Ratto nero

Origine zoogeografica:
Cosmopolita
Areale di distribuzione:
Probabilmente originario della Penisola Indiana ha invaso l’Europa nel Medioevo. In Italia il Ratto nero è diffuso su tutto il territorio comprese le isole.
Identificazione:
Rispetto al Ratto delle chiaviche ha il muso più appuntito, la coda più lunga, le orecchie più grandi e sottili, arrotondate all’apice e nude. La colorazione è variabile, generalmente grigio nera, con una vasta gamma di sfumature, con ventre chiaro.
Habitat:
E’ una specie capace di adattarsi a numerose e diverse situazioni ambientali. Colonizza spesso le aree vicine alle abitazioni umane, le zone rurali, i parchi e i giardini, localizzandosi anche nelle soffitte degli edifici rurali, mentre le popolazioni che vivono in aree con un tipo di clima mediterraneo preferibilmente abitano le campagne, prediligendo i luoghi asciutti e ricchi di vegetazione non molto alta. E’ prevalentemente granivoro, ma può cibarsi anche di frutta, noci, nocciole e piccoli mammiferi. Abile arrampicatore vive in gruppo con una gerarchia ben organizzata. Distrugge le derrate alimentari e inquina tutto ciò che viene a contatto con i suoi escrementi, potenziali vettori di malattie. Spesso è responsabile dei danni a carico di numerose specie arboree ed arbustive coltivate.
Riproduzione:
Il Ratto nero è molto prolifico gli accoppiamenti durante l’anno sono numerosi con tre o al massimo sei parti annuali.
Fattori di minaccia:
La specie non ha problemi di conservazione.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rattus rattus
Nome sardo:
Ricattu, soriche mannu, madròna, merdona
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • È una farfalla piuttosto piccola, con un’apertura alare di 25-35 millimetri. Il maschio ha le ali di un bel blu scuro/viola, che nella femmina è limitato a un piccolo disegno...
  • Presenta un corpo ovoidale, grigio-nerastro, lungo circa 3 millimetri. Le antenne sono rivolte all’indietro. Posteriormente, l’addome porta due sottili tubi, detti cornìcoli, che...
  • L’adulto è lungo tra i 25 e i 40 millimetri con una vistosa ed elegante livrea. Il capo, il torace, le regioni ventrali e le zampe sono scuri con riflessi tendenti al blu e al...
  • La pelliccia è formata da uno strato uniforme di colore grigio argenteo sul dorso mentre la parte ventrale è bianco giallastra. Le orecchie non sono molto grandi, gli occhi sono...
  • dimensioni molto contenute, i maschi hanno un’altezza al garrese di 125 -135 cm, le femmine 115 – 130; il peso varia nell’adulto dai 170 ai 200 kg. Il mantello originario era...
  • La lunghezza testa-tronco è di circa (48) 50-62 (65) mm, un’apertura alare di (208) 305-350 mm. La colorazione del dorso è di una tonalità bruno-grigio scuro, il ventre grigio o...
  • La sua apertura alare va dai 39 ai 48 millimetri. La femmina è leggermente più piccola del maschio. Ha ali bianche con una macchia nera e apice nero nelle femmine, mentre nei...
  • Le sue caratteristiche fisiche lo fanno somigliare ad un ramoscello. Ha antenne corte, zampe lunghe, ed è privo di ali e di spine. Il colore va dal verde chiaro della fase...
  • È una farfalla piuttosto piccola, con una apertura alare di 20-24 millimetri, di color marrone opaco con sfumature azzurre alla base delle ali. Inferiormente, le ali sono di...
  • Il Verzellino è un piccolo uccellino lungo circa 11 centimetri, riconoscibile dal tipico sopracciglio giallo. La colorazione del piumaggio è bruno giallastro barrata di scuro. Il...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 37-40 millimetri. Le ali hanno un colore rosso arancio, il bordo anteriore di quelle superiori è tigrato,...