Dal Flumendosa alla Caserma Forestale di Montarbu: un interessante sentiero sardo.

27 Aprile 2010
Perda Iliana

La Sardegna percorsa in 28 diversi sentieri per scoprire tutta la sua bellezza meno celebrata, le sue zone impervie e selvaggie. E' questo l'obiettivo di Sentiero Sardegna, sentiero isolano del lunghissimo Sentiero Italia. Questi itinerari sono stati raccolti in un libro da Salvatore Dedola. Vediamo, dalle pagine dell'autore, una tappa particolarmente interessante, la diciannovesima, che ci porta dal Flumendosa alla Caserma Forestale di Montarbu.

Per compiere il percorso sono previsti due diversi itinerari:

Itinerario estivo
Si parte dal punto in cui la triade fluviale Pirincanes-Forru-Orrulariu si getta nel Flumendosa, noi attraversiamo il Flumendosa, prevedibilmente con l’acqua alla cintola o al petto.
Decliniamo su sentierino lungo l’argine sinistro del Flumendosa per circa 500 m sino a trovarci all’altezza del ponte crollato circa 20 anni fa (dove passerà il Sentiero Italia), dirimpetto al quale è bene in vista il reticolato che racchiude l’immensa area protetta della Forestale in territorio di Arzana e di Gairo. Occorre saltare il reticolato, in attesa che il costruendo Sentiero Italia induca ad apporre uno scalandrone.
Si risale lungo la carrareccia forestale che inizia dalla golena. Prima con tornanti poi diritta essa risale sotto Bruncu su Predi con andamento NW-SE, sopra Accu ’e Lettini. Nella risalita, lunga circa 3 km, vanno scartate tutte le deviazioni che si presentano, a meno che non si voglia prendere a sn quella di q. 750 che allunga un po’ passando sul versante
di Accu Lassinosa e sbucando accanto alla testa del nostro itinerario, a q. 945, sulla strada asfaltata collegante Villanova Strisàili ad Arcu ’e Rì ed a Seùi. Risaliamo lungo l’asfalto per circa 600 m sino a q. 980 dove sta una laida casetta pastorale, proprio dirimpetto all’innesto della strada asfaltata che a S porta alla stazione ferroviaria di Villagrande. 198 Sin qui abbiamo percorso 5 km.

Itinerario Invernale
Dal punto d’immissione finale dei tre affluenti nel Flumendosa, continuiamo lungo l’asfalto procedendo prima in piano poi in leggera salita sino al terzo ponte, superandolo e risalendo sino alla casetta di q. 739 posta in curva a guardia della piccola area mesopotamica
(Serrenter Abbas) che abbiamo finito d’aggirare da S.
Di fronte alla casetta, ossia dall’altra parte della pista asfaltata, prendiamo la sconnessa carrareccia che ci porterà a Perda Iliana. Risaliamo per 500 m sino a q. 750 ad una selletta dove tralasciamo a dx una pista che mena a un ovile e a sn la pista che in discesa
porta a un altro punto dell’asfalto.Teniamo la pista centrale, superando ora un cancello di legno della Forestale e risalendo poi rapidamente sino a immetterci, stando ora in piano, sul fianco N di Accu Lassinosa. Si riprende presto la salita sino a q. 875 dove c’è una fontanella. Da lì nuovamente un tratto in piano, poi la salita finale (tot. 3,5 km) confluendo in poco più di un’ora ad un cancello dove s’attestano anche altre due piste che con la nostra formano, in questo punto, la radice d’un ventaglio. Siamo a q. 945. Qua c’è l’asfalto che collega Villanova Strisaili con Arcu ’e Rì e Seùi.
Risaliamo nell’asfalto e lo percorriamo in salita per 800 m raggiungendo una brutta casetta pastorale posta dirimpetto al bivio asfaltato collegante con la stazione ferroviaria di Villagrande.Totale 6 km.
Ci siamo ricollegati al precedente itinerario estivo.
Ora risaliamo questa strada asfaltata per 600 m passando sotto un ponte oltre il quale, a sn, c’è una pista bianca che ci porta sopra lo stesso ponte; e così siamo proprio al cancelletto di legno, superato il quale risaliremo rapidamente a Perda Iliana. (Attenzione! in
caso di maltempo suggeriamo di proseguire lungo la via di fuga di cui trattiamo subito dopo l’arrivo alla base di Perda Iliana: vedi oltre). Totale itinerario invernale dal Flumendosa, km 6,6.
Prosecuzione per la Caserma di Montarbu
La mulattiera che risale a Perda Iliana, riadattata dagli operai della Forestale a mo’ di vialetto da giardino pubblico, va sino a quota 1100. Avvicinandosi al monumento naturale le cordonate laterali in pietra del sentiero lasciano il posto alla semplice posa laterale dei sassi, quasi un camminamento pilotato tra i prati.
Il sentiero risale sino a q. 1150 dove incontra sè stesso, nel senso che da questo punto esso comincia ad aggirare il pinnacolo di Perda Iliana sino a tornare a questo stesso punto. A quota 1176, nel punto più alto della base di Perda Iliana, il percorso anulare s’incontra col sentiero
proveniente da Arcu Pirastu Trottu. Totale dal Flumendosa per la via invernale km 7,8.

