Ratto delle chiaviche

Origine zoogeografica:
Cosmopolita
Areale di distribuzione:
Originario delle regioni Siberiane, si è diffuso facilmente in tutto il mondo sfruttando anche i mezzi di trasporto legati all’attività umana. È presente in tutto il territorio italiano comprese le due Isole maggiori. La sua presenza in Europa risale al periodo medievale.
Identificazione:
Specie filogeneticamente ben distinta da Rattus rattus ma spesso confuso. Il Rattus norvegicus ha il corpo più tozzo, orecchie più corte e muso meno pronunciato. Superiormente la sua colorazione è marrone-grigio con peli sparsi neri, mentre le parti inferiori sono di colore grigio pallido., il pelo ispido e la coda più corta del corpo. La lunghezza è di 40 cm con la coda.
Habitat:
La specie vive sia in campagna che nelle aree urbanizzate a stretto contatto con l’uomo dal livello del mare fino alla media collina. In campagna è un frequentatore abituale di paludi, canali e fiumi; in città predilige le discariche, i porti, fognature, aree verdi, cantine. E’ principalmente notturno e si allontana dalla sua tana all'approssimarsi del tramonto. Il ratto delle chiaviche è praticamente onnivoro, comprendendo residui di ogni tipo, sia di origine vegetale che animale. È un animale con abitudini gregarie, formando spesso gruppi numerosi in cui un grosso maschio è dominante. A parte qualche carnivoro, il nemico più acerrimo del Ratto delle chiaviche è l’uomo, che da anni combatte una vera e propria guerra. Infatti data la sua attitudine al sinantropismo presenta notevoli implicazioni sia economiche che igienico-sanitarie. I danni causati da questa specie sono veramente di proporzioni rilevanti; rosicchiano fili elettrici, tubi, cemento, mangiano e inquinano una quantità notevole di derrate alimentari.
Riproduzione:
E’ un animale molto prolifico, gli accoppiamenti se l’alimento è abbondante possono avvenire tutto l’anno con una punta massima di 5-6 parti annuali. Il nido è costruito con foglie, pezzi di carta e di stoffa, ramoscelli.
Fattori di minaccia:
Il Ratto delle chiaviche è una specie infestante ben adattata a vivere a stretto contatto con l’uomo e le sue abitudini onnivore non la rendono minacciata.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rattus norvegicus
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Piccolo passero di 15 cm. circa. Presenta dicromismo sessuale. Il maschio si riconosce per il vertice castano, colore nero sulla gola e sul petto piuttosto esteso, fianchi striati...
  • Pipistrello di media taglia, con caratteristiche orecchie corte e arrotondate e trago molto piccolo a forma di fungo. Pelliccia di colore bruno sul dorso, con peli bicolori più...
  • Si tratta di un animale di piccole dimensioni, con occhi e orecchie grandi, mascherina nera facciale che parte dai baffi e arriva dietro le orecchie, passando sugli occhi. Le...
  • Uccello dalle piccole dimensioni lungo 15 cm., con zampe giallastre e becco nerastro. Molto simile al Corriere grosso dalla quale differisce per la mancanza della barra alare...
  • Il Merlo è un uccello abbastanza noto, con i suoi 25 cm di lunghezza, peso gr 80-100 e un’apertura alare di 30-40 cm. Il piumaggio del maschio è nero lucente con becco e rima...
  • Ha il corpo lungo 15-20 millimetri, il dorso di colore rosso-marrone screziato, e gli occhi grandi e rossi. Le zampe posteriori, adatte al nuoto, sono lunghe, appiattite e orlate...
  • Il corpo ricorda quello di una vespa slanciata, della lunghezza di circa 15 millimetri. La colorazione è interamente nero-viola, comprese le ali. Le antenne sono molto lunghe e...
  • La principale caratteristica di questa specie, come di tutti i Lucanidi, sono le grandi mandibole del maschio, possenti e ricurve. Il corpo è allungato e leggermente appiattito,...
  • Apertura alare 175-195 cm. Corpo snello, ali lunghe e moderatamente larghe. La coda lunga e forcuta permette una facile identificazione in volo. Sessi simili. Testa e nuca chiare...
  • Si riconosce per la grossa mole, per le grandi orecchi parzialmente unite alla base e dirette in avanti, per la notevole sporgenza della coda oltre il margine della membrana...
  • Si tratta di una natrice di dimensioni contenute, che oscillano tra i 70 e i 100 cm di lunghezza. Le femmine sono più grandi dei maschi. La testa è ben definita rispetto al corpo...