Ratto delle chiaviche

Origine zoogeografica:
Cosmopolita
Areale di distribuzione:
Originario delle regioni Siberiane, si è diffuso facilmente in tutto il mondo sfruttando anche i mezzi di trasporto legati all’attività umana. È presente in tutto il territorio italiano comprese le due Isole maggiori. La sua presenza in Europa risale al periodo medievale.
Identificazione:
Specie filogeneticamente ben distinta da Rattus rattus ma spesso confuso. Il Rattus norvegicus ha il corpo più tozzo, orecchie più corte e muso meno pronunciato. Superiormente la sua colorazione è marrone-grigio con peli sparsi neri, mentre le parti inferiori sono di colore grigio pallido., il pelo ispido e la coda più corta del corpo. La lunghezza è di 40 cm con la coda.
Habitat:
La specie vive sia in campagna che nelle aree urbanizzate a stretto contatto con l’uomo dal livello del mare fino alla media collina. In campagna è un frequentatore abituale di paludi, canali e fiumi; in città predilige le discariche, i porti, fognature, aree verdi, cantine. E’ principalmente notturno e si allontana dalla sua tana all'approssimarsi del tramonto. Il ratto delle chiaviche è praticamente onnivoro, comprendendo residui di ogni tipo, sia di origine vegetale che animale. È un animale con abitudini gregarie, formando spesso gruppi numerosi in cui un grosso maschio è dominante. A parte qualche carnivoro, il nemico più acerrimo del Ratto delle chiaviche è l’uomo, che da anni combatte una vera e propria guerra. Infatti data la sua attitudine al sinantropismo presenta notevoli implicazioni sia economiche che igienico-sanitarie. I danni causati da questa specie sono veramente di proporzioni rilevanti; rosicchiano fili elettrici, tubi, cemento, mangiano e inquinano una quantità notevole di derrate alimentari.
Riproduzione:
E’ un animale molto prolifico, gli accoppiamenti se l’alimento è abbondante possono avvenire tutto l’anno con una punta massima di 5-6 parti annuali. Il nido è costruito con foglie, pezzi di carta e di stoffa, ramoscelli.
Fattori di minaccia:
Il Ratto delle chiaviche è una specie infestante ben adattata a vivere a stretto contatto con l’uomo e le sue abitudini onnivore non la rendono minacciata.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rattus norvegicus
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Frequenta ambienti a prevalente vegetazione erbacea .
    Apertura alare 100-121 cm. Ali ampie con punta arrotondata. Corpo massiccio e panciuto, testa grossa, coda stretta e lunga ad apice arrotondato. La silhouette delle femmine è...
  • Specie di medie dimensioni. Ha il becco appuntito e ricurvo, color rosso giallastro. Le ali sono lunghe. Il piumaggio, identico nei due sessi, presenta diverse sfumature di grigio...
  • Il Gabbiano reale mediterraneo è il gabbiano più comune, nel complesso simile al L. argentatus e al L. cachinnans. Differisce dal Laurus argentatus per le dimensioni maggiori,...
  • La lunghezza testa-tronco è di circa (48) 50-62 (65) mm, un’apertura alare di (208) 305-350 mm. La colorazione del dorso è di una tonalità bruno-grigio scuro, il ventre grigio o...
  • Specie strettamente legata all’ambiente marino. Simile al Gabbiano reale ma più snello e agile, con le ali più lunghe e più strette, di dimensioni inferiori, il becco rosso e le...
  • Si riconosce per avere sulle tibie e nella membrana alare il pelo folto. La colorazione sul dorso è grigio scura o marrone giallastra con il ventre più chiaro. La lunghezza testa-...
  • Orecchie grandi e lunghe a contatto sopra la testa. Lunghezza testa-tronco 41-58 mm, apertura alare di 255-300 mm. Molto simile all’Orecchione comune, con colorazione del dorso...
  • Il maschio è alato, ha il corpo giallastro lungo 18 millimetri e le elitre brune. La femmina invece è lunga fino a 25 millimetri, è gialla con i fianchi rosa ed è attera. Entrambi...
  • Le dimensioni degli adulti raggiungono i 37 cm, con un peso di 450-750 g. Uccello di medie dimensioni dal becco compresso e appuntito e zampe molto lunghe per muoversi con agilità...
  • La Tiliguerta può raggiungere i 24 cm di lunghezza inclusa la coda, di solito i maschi hanno dimensioni superiori.. Si tratta di una lucertola dal corpo piccolo e non appiattito,...
  • S'Abilastru , così è chiamata in sardo, era una specie ormai scomparsa dal nostro territorio: verrà reintrodotta con un nuovo progetto LIFE nel Parco Naturale Regionale di...
    Sessi simili. Lunga 65-70 cm, con apertura alare di 150-160 cm, e peso medio di 2 kg. Le parti superiori sono bruno scuro, in contrasto con quelle inferiori più chiare, con una...
  • I sessi risultano differenziati: il maschio in primavera e durante l’inverno ha il capo e il collo di color verde scuro, collare bianco, petto bruno-rossiccio in contrasto con le...