Siamo a quota 1176 alla base di Perda Iliana, dove il percorso anulare s’incontra col sentierino da Pirastu Trottu. Vi s’innesta anche il sentiero che mena a SE, ma esso molto presto degrada nella valle del Riu Sammucu, mentre la mulattiera segnata lungo la linea di cresta,
se la si volesse percorrere, diviene sempre più malagevole sino a sparire tra sassi e sterpi. Infatti il reticolo storico dei sentieri e delle mulattiere è stato quasi ovunque abbandonato dalla Forestale la quale preferisce tracciare nuovi sentieri.
Allora noi, per proseguire agevolmente, optiamo di scendere in libera per circa 300 m dritti a S sul bacino del riu sa Onna, dove la Forestale ha ricuperato un sentiero storico di mezza costa, lungo il quale ci portiamo rapidamente alla selletta di quota 960 dalla quale discendiamo sul bel sentiero ripulito sino all’antico ovile (non segnato in carta) situato
a quota 909.
Da qui possiamo - volendo - operare una ulteriore via di fuga per Taccu Isàra saltando il posto-tappa di Montarbu.
Dall’ovile di quota 909 ci portiamo a quota 869 attraversando il rio Sammucu a valle della sua confluenza col rio Fenarbu e, raggiunto il bosco di querce e gli scalini in pietra, li risaliamo sino a toccare l’erta mulattiera che in circa 800 m ci porterà a Genna Filixi. Siamo esattamente al pentavio citato nella via di fuga per Taccu Isara appena trattata.
Totale 1 km.
Per raccordarci invece tra il su citato ovile abbandonato di quota 909 e la caserma forestale di Montarbu, scendiamo lungo la sponda destra del rio Fenarbu-Sammucu su sentiero praticabile, e continuiamo così per circa 1000 m scavalcando la foce del riu Sa Onna e proseguendo
ancora sopra la sponda dx del rio Sammucu per altri 500 m. Qui dopo che abbiamo scavalcato anche la foce del ruscello decorrente dal Puntali Bacu ’e Pira, quel sentiero e quel reticolato che vedevamo procedere alti e “simbiotici” sull’altra sponda, ora scendono e s’innestano sul nostro sentiero, che pertanto diviene malagevole per l’ingombro del reticolato
che lo ricalca sino a Bau Interflummini, dove confluiscono col nostro rio e quello decorrente da s’Arcu Pirastu Trottu.
Saltiamo il reticolato e percorriamo in discesa la sponda dx del rio (ora rio Sa Taula) su comodo sentiero per circa 400 m sino a che il sentiero diviene una carrareccia (ora siamo in territorio di Seùi) la quale risale a dx a q. 871 e di qui, tralasciata la nuova carrareccia di dx, risale
ancora a q. 948 dove s’innesta sulla rotabile che a dx va a Pirastu Trottu e a sn in 2 km giunge alla casermetta, nostro posto-tappa. Da q. 1176 (base di Perda Iliana) abbiamo percorso km 8,5. Dal Flumendosa km 16,3 (via invernale) e km 14,8 (via estiva).

