Bagantinus.

30 Ottobre 2019

Gli uffici della Direzione Generale dell'Agenzia Forestas, come ogni altro ufficio del Sistema Regione , resteranno chiusi nelle due giornate del:

mercoledì 30 ottobre 2019 , per la festività patronale di Cagliari...
24 Ottobre 2019

Comunicato Stampa - 24 ottobre 2019 : Al via il progetto “ LIVINGAGRO – Cross Border Living Laboratories for Agroforestry ” finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENI CBC Bacino del Mediterraneo 2014-2020

16 Ottobre 2019

Aveva suscitato l'attenzione e l'affetto di migliaia di lettori, il salvataggio di un giovane Muflone vicino a Gorroppu , poi consegnato al personale di Forestas e ricoverato nel Centro Fauna Selvatica a Bonassai. Purtroppo però le condizioni...

14 Ottobre 2019

L'Agenzia FoReSTAS è partner del progetto “ LIVINGAGRO – Laboratori di Ricerca agro-forestale in cooperazione internazionale ” finanziato dal programma ENI CBC Med Programme 2014 – 2020

21 Novembre 2019

Nell'ambito dell'inaugurazione dell' Anno Forestale , un'iniziativa sui tema: “ Sugherete e servizi eco-sistemici: quali strumenti per lo sviluppo del mercato ?” nell’ambito delle atività del progetto INCREdible ...