Rinolofo di Mehely

Rinfolo di Mehely - foto di Mauro Mucedda
Areale di distribuzione:
Regione mediterranea; e una specie con areale disgiunto, presente nelle regioni costiere della Spagna e della Francia, nel nord Africa, penisola balcanica, Iran. In Italia la sua presenza è stata accertata, oltre che in Sardegna, anche in Puglia e Sicilia. In Sardegna la sua distribuzione si sovrappone bene a quella dei tavolati calcarei, ricchi di grotte e anfratti; prevalentemente lo si riscontra nella parte occidentale dell’Isola, ad eccezione dei Campidani.
Identificazione:
Si tratta di un pipistrello di taglia medio grande, la cui lunghezza è di circa 55-65 mm e apertura alare di 31-34 cm. Il Rinofolo di Mehely presenta una sorta di disegno scuro attorno agli occhi e la cresta ha l’apice appuntito. Il colore del dorso è grigio bruno, mentre la regione ventrale si presenta molto chiara. Caratteristica di questa specie è che nella colonia si possono riscontrare alcuni esemplari di un vistoso colore arancione, mai segnalati nelle altre parti dell’areale. Si distingue dagli altri Rinolofi per la parte inferiore della sella della foglia nasale che si allarga e finisce a punta.
Habitat:
Questo rinolofo è strettamente cavernicolo e la totalità dei rifugi trovati in Sardegna è costituita da habitat sotterranei, quali grotte e cunicoli. Predilige climi caldi con altitudine che non supera in genere i 500 m. E’ una specie con abitudini, a seconda delle situazioni, sedentarie o migratorie, compiendo spostamenti nelle varie grotte dell’Isola. Tali spostamenti sono legati alle variazioni di temperatura all’interno delle grotte per cui vengono distinti rifugi estivi e invernali. Predilige le zone calcaree. L’attività di caccia inizia al tramonto e si protrae per tutta la notte. Vola lentamente e con agilità. La sua capacità di alzarsi in volo da fermo senza sforzi fa pensare che possa cacciare anche sul terreno. Si nutre essenzialmente di insetti. Il comportamento è gregario e forma colonie spesso molto numerose; nei mesi autunnali e primaverili è solito formare gruppi molto fitti con gli animali addossati tra loro pancia contro pancia; in inverno, durante il letargo, usa occupare superfici anche molto ampie di soffitti e pareti delle grotte, senza alcun contatto tra gli individui. Spesso forma colonie miste con altri Chirotteri.
Riproduzione:
In alcune grotte dell’Isola usa formare con altre specie di pipistrelli colonie di riproduzione; queste grotte si trovano ad altitudini piuttosto basse e hanno temperature che variano tra i 16 e i 25 gradi. La riproduzione avviene durante il periodo primaverile-estivo con la nascita di un unico esemplare. Alla fine dell’estate le grotte “calde” vengono abbandonate e gli animali si trasferiscono nelle grotte invernali per il letargo.
Status di conservazione:
Vulnerabile
Fattori di minaccia:
L’uso di sostanze tossiche per la lotta agli insetti è una delle maggiori minacce per la specie.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna, All. II; DIR. CEE 43/92, All. II e IV; L. 157/92; L.R.23/98.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rhinolophus mehelyi
Nome sardo:
Tutturréddu, alaepèdhe, pinnedhu, pibiristedhu.
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Morfologia tipica dei Toporagni, ha la testa ha un muso lungo ed appuntito, occhi quasi invisibili e orecchie piccole e tondeggianti; la coda è nuda, con alcune lunghe setole...
  • S'Abilastru , così è chiamata in sardo, era una specie ormai scomparsa dal nostro territorio: verrà reintrodotta con un nuovo progetto LIFE nel Parco Naturale Regionale di...
    Sessi simili. Lunga 65-70 cm, con apertura alare di 150-160 cm, e peso medio di 2 kg. Le parti superiori sono bruno scuro, in contrasto con quelle inferiori più chiare, con una...
  • Apertura alare 175-195 cm. Corpo snello, ali lunghe e moderatamente larghe. La coda lunga e forcuta permette una facile identificazione in volo. Sessi simili. Testa e nuca chiare...
  • Rapace di grandi dimensioni con testa piccola ma sporgente. Maschi e femmine simili. A distanza appare evidente il contrasto fra la testa chiara e la restante parte superiore...
  • Ha un’apertura alare di circa 19-24 millimetri. Le ali anteriori sono di colore bruno-arancio, con una macchia nera (ocello) contornata di arancio. Nelle ali posteriori si trovano...
  • Si tratta di una natrice di dimensioni contenute, che oscillano tra i 70 e i 100 cm di lunghezza. Le femmine sono più grandi dei maschi. La testa è ben definita rispetto al corpo...
  • È una farfalla di piccole-medie dimensioni, raggiunge un’apertura alare di 34-44 millimetri. Ha le ali di color marrone, punteggiate da macchie giallo-arancioni. Le ali anteriori...
  • Si tratta di un serpente della famiglia dei Colubridi , frequente incontrarlo nelle campagne e nei giardini, sia in terreni rocciosi, secchi e soleggiati, sia in luoghi più umidi...
    Si tratta di una specie di medie dimensioni che solitamente non raggiunge i 150 cm di lunghezza, con il corpo slanciato, capo ovoidale e ben distinto dal corpo, occhi grandi con...
  • La lunghezza testa-tronco è di circa (48) 50-62 (65) mm, un’apertura alare di (208) 305-350 mm. La colorazione del dorso è di una tonalità bruno-grigio scuro, il ventre grigio o...
  • L'assiolo - o assiuolo - misura poco più di 18 cm. Il suo piumaggio è notevole: il pattern ricorda una corteccia d'albero, ma a toccarla certamente è una soffice coltre piumata...
    Lungo 19 cm, con un’apertura alare di 53-63 cm ed un peso di 55-130 g. Il piumaggio è superiormente bruno scuro lievemente vermicolato, con sfumature rossicce; inferiormente...
  • Tipica anatra tuffatrice di aspetto massiccio e di medie dimensioni, collo lungo e robusto e un’ampia apertura alare. Peso di 750-1300 g ed una lunghezza di 42-46 cm. La femmina è...
  • dimensioni molto contenute, i maschi hanno un’altezza al garrese di 125 -135 cm, le femmine 115 – 130; il peso varia nell’adulto dai 170 ai 200 kg. Il mantello originario era...