Articoli correlati:
Cartografia Montarbu
Foresta demaniale di Montarbu
Sezione libri: Sentiero Sardegna - Salvatore Dedola

Condividi:

Notizie ed eventi

16 Ottobre 2019

Aveva suscitato l'attenzione e l'affetto di migliaia di lettori, il salvataggio di un giovane Muflone vicino a Gorroppu, poi consegnato al personale di Forestas e ricoverato nel Centro Fauna Selvatica a Bonassai. Purtroppo però...

14 Ottobre 2019

L'Agenzia FoReSTAS è partner del progetto “LIVINGAGRO – Laboratori di Ricerca agro-forestale in cooperazione internazionale”  finanziato dal programma  ENI CBC Med Programme 2014 – 2020

21 Novembre 2019

Nell'ambito dell'inaugurazione dell'Anno Forestale, un'iniziativa sui tema: “Sugherete e servizi eco-sistemici: quali strumenti per lo sviluppo del mercato?” nell’ambito delle atività del progetto INCREdible....

04 Ottobre 2019

Nei Giorni scorsi i vertici nazionali del Club Alpino Italiano hanno siglato con Fo.Re.S.T.A.S. un accordo di collaborazione triennale per la realizzazione, la riorganizzazione e la gestione dei percorsi escursionistici, in particolare per...

03 Ottobre 2019

Nel condannare l’azione inqualificabile compiuta contro Tepilora, speriamo che la prossima primavera veda nuovamente, dopo tanti anni, gli imponenti nidi della magnifica Aquila di Bonelli nelle foreste della Sardegna....

01 Ottobre 2019

Sabato 5 ottobre 2019, a Porto Conte (Alghero): 1a Conferenza annuale dell'Escursionismo. 

Presso il Parco Naturale Regionale di Porto Conte, nell’ambito di una tre-giorni dedicata agli itinerari sostenibili dell'area...

01 Ottobre 2019

Sono state nominate dal Commissario ad Acta le commissioni d'esame per i concorsi destinati ad un Agronomo ed un Veterinario, con inquadramento da funzionario quadro di I livello...

01 Ottobre 2019

Disponibile on-line il verbale della commissione esaminatrice, riunitasi il 18 settembre per il vaglio delle candidature pervenute...

20 Settembre 2019

Si rende noto che i candidati sono convocati per lo svolgimento della prevista prova scritta presso la sala ex-CISAPI via del Caravaggio a CAGLIARI  per il giorno 14.10.2019...

19 Settembre 2019

Il censimento del Cervo sardo viene condotto dall’Agenzia Forestas ogni anno, in vari areali dell'Isola, per studiare la distribuzione, la consistenza ed il trend evolutivo delle diverse popolazioni presenti.

 ...

16 Settembre 2019

Pubblicata nella sezione "Bandi, Avvisi ed altri atti" la Delibera per la  Nomina Commissione per Avviso pubblico per l’acquisizione della manifestazione di disponibilità per la nomina a Direttore Generale dell’Agenzia FoReSTAS

12 Settembre 2019

La procedura (avviata nel maggio 2019) è stata revocata, in considerazione di un atto di indirizzo prot. n. 4879 del 19.08.2019 dell’Assessore regionale della Difesa Ambiente della Regione Sardegna.