Rana verde di Lessona

rana di Lessona

La rana di Lessona è nota anche come rana verde minore ed è un anfibio della famiglia Ranidae, presente in Europa.

Origine zoogeografica:
Europea
Areale di distribuzione:
L'areale europeo comprende principalmente le Regioni centrali del Continente e la penisola Italiana; diffusa nelle zone di pianura, collina e media montagna dell'Italia settentrionale (esclusa la Liguria), dell'Europa meridionale ( Francia meridionale esclusa) e della Russia, la Rana lessonae è stata segnalata per la prima volta in Sardegna agli inizi degli anni '50, nella zona attorno a Tempio Pausania e nel Campidano di Oristano, anche se la sua presenza sembra sia dovuta ad un'introduzione in più riprese, principalmente in un periodo compreso fra la fine del 1800 e gli anni '60. Oggi la si può trovare in varie parti dell'Isola, ma con un areale piuttosto discontinuo. La specie sembra essersi acclimatata.
Identificazione:
La specie è caratterizzata da una colorazione variabile, ma in genere mostra un fondo verde chiaro con delle macchie di un verde oliva o scuro sul dorso. Il capo ha forma triangolare, occhi sporgenti e timpano ben visibile. La colorazione delle parti dorsali varia dal verde erba al bruno talora cosparsa di macchie scura spesso più o meno fuse a formare delle bande longitudinali,; le parti ventrali sono biancastre, a volte con macchie nerastre. Vi è dimorfismo sessuale, i maschi hanno due sacchi vocali, di color grigio chiaro o biancastri, che mentre cantano si estroflettono ai lati della bocca, gli avambracci più robusti e un cuscinetto carnoso sul I° dito della zampa anteriore, sono mediamente più piccoli e misurano attorno agli 8 cm, mentre le femmine hanno dimensioni superiori (circa 11 cm). Durante il periodo riproduttivo il maschio assume la livrea nuziale, quasi priva di macchie dorsali e tendente al verde-giallastro.
Habitat:
La Rana lessonae frequenta le zone cespugliate e aperte, predilige le acque lente o ferme, come stagni o pozze d'acqua ricche di vegetazione, dove trovare rifugio. Può allontanarsi dall'acqua anche di alcuni chilometri perchè possiede una struttura fisica che le consente di scavare sottoterra per sfuggire ad eventuali condizioni sfavorevoli. Durante il periodo invernale, da novembre a tutto febbraio, trascorre il letargo sul fondo di buche di una discreta profondità, non è raro però che interrompa l'ibernazione se le condizioni climatiche sono favorevoli. Si nutre prevalentemente di invertebrati e di piccoli vetrebrati e le prede vengono catturate non sott'acqua ma sulla sua superficie o sulla terra; è una specie molto vorace e pratica il cannibalismo soprattutto sui girini e sui giovani. I girini sono onnivori.
Status di conservazione:
Specie insufficientemente conosciuta
Fattori di minaccia:
La specie è minacciata dalla perdita dell'habitat dovuta all’utilizzo delle risorse idriche, dall’uso di diserbanti e pesticidi in agricoltura.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna (legge 503/1981, allegato III); Legge Regionale 29 luglio 1998, n° 23.
Curiosità:
Fu descritta per la prima volta da Lorenzo Camerano nel 1882 che ne scelse il nome specifico in onore del suo maestro, l'erpetologo Michele Lessona.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Pelophylax lessonae
Nome sardo:
Non esiste nome proprio
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Potrebbe interessarti anche:

  • dimensioni molto contenute, i maschi hanno un’altezza al garrese di 125 -135 cm, le femmine 115 – 130; il peso varia nell’adulto dai 170 ai 200 kg. Il mantello originario era...
  • Ha un muso allungato e la testa piuttosto appiattita, colorazione del dorso e delle parti superiori scura, quasi nerastra picchiettata-reticolata di giallo, talora chiara, grigio-...
  • Anitra caratterizzata dalla colorazione grigio vermicolato sui fianchi e sul dorso leggermente screziata sul capo e sul collo del maschio, con la presenza del nero nelle parti...
  • Il biacco è classificato in due modi ( Hierophis viridiflavus , precedentemente come Coluber viridiflavus ). Si tratta di un serpente della famiglia dei Colubridi, frequente...
    Si tratta di una specie di medie dimensioni che solitamente non raggiunge i 150 cm di lunghezza, con il corpo slanciato, capo ovoidale e ben distinto dal corpo, occhi grandi con...
  • L’adulto può raggiungere circa 6 centimetri di apertura alare. Le ali sono bianche. Quelle anteriori hanno le estremità nere e, nelle femmine, hanno due macchie nere per ala.
  • Airone di forma tozza e con zampe piuttosto corte. Lungo circa 50 cm, con un’apertura alare di 105-112 cm e un peso di 380-890 g, si presenta con il dorso è nero e le parti...
  • Più piccolo e chiaro della specie nominale, ha una lunghezza totale di circa 38-53 cm, le zampe posteriori lunghe, una colorazione della pelliccia prevalentemente grigia,...
  • Airone di piccole dimensioni e piumaggio prevalentemente bianco, confuso spesso con la Garzetta da cui differisce per il collo più grosso e l’aspetto più tozzo.. Sessi simili. Il...
  • Rapace di grandi dimensioni con testa piccola ma sporgente. Maschi e femmine simili. A distanza appare evidente il contrasto fra la testa chiara e la restante parte superiore...
  • Le orecchie sono ampie, corte e unite tra loro sulla fronte da una plica cutanea, caratteristica che rende questa specie facilmente distinguibile da altre simili. La colorazione...
  • Apertura alare 250-295 cm. Il maschio è di norma leggermente più piccolo della femmina. Ali larghe e rettangolari. In proporzione la coda leggermente cuneata, appare corta. Testa...
  • Leggermente più alto al groppone, il daino ha un aspetto e un portamento complessivamente eleganti anche se le zampe sono proporzionalmente meno lunghe di quelle del cervo. Ha